ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 de noviembre de 2020 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 14:24 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIII - Numero 15 GIUGNO 2015

TRASPORTO STRADALE

LA COMMISSIONE EUROPEA DICHIARA INAMMISSIBILE IL SALARIO MINIMO PER I TRANSITI INTERNAZIONALI

La Commissione Europea ha avviato una procedura d'infrazione nei confronti della Germania riguardo all'applicazione della sua normativa sul salario minimo relativo alle operazioni internazionali di transito nel trasporto stradale.

"La Commissione, pur supportando l'introduzione di un salario minimo in Germania, considera che l'applicazione della normativa in questione a tutte le operazioni di trasporto riguardanti il territorio tedesco limiti la libertà di assicurare servizi e la libera movimentazione delle merci in modo sproporzionato" si legge in una dichiarazione della Commissione.

A febbraio, il governo tedesco aveva sospeso l'applicazione della normativa introdotta il mese precedente che imponeva il salario minimo del paese ai trasportatori internazionali in transito attraverso la Germania.

La misura era intesa a combattere il "dumping" sui salari nel settore dell'autotrasporto tedesco, dove c'è un forte risentimento nei confronti della concorrenza sleale apportata dai paesi dove vigono salari bassi.

Peraltro il governo ha dovuto cedere alle pressioni effettuate da altri paesi europei, segnatamente la Polonia, e da associazioni di categoria come l'IRU.

Un portavoce della Commissione Europea ha dichiarato: "L'applicazione delle misure tedesche ai transiti (vale a dire i servizi di trasporto attraverso la Germania ma destinati ad un altro territorio) ed a certe operazioni di trasporto internazionale non può, secondo l'opinione della Commissione, essere giustificata.

Alle autorità tedesche saranno dati due mesi per ribattere alle argomentazioni portate avanti dalla Commissione".

L'infrazione non si estende alle attività di "cabotaggio", il che significa che la Germania può ancora richiedere che il suo salario minimo di 8,50 euro all'ora sia pagato agli autisti delle ditte straniere impegnate in operazioni nazionali all'interno del paese.

Ai sensi della regolamentazione dell'Unione Europea sul cabotaggio, le ditte estere hanno il diritto di effettuare un massimo di tre operazioni nazionali di trasporto in un periodo di sette giorni, immediatamente successive ad un'operazione internazionale.

La Commissione deve ancora prendere posizione sul cabotaggio in relazione al salario minimo nei singoli stati membri.

Anche la normativa francese potrebbe essere sottoposta al vaglio della Commissione Europea.

A febbraio, il parlamento francese ha approvato una legge, che entrerà in vigore alla fine di quest'anno, ai sensi della quale il salario minimo regolamentare sarà applicato alle operazioni di cabotaggio.

Tuttavia, non è chiaro se la norma in questione prevede di estendere tale regolamentazione al trasporto internazionale ed alle attività di transito sul territorio francese.
(da: lloydsloadinglist.com, 27 maggio 2015)



PSA Genova Pra'


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it