ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 17:44 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 GENNAIO 2016

LEASING

IMPRESE DI NOLEGGIO DI CONTENITORI “TUTTE NELLA STESSA BARCA”: SOMMERSE DA “UNA SIGNIFICATIVA EROSIONE DELLA PROSPERITÀ”

Date le poche speranze di ripresa dei traffici containerizzati, ci si aspetta che i principali fornitori del settore - le ditte di leasing dei container - vengano assoggettate ad una seria pressione quest'anno.

Recenti analisi della DMER (Drewry Maritime Equity Research) hanno concluso che i principali noleggiatori di contenitori continueranno a soffrire a causa del peggioramento - iniziato l'anno scorso - delle condizioni delle attività.

Una combinazione di fattori ha contribuito a realizzare una situazione di intralcio alla crescita, profitti scalfiti ed “ingente erosione della prosperità” per gli investitori: la capitalizzazione combinata del mercato delle principali società di noleggio contenitori presenti in borsa (Textainer, TAL, CAI e Touax) “è ruzzolata” del 74% nel corso dell'ultimo anno.

Dato il rallentamento delle esportazioni cinesi, il declino dei volumi di traffico nel corso del 2015 ha semplicemente significato una minore domanda di box a noleggio da parte dei vettori; tale situazione è stata complicata dalla diminuzione dei prezzi dei contenitori nuovi, indotta dal crollo del prezzo dell'acciaio a causa dell'enorme eccesso di capacità, che ha reso molto più allettante per le linee di navigazione investire in container di proprietà .

Secondo la DMER, i prezzi dei contenitori sono calati nel corso dell'anno e nel trimestre finale del 2015 si sono attestati in media su 1.500 dollari USA per una unità da 20 piedi, concludendo l'anno a 1.450 dollari USA: il livello più basso dal 2003.

Nel contempo, i prezzi dei contenitori per carichi secchi sono diminuiti sino a 830 dollari USA, al di sotto del precedente minimo, registrato nel 2009.

“Si prevede che i prezzi dei container, sia nuovi che usati, vadano a diminuire o nel migliore dei casi a restare uguali nel 2016” afferma.

I noleggiatori di contenitori hanno usufruito di uno dei loro periodi più prosperi dall'inizio della recessione e le linee di navigazione a corto di liquidità non sono state in grado di investire esse stesse in nuovi container, facendo sempre più affidamento sulle società di leasing per colmare il divario di capacità in termini di equipaggiamenti.

L'anno scorso, peraltro, a detta della Drewry è stato poco meno che disastroso e ci sono poche possibilità che l'ambiente diventi più sereno.

“Riteniamo che i prezzi dei titoli degli operatori di noleggio contenitori resteranno sotto pressione nel 2016, dal momento che pensiamo che tutti i noleggiatori di container pubblici siano nella stessa barca.

Gli investitori non dovrebbero aspettarsi alcun miglioramento dei prezzi dell'acciaio o dei tassi d'interesse che cambino sostanzialmente la situazione.

Dal momento che le compagnie di navigazione di linea sono clienti fondamentali per i noleggiatori di contenitori, l'eccesso di capacità atteso unitamente alle deboli tariffe di nolo per il settore di linea finirà per indebolire il potere contrattuale dei noleggiatori riguardo alle tariffe di leasing” sostiene la Drewry.

Di conseguenza, la DMER accoglie con favore l'imminente fase di consolidamento che avrà luogo se la TAL completerà la propria fusione con la Triton; la società così combinata supererà la Textainer quale maggiore impresa mondiale del settore.

“A nostro giudizio la proposta fusione apporterà vantaggi ad entrambe le parti interessate così come innalzerà la società risultante alla posizione di vertice del settore.

La fusione non solo ridurrà secondo i principi contabili generalmente accettati l'aliquota fiscale dall'attuale 20% al 15%, ma, secondo gli amministratori della TAL, sarà anche più redditizia del 30% riguardo all'utile per azione.

Attualmente, il titolo è scambiato con un forte sconto anche di sotto del suo valore nominale.

Per come la vediamo noi, la TAL dovrebbe trarne degli stimoli una volta migliorati i fondamentali del mercato” sostiene la DMER.
(da: theloadstar.co.uk, 25 gennaio 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail