ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 07:30 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 14 DICEMBRE 2012

LOGISTICA

PREPARATIVI DELLA UPS PER AGEVOLARE LA FUSIONE CON LA TNT

La UPS ha preparato un pacchetto di concessioni per assicurarsi il via libera da parte della Commissione Europea in ordine alla sua fusione da 5,2 miliardi di euro con la propria controparte TNT, annunciata lo scorso mese di aprile.

Le proposte sono state sottoposte alla Commissione Europea il 29 novembre.

In una Dichiarazione di Obiezione inviata alla UPS ed alla TNT nel mese di ottobre, la Commissione Europea aveva detto che tale integrazione potrebbe squilibrare la concorrenza nel mercato europeo dei corrieri.

Infatti, il Commissario Europeo Joaquin Almunia aveva richiesto “rimedi sostanziali”.

Si è compreso che, al fine di riportare in carreggiata la fusione, la UPS sta prendendo in considerazione l'ipotesi di offrire un accesso alla propria estesa rete europea di trasporto stradale ed aereo - in seguito al rilevamento della TNT - ai propri concorrenti del settore dei corrieri espressi.

Ciò dovrebbe combinarsi con vendite del patrimonio, come nel caso dell'accordo provvisorio annunciato dalla TNT il mese scorso in relazione alla cessione della TNT Airways e del vettore con sede in Spagna Pan Air Lineas Aereas alla ASL Aviation Group.

Nessuno è stato immediatamente disponibile a fare commenti al riguardo presso la sede centrale della UPS a Bruxelles, ma alcuni azionisti hanno detto che, se le condizioni correlate alla fusione con la TNT divenissero troppo limitanti, la UPS potrebbe tirarsi fuori dall'accordo.

Richard Platte, gestore del portafoglio della Ave Maria Mutual Funds, che detiene azioni ed obbligazioni della UPS, ha dichiarato al quotidiano statunitense Wall Street Journal: “Ad un certo momento, se dovessero mollare grandi sezioni della TNT, la fusione perderebbe la sua attrattiva”.

“A un bel momento, se non avesse più senso, conto che la UPS scappi via” ha aggiunto.

Dan Popowics, gestore del portafoglio della Fifth Third Asset Management Inc, anche la quale detiene quote della UPS, ha detto che la TNT per la UPS “è bella da avere” ma che “non è essenziale”.

Afferma Popowics: “Esiste certamente l'opportunità di procedere a questa acquisizione, ma noi non abbiamo mai pensato che per la UPS essa fosse centrale per le prestazioni a breve termine.

Si spera che essi saranno in grado di portarla a termine senza troppo bisogno di procedere a cessioni d'azienda”.

Si dice che la UPS abbia avviato colloqui nelle ultime settimane con terze parti fra cui la FedEx al fine di esaminare le possibili soluzioni per agevolare l'approvazione delle norme europee inerenti alla fusione con la TNT.

La FedEx è nettamente contraria all'accordo, ma è difficile ipotizzare che la UPS sia d'accordo a lasciare che il suo patrimonio cada nelle mani del suo principale rivale come strumento di conciliazione.
(da: lloydsloadinglist.com, 29.11.2012)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail