ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 00:06 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 MARZO 2016

LOGISTICA

LE FUSIONI NELLA LOGISTICA DESTINATE A CONTINUARE QUEST'ANNO

Secondo uno dei più importanti consulenti in materia di logistica, quest'anno ed in quelli a venire ci si può aspettare un ulteriore consolidamento dei principali operatori di logistica dal momento che i fornitori di tali servizi sono alla ricerca di una crescita nei mercati emergenti ed in settori diversi, sebbene sia probabile che le dimensioni degli accordi siano minori di quelle fatte registrare nell'annata da record del 2015.

Parlando a margine del simposio sulla filiera distributiva LogiSYM 2016, svoltosi a Singapore all'inizio di marzo, Darryl Judd, responsabile operativo del Logistics Executive Group, ditta specializzata in consulenza, selezione per assunzioni e formazione nella filiera distributiva, ha dichiarato a Lloyd's Loading List che il rapido ritmo delle attività di fusioni ed acquisizioni nell'ambito dei 3PL, i fornitori di logistica integrata, non mostra alcun segnale di rallentamento e che dovrebbe continuare per tutto il 2016 ed oltre.

"L'attività sarà dominata da accordi di medio-piccole dimensioni rispetto a quelli da 100 milioni di dollari USA ed oltre dell'anno scorso, a meno che naturalmente non si possa finalmente assistere alla disgregazione od alla vendita della Ceva oppure non si creda alle voci di una vendita della DHL Global Forwarding" ha aggiunto.

"Non ho alcun dubbio che assisteremo ad un ulteriore consolidamento e ad un aumento delle attività di fusioni ed acquisizioni nel settore nel 2016.

Sebbene la natura degli accordi e delle dimensioni possa essere ridotta dopo la grande annata del 2015, la domanda di crescita nei mercati emergenti ed in settori diversi rappresenterà un importante fattore presente nelle teste dei 3PL globali dato che essi trovano difficoltà a conseguire ritorni nei loro mercati tradizionali e più maturi".

I dati pubblicati dalla PwC hanno rivelato che le attività di fusioni ed acquisizioni nei settori del trasporto e della logistica lo scorso anno sono state quasi doppie rispetto a quelle del 2014 con "mega-accordi", definiti come transazioni del valore di oltre 1 miliardo di dollari USA, per un totale di 172,7 miliardi di dollari USA.

Inoltre, il ritmo delle attività ha accelerato nel corso dell'anno.

Secondo Judd, le forze motrici che stanno dietro alle attività di fusioni ed acquisizioni sono state il consolidamento del settore e l'esigenza per i fornitori di logistica integrata di conseguire sinergie e crescita di mercato in tutte le attività della più ampia filiera distributiva, a livello sia regionale che globale.

"C'è un forte interesse da parte dei 3PL asiatici ad effettuare acquisizioni negli Stati Uniti e nei 3PL con sede in paesi dalla crescita più lenta, espandendosi nei mercati asiatici e nordamericani dalla crescita più alta" afferma.

"Il 2015 è stato dominato dalle dimensioni e dalla scala attività di fusioni ed acquisizioni nella gara contro le altre iniziative strategiche quali il portafoglio di servizi o la diversificazione verticale del settore.

In genere ritengo che cominceremo ad assistere ad un numero maggiore di acquisizioni strategiche nel 2016 dal momento che i 3PL guardano ad aree di nicchia al fine di ricavarne maggiori ritorni".

Dato che i 3PL sono alla ricerca della crescita, è più probabile che gli acquirenti guardino alle opportunità di fusione ed acquisizione che li hanno messi in condizione di incrementare i ricavi di 3 o 4 volte nel giro di 3-4 anni, sostiene Judd.

"La maggior parte della crescita dei 3PL asiatici si verificherà nelle attività finalizzate a supportare i traffici interasiatici e la distribuzione nei paesi asiatici" ha aggiunto.

"Il commercio elettronico transfrontaliero è un mercato molto caldo in Cina dato che il benessere in aumento sta favorendo la domanda di prodotti reperiti in altri paesi".

Judd inoltre ravvisa somiglianze fra il settore logistico e l'attività di trasporto marittimo containerizzato, sebbene gli elementi chiave delle attività di fusioni ed acquisizioni siano diverse in ciascuno dei settori.

"Abbiamo visto che i rendimenti dello shipping hanno raggiunto i punti più bassi di sempre" ha detto.

"Questo di per sé ha innescato una rapida corsa al consolidamento di un settore che prevede un ingente impiego di patrimonio e notevoli costi, nonché un'offerta di prodotto assai standardizzata e non una grande varietà.

Poiché il ciclo attuale probabilmente continuerà, il consolidamento del trasporto containerizzato e del mercato dello shipping rappresenta ovviamente per questi soggetti un modo per conseguire una maggiore quota di mercato ed una maggiore forza nei confronti della clientela.

Semplicemente, c'è troppa capacità e ovviamente con queste tariffe attuali non è un'attività sostenibile; essa non può continuare a lungo termine ma si tratta di una funzione del mercato".
(da: lloydsloadinglist.com, 11 marzo 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail