ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 10:23 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIII - Numero 30 APRILE 2015

PORTI

EUROGATE MOVIMENTA VOLUMI DA RECORD

Il gruppo Eurogate ha fatto registrare nel 2014 il maggior numero di sempre di contenitori movimentati, con un incremento del 4,2%, mentre anche i ricavi sono aumentati del 5,3%.

Lo sviluppo complessivo dei volumi containerizzati movimentati presso i vari siti di Eurogate è stato di varia natura nel 2014.

Fra tutti, i terminal tedeschi hanno movimentato 8,1 milioni di TEU e pertanto hanno sostenuto il proprio primato nel mercato.

Bremerhaven, il maggior sito terminalistico tedesco di Eurogate, è rimasto stagnante sul livello dell'anno precedente con 5,8 milioni di TEU dal momento che la nuova generazione di grandissime portacontainer da 10.000 TEU ed oltre si sono stabilite qui prima che in altri scali marittimi, mentre lo Eurogate Container Terminal di Amburgo ha fatto registrare una crescita sostenuta del 16,7% nel 2014, movimentando 2,3 milioni di TEU.

“Il gruppo Eurogate continua ad essere in buona posizione per conservare i suoi volumi, malgrado la concorrenza si sia intensificata” afferma Emanuel Schiffer, presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Eurogate.

“Wilhelmshaven è la nostra risposta alla tendenza in atto verso navi sempre più grandi che abbiamo osservato nel corso degli ultimi anni.

Nel contempo, i cantieri navali hanno nel proprio registro delle ordinazioni mega unità destinate al trasporto di container con capacità di 20.000 TEU”.

Il 20 febbraio scorso la prima nave operativa nell'ambito del servizio Estremo Oriente-Nord Europa della 2M Alliance composta da Mærsk Line e MSC Mediterranean Shipping Company ha attraccato all'Eurogate Container Terminal di Wilhelmshaven.

L'alleanza 2M ha incluso l'unico porto tedesco ad acque profonde nel proprio orario con due servizi di linea sulla propria rotta Estremo Oriente-Europa e tre servizi di raccordo.

Anche la Maersk Line ha dato il via ad un terzo servizio di linea fra il Medio Oriente e l'India.

Il porto in questione sta assistendo ad un incremento della domanda da parte dei caricatori.

Altrove, lo sviluppo dei siti internazionali di Eurogate è stato nel complesso positivo: i terminal container italiani hanno conseguito una leggera crescita dello 0,3%, mentre navi da 16.000 TEU scalano regolarmente i terminal dell'Europa meridionale del gruppo Eurogate.

“Ci aspettiamo che entro cinque anni tutti i servizi Estremo Oriente-Nord Europa effettuino operazioni con navi della classe da 16.000 a 22.000 TEU.

Ciò comporta enormi problematiche per le infrastrutture dei porti.

Come gruppo, tuttavia, abbiamo adottato una visione rilassata circa la situazione” aggiunge Schiffer.

Al fine di agevolare la movimentazione delle grandi portacontainer presso lo LSCT La Spezia Container Terminal, la società ha investito in due nuove gru a cavaliere in grado di gestire 23 file di contenitori sul ponte di coperta.

Nel contempo, lo sviluppo del terminal container di Tangeri ha avuto successo, avendo esso incrementato i volumi movimentati sostanzialmente del 33,2% sino a 1,4 milioni di TEU.

Trattative sono attualmente in corso in ordine ad un ulteriore impegno di Tangeri nell'ampliamento dell'area portuale del TangerMed II e nell'incremento delle capacità terminalistiche nel sito.

La tendenza in atto per quanto riguarda i volumi movimentati si è manifestata anche in relazione all' Ust-Luga Container Terminal, che malgrado la crisi russa ha fatto registrare una crescita del 68,1% sino a 103.521 TEU.

Eurogate sta inoltre investendo in “energia verde” per le sue operazioni terminalistiche ed all'inizio di quest'anno ha reso operativa la sua seconda turbina eolica a Bremerhaven.

Negli ultimi anni, la società ha moltiplicato gli sforzi per risparmiare energia e ridurre le emissioni di CO2 per contenitore e dal 2008 il consumo di energia per container è stato ridotto del 13% e le emissioni di CO2 del 18%.

“Negli ultimi anni, fra l'altro abbiamo lavorato sodo per migliorare ulteriormente la nostra situazione relativa ai costi.

E continueremo a rafforzare la qualità dei nostri servizi per consentirci di distinguerci dai nostri concorrenti” ha concluso Schiffer.
(da: portstrategy.com, 17 Aprile 2015)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail