ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 07:32 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 14 DICEMBRE 2012

TRASPORTO FERROVIARIO

DISCO VERDE PER L'AUTOSTRADA VIAGGIANTE ATTRAVERSO LE ALPI

Francia ed Italia hanno dato il via libera alla realizzazione di un collegamento ferroviario ad alta velocità fra Lione e Torino.

L'elemento fondamentale del progetto è la costruzione di una galleria ferroviaria lunga 57 km attraverso le Alpi da Saint-Jean-de-Maurienne sul lato francese a Susa in Italia.

Il suo costo è stato stimato in 8,5 miliardi di euro, con il contributo al finanziamento del 60% dell'opera da parte dell'Italia (2,9 miliardi di euro) e della Francia (2,2 miliardi di euro).

Il progetto, tuttavia, dipende dal conseguimento dei fondi europei per il restante 40%.

Gli ambientalisti si oppongono strenuamente al progetto, affermando che esso deturperà zone di eccezionale bellezza naturale e sottolineando nel contempo come la capacità ferroviaria esistente sia sottoutilizzata.

I sostenitori dell'opera, peraltro, dicono che l'autostrada viaggiante - quando sarà pienamente operativa - sarà in grado di togliere dalle congestionate autostrade alpine almeno un milione di veicoli pesanti all'anno.

Un collegamento ferroviario ad alta velocità transalpino - oggetto di discussioni fra i due paesi da 20 anni a questa parte - ridurrebbe i tempi di viaggio per i treni che viaggiano da Torino a Lione da 3 ore e mezza ad un'ora e mezza e porrebbe Parigi a poco più di quattro ore da Milano rispetto alle attuali sette ore.

Tuttavia, è improbabile che esso possa entrare in servizio prima del 2028-29 ed il suo costo definitivo potrebbe allora raggiungere i 25 miliardi di euro.

La federazione francese degli utenti del trasporto (FNAUT) ha gettato il suo peso sul progetto.
Essa ha infatti dichiarato: “La costruzione di un tunnel a bassa quota consentirà una notevole riduzione dei costi del trasporto merci ferroviario ed offrirà la capacità necessaria al trasferimento alla ferrovia dell'attuale traffico di veicoli pesanti”.

Un esperto del settore sostiene che la fattibilità del progetto “risiede essenzialmente su un imponente dirottamento modale” dalla strada alla rotaia.

“Dovrebbero esserci incentivi per incoraggiare questo trasferimento, mentre dovrebbe essere posti limiti alla continuazione dell'uso dei tunnel stradali da parte dei veicoli pesanti, come un incremento dei pedaggi e le limitazioni operative nei week-end e nei giorni di punta delle partenze per le vacanze”.
(da: lloydsloadinglist.com, 04.12.2012)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail