ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 de noviembre de 2020 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 17:40 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 29 FEBBRAIO 2016

TRASPORTI ED AMBIENTE

LA SUSTAINABLE SHIPPING INITIATIVE SOLLECITA IL SETTORE AD ADOTTARE POLITICHE VERDI E TECNOLOGIE PULITE

Un gruppo di importanti operatori dello shipping ha chiesto al settore industriale nel suo complesso di adottare nuovi modelli finanziari al fine di sovvenzionare gli aggiornamenti delle tecnologie pulite e di sostenere la richiesta di una nuova struttura internazionale per affrontare il problema delle emissioni derivanti dal trasporto marittimo.

La SSI (Sustainable Shipping Initiative), che rappresenta 17 ditte di tutto il settore dello shipping fra cui Bunge, Cargill, Maersk Line, ABN AMRO, Lloyd's Register ed AkzoNobel, ha pubblicato il 24 febbraio il proprio rapporto progressivo annuale, descrivendo le modalità finalizzate ad accelerare l'adozione di tecnologie pulite, promuovere le prassi sostenibili di riciclo delle navi e rendere il settore marittimo un datore di lavoro più allettante.

Il rapporto progressivo si propone di fungere quale precursore del nuovo piano d'azione del gruppo per conseguire il rapido miglioramento delle prestazioni ambientali degli operatori marittimi da qui al 2040, che dovrebbe essere pubblicato prima della fine di marzo.

Nello specifico, il gruppo ha svelato i piani per realizzare entro il 2018 "un modo efficiente dal punto di vista dei costi" per i membri della SSI allo scopo di supportare le SRFs (infrastrutture di riciclaggio delle navi) nel conseguire "requisiti minimi di sicurezza, ambientalmente e socialmente responsabili" e conformarsi alla HKC, la convenzione internazionale di Hong Kong dell'IMO (International Maritime Organisation) sul riciclaggio delle navi sicuro ed affidabile, concordata a livello internazionale, ma non ancora sufficientemente ratificata perché possa entrare in vigore in tutto il mondo.

Esso ha inoltre sollecitato un numero maggiore di armatori ed operatori marittimi a trarre vantaggio del programma finanziario SAYS (Save as you Sail) di recente adozione che punta a far sì che gli armatori ed i noleggiatori condividano i vantaggi che derivano dagli aggiornamenti relativi all'efficienza.

"Il SAYS comprende un modello finanziario che armatori, noleggiatori e finanziatori possono utilizzare per strutturare ritorni sugli investimenti e profitti da navi maggiormente efficienti, nonché una serie di considerazioni giuridiche occorrenti per consentire il finanziamento da parte di terzi dei costi di ammodernamento nel contesto del mercato del noleggio a breve termine" ha spiegato la SSI sul proprio sito web.

Alastair Fischbacher, responsabile esecutivo della SSI, ha sollecitato più ditte operative nel settore dello shipping ad unirsi al gruppo.

"Non ‘è spazio per la noncuranza e non dobbiamo farci alcuna illusione circa le notevoli difficoltà che ci aspettano" ha affermato.

"Ma abbiamo dimostrato che quando le organizzazioni presenti nel settore si mettono assieme per fare la differenza ed indurre comportamenti più sostenibili si possono ottenere grandi cose.

Continueremo in questa missione ed accoglieremo favorevolmente le organizzazioni di tutti i settori della filiera distributiva marittima che vogliano aggregarsi a noi e lavorare allo scopo di ottenere un settore sostenibile".

Secondo un'altra notizia correlata a questo argomento, l'organismo non governativo ambientale Carbon War Room ha annunciato il 24 febbraio di avere istituito un nuovo Comitato Consultivo per l'Efficienza nello Shipping al fine di supportare i suoi sforzi finalizzati alla realizzazione di un sistema di etichettatura relativa all'efficienza delle navi.

Il nuovo comitato comprende Jan Dieleman, presidente entrante del trasporto marittimo alla Cargill; Henrik Overgaard Madsen, ex amministratore delegato del gigante della certificazione DNV; Mark Cameron, presidente della International Parcel Tanker Association (IPTA) e responsabile operativo della Ardmore Shipping Corporation; Juha Heikinheimo, presidente della ditta specialista in software marittimi NAPA; Mark Clintworth, responsabile dello shipping per la European Investment Bank; infine, il Dr. Tristan Smith, direttore del consiglio di ricerca del progetto Shipping in Changing Climates finanziato dal Regno Unito, nonché lettore per le materie dell'energia e dei trasporti presso lo UCL Energy Institute.

"Siamo entusiasti di avere messo assieme un gruppo con così tanta conoscenza ed esperienza nello shipping" ha detto Galen Hon, direttore delle operazioni marittime alla Carbon war Room.

"In seguito alla conferenza UNFCCC di Parigi, il settore ha l'obbligo di trovare nuove ed innovative modalità per ridurre il carbonio pur restando competitivo.

Date le competenze che si estendono alla finanza, alle operazioni navali, alla classificazione, all'analisi dei dati, alla tecnologia ed al software, queste persone sono nella migliore posizione per identificare e valutare le opportunità di innovazione e di crescita".
(da: businessgreen.com, 24 febbraio 2016)



PSA Genova Pra'


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it