ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

23 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 14:00 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 MARZO 2016

TRASPORTO STRADALE

LITE SUI PEDAGGI AUTOSTRADALI BELGI

Gli autotrasportatori olandesi stanno minacciando di intentare una causa in relazione all'imminente introduzione di pedaggi autostradali per i camion in Belgio.

La ViaPass, l'ente incaricato dello sviluppo del nuovo programma inerente ai pedaggi autostradali per i camion in Belgio, ha respinto la richiesta dell'associazione di categoria olandese degli autotrasportatori TLN di rinviare l'introduzione del programma.

La ViaPass afferma che andrà avanti con il varo dell'iniziativa il 1° aprile prossimo, come da programma.

La TLN ha descritto l'atteggiamento della ViaPass come "deludente, considerando la carenza di organizzazione" nel programma.

La TLN cita il fatto che i tedeschi si erano dimostrati flessibili quando il loro programma di pedaggi autostradali (il MAUT) aveva sofferto problemi di avvio al momento della sua introduzione nel 2005.

L'associazione olandese sta valutando se intraprendere un'azione legale.

Ai sensi del programma, a partire da aprile un camion che non sia equipaggiato con una unità elettronica a bordo è passibile di una multa di 1.000 euro a viaggio anche quando viene condotto su strade in cui non si applicano pedaggi.

Il pedaggio sarà imposto su tutte le autostrade belghe e su un certo numero di strade provinciali e comunali.

La ViaPass ammette che un sistema così complesso come questo non possa funzionare perfettamente sin dalla sua introduzione.

Le unità di bordo vengono distribuite dalla Satellic, società privata belga con la quale è stato stipulato il contratto relativo all'operatività del sistema di pedaggio.

Agli autotrasportatori sarà rilasciata un'unità di bordo dietro pagamento di un deposito di 135 euro per camion, che sarà rimborsato in caso di restituzione dell'unità.

Alla metà di marzo la Satellic ha dichiarato che tutte le unità richieste prima del 20 marzo saranno fornite in tempo.

In risposta, la TLN ha commentato: "Pertanto, coloro che hanno richiesto l'unità dopo quella data non hanno tale certezza".

Alla data del 18/19 marzo, non era stata autorizzata nemmeno una unità di bordo fornita da operatori privati che non fossero la Satellic, afferma la TLN, che ha aperto un registro internet dove i suoi membri possono riportare ogni questione inerente al pedaggio.

La TLN stima che il programma costerà ai trasportatori olandesi una somma complessiva di 60 milioni di euro all'anno.

La sua controparte belga TLV/Febetra ha calcolato che un camion Euro 6 dovrebbe pagare circa 32 euro per un viaggio di 250 km assoggettato a pedaggio.

In media, il sistema causerebbe un costo più alto del 5-10%, aggiunge la TLV/Febetra.

L'associazione ha poi detto che molti dei suoi membri saranno colpiti ancora più duramente dal momento che occorre che il pedaggio venga pagato entro 14 giorni, mentre solo il 10% dei clienti del settore dell'autotrasporto paga i propri conti entro 30 giorni.

La Consultants Graydon, che ha contribuito a realizzare la memoria ufficiale della TLV/Febetra, ha dichiarato che sino al 15% delle ditte di autotrasporto del Belgio si trovano a rischiare il fallimento a causa dei termini del programma di pedaggio.
(da: worldcargonews.com, 21 marzo 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail