ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

23 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 13:59 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 MARZO 2016

INDUSTRIA

A ROTTERDAM SI PREVEDE UN DISASTRO CAUSATO DAL NUOVO REGIME DI VERIFICA DEL PESO DEI CONTENITORI

Lo spedizioniere olandese VCK Logistics è l'ultima società ad avere avvisato che la nuova regolamentazione della verifica del peso dei container potrebbe comportare il caos nella filiera distributiva.

La ditta ha completato un programma pilota di pesatura che ha mostrato grandi divergenze fra i pesi dichiarati e quelli reali.

Nel corso del test sono stati pesati 240 container in esportazione, in parte per perfezionare tale procedura prima che le nuove regole entrino in vigore il prossimo 1° luglio, e per controllare le divergenze fra pesi dichiarati e pesi reali.

"È stato terribile" ha detto Rob van Steensel, direttore generale della VCK "la divergenza media è stata del 14%".

L'IMO ha stabilito un limite di divergenza del 5% ed i contenitori che superano tale limite non saranno caricati sulle navi.

Inoltre, afferma van Steensel, ai caricatori sarà comminata una multa di 350 euro "e perderanno quella partenza, il che significa che probabilmente essi dovranno aspettare una settimana fino alla partenza successiva e dovranno pagare sette giorni di controstallia".

La divergenza minima - rilevata in capo ad un produttore che si era servito del secondo metodo consistente nell'aggiungere il peso del carico alla tara del contenitore - è stata di appena il 2%, ma la maggior parte delle sue spedizioni erano identiche.

Afferma van Steensel: "Per i grandi produttori, come la Heineken, è relativamente facile: sanno quanto pesa ogni bottiglia e quante bottiglie entrano in un container; avviene lo stesso per tutte le sue spedizioni, di modo che il metodo calcolato funziona".

La VCK sta installando due pese nelle proprie infrastrutture a Rotterdam, iniziativa che a detta di van Steensel deriva dalla richiesta di un importante cliente.

"Il mio maggiore cliente ha detto di essere disposto a siglare un contratto quinquennale se avessi effettuato l'investimento ed avessi installato le pese.

Poiché siamo al servizio della clientela, siamo andati avanti con l'installazione.

Ma non offriremo questo servizio agli spedizionieri od ai caricatori che non sono nostri clienti".

Il sistema avrà bisogno di essere calibrato e poi registrato dalle autorità come attrezzature per la pesatura certificate.

Una volta in uso esse invieranno il peso del container al sistema della VCK, dal quale poi esso verrà trasmesso alla linea di navigazione via EDI.

Tuttavia, van Steensel ha avvertito che il tempo sta per esaurirsi per gli altri spedizionieri.

"Nessuno sta facendo qualcosa al riguardo: è una pazzia il fatto che la gente non stia cercando di prepararsi.

Per costruire una pesa in Olanda ho dovuto presentare una richiesta per ottenere il permesso da parte del governo locale.

Essa è stata presentata a novembre ed io ho ricevuto il permesso all'inizio di marzo; ci vogliono otto settimane per costruire le pese e le nostre saranno pronte a giugno " afferma van Steensel.

Il potenziale di una seria congestione a Rotterdam è enorme: il porto lavora 10.000 contenitori in esportazione alla settimana, ma dispone di appena cinque pese.

Facendo un calcolo molto approssimativo, se ogni container dovesse essere pesato, e se ogni pesa dovesse essere operativa 24 ore su 24, ognuna di loro dovrebbe pesare almeno 11 container all'ora.
(da: theloadstar.co.uk, 15 marzo 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail