ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 July 2019 The on-line newspaper devoted to the world of transports 10:36 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXI - Numero 30 SETTEMBRE 2013

PROGRESSO E TECNOLOGIA

ROTTERDAM SI TUFFA SULLO SMART GRID

Il Porto di Rotterdam è uno dei pochi scali che stanno studiando l'idea “Smart Grid” e sta lavorando con la GE al fine di sviluppare soluzioni su misura.

“Rotterdam è certamente uno di quei conglomerati globali del settore che si ritrovano in uno spazio molto ristretto e, a causa del petrolchimico e di altre attività presenti in loco, con una domanda energetica incredibilmente elevata.

Questa è una delle linee-guida che stanno dietro al progetto” afferma Stephen Burdis della GE.

I principali operatori del settore in genere dispongono di propri generatori di riserva - per quanto essi siano più basati sul diesel che su alternative “verdi” - e Rotterdam sta cercando di integrare nel proprio sistema fonti energetiche maggiormente strutturate sul vento, sul sole e su fonti a basse emissioni di anidride carbonica, sostiene Burdis.

Tuttavia, un elemento fondamentale è quello della realizzazione di un maggiore controllo locale ed una maggiore comprensione delle esigenze energetiche.

“Ciò significa gaurdare alla quota di elettricità complessiva di tutti gli operatori del settore in tutto il porto, piuttosto che a quella di ciascun operatore individualmente.

Facendo così, essi potrebbero raggruppare le risorse energetiche a loro disposizione e forse addirittura finire per effettuare operazioni con una “miro-griglia” con ciascuna comunità di clienti del settore.

Rotterdam ha lanciato la sua Iniziativa per il Clima di Rotterdam con l'obiettivo di ridurre le emissioni di anidride carbonica del 50% entro il 2025; la GE supporta l'iniziativa ed è impegnata in uno studio di fattibilità di un VPP (Impianto Energetico Virtuale) per il distretto portuale.

“Un VPP integra i sistemi di produzione energetica controllabili ed incontrollabili con utenti flessibili; viene gestito come se fosse un unico impianto energetico e può altresì offrire possibilità di immagazzinaggio di energia” si legge in un rapporto sul progetto.

“Un VPP perciò contribuisce ad adattare le fonti sostenibili alla produzione instabile e meno prevedibile, come quella inerente all'energia eolica e solare, nella griglia dell'elettricità, garantendo nel contempo una produzione di energia elettrica stabile ed affidabile.

Esso utilizza attrezzature intelligenti di misurazione e monitoraggio ed è in grado di adattarsi in modo flessibile a tassi di elettricità variabili”.

Il rapporto aggiunge che molti grandi impianti industriali producono in proprio l'elettricità ed il calore, oltre a consumare energia dalla griglia.

Combinando la fornitura locale di energia e la domanda di molteplici imprese in un VPP, e gestendole come se fossero un'impresa unica, possono ridurre in modo notevole i costi dell'elettricità e nel raggruppamento potrebbero essere integrate l'energia rinnovabile e la cogenerazione flessibile.
(da: portstrategy.com, 17.09.2013)



Evergreen Line Vincenzo Miele


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail