ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 September 2019 The on-line newspaper devoted to the world of transports 06:18 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 MAGGIO 2016

TRASPORTO INTERMODALE

HUPAC OTTIMISTA SUL GOTTARDO

La Hupac non vede l'ora che alla fine di quest'anno aprano il nuovo Tunnel di Base del Gottardo e gli altri miglioramenti infrastrutturali.

L'operatore svizzero di trasporto combinato Hupac ha concluso l'anno finanziario 2015 con un leggero incremento dei volumi.

I risultati hanno subito l'impatto del cambiamento del tasso di cambio franco svizzero/euro.

La strategia 2016-2020 della Hupac comprende investimenti in ordine al pianale ferroviario del Gottardo e l'ingresso in nuovi segmenti e nuovi mercati geografici.

Nell'anno finanziario 2015, la Hupac ha incrementato i volumi di trasporto dello 0,2%.

I volumi dei trasporti transalpini attraverso la Svizzera sono diminuiti dello 0,6%, mentre i traffici non transalpini sono aumentati del 5,9%.

I profitti del gruppo relativi all'anno sono diminuiti del 19,7% per poco meno di 6,1 milioni di franchi svizzeri.

Occorre notare, a questo riguardo, gli sviluppi del tasso di cambio franco svizzero/euro ed i loro seri effetti sulle imprese svizzere impegnate nelle esportazioni.

I ricavi della Hupac Ltd sono diminuiti del 10,3%, mentre i costi della produzione sono calati dell'11,8%.

Ciò ha comportato profitti lordi pari a 100 milioni di franchi svizzeri, che rappresentano un decremento del 4,2% rispetto all'anno precedente.

Il flusso di cassa del Gruppo Hupac è rimasto virtualmente immutato a 41,3 milioni di franchi svizzeri, mentre le spese di capitale in patrimonio fisso è salito del 46,3% sino a 24,6 milioni di franchi svizzeri.

La Hupac ravvisa grandi opportunità per il trasporto combinato attraverso la Svizzera.

L'imminente apertura del tunnel di base del Gottardo è un "evento grandioso e migliorerà in modo significativo le opportunità di mercato sulla linea del Gottardo a lungo termine".

"Con la nostra nuova strategia 2016-2020, stiamo impostando il percorso di crescita" afferma Hans-Jörg Bertschi, presidente del consiglio di amministrazione della Hupac Ltd, in occasione della presentazione ai media dei risultati annuali della società a Zurigo.

"Negli anni a venire, prepareremo il passaggio dei pianali ferroviari via Gottardo.

In ordine al programma d'investimento per i prossimi cinque anni, abbiamo destinato approssimativamente 280 milioni di franchi svizzeri ai terminal, al materiale rotabile ed ai sistemi informativi".

Gli obiettivi sono quelli di recuperare quote di mercato di transito in Svizzera e di acquisire nuove attività, specialmente nel trasporto di semirimorchi e nei segmenti relativi a beni di consumo.

Allo stesso tempo, la società sta sviluppando il proprio ambito geografico.

Nel mercato russo, la Hupac continuerà a perseguire la propria strategia di crescita con proprio materiale rotabile per i binari russi a scartamento ampio.

All'inizio del 2016 è stata aperta una filiale a Shanghai per il mercato in Cina.

Altri mercati messi nel mirino sono l'Europa sud-orientale con trasporti alla volta della Turchia, la penisola iberica e la Francia.

Il tunnel di base del Gottardo, cha dovrebbe aprire a dicembre, assicura "una rapida vittoria allo spostamento modale".

Le prime corse di collaudo con treni Hupac hanno avuto successo.

Le operazioni da un giorno all'altro trarranno vantaggi sotto molti aspetti:
  • tratte più affidabili a prescindere dalla condizioni meteorologiche;
  • diminuzione di 30 km delle distanze sulle tratte;
  • meno fermate per cambiare le locomotive e per utilizzare i motori di spinta;
  • minore consumo di energia;
  • minore manutenzione del materiale rotabile a causa dell'eliminazione della tratta di montagna;
  • nuova concezione operativa con l'ECTS per una maggiore stabilità e puntualità degli orari;
  • capacità sufficiente per la futura crescita.
Entro la fine del 2020, il tunnel di base del Ceneri ed il corridoio da 4 metri da Basilea all'Italia settentrionale saranno completati.

"Con il miglioramento dei parametri produttivi, quali la lunghezza dei treni pari a 750 metri, la sezione sino a 4 metri d'altezza ed un peso del treno sino a 1.600 tonnellate con una locomotiva, siamo in grado di produrre con maggiore efficienza e pertanto compensare la riduzione delle sovvenzioni operative" dichiara il direttore generale della Hupac Bernhard Kunz.

Prima, tuttavia, il settore deve prepararsi a diversi anni di serrate costruzioni.

La difficoltà maggiore è rappresentata da una chiusura totale di 6 mesi della linea di Luino nel 2017.

"Al momento stiamo lavorando con i nostri partner fra gli operatori di infrastrutture ed imprese ferroviarie al fine di sviluppare alternative e deviazioni in modo che le infrastrutture del futuro possano essere realizzate con un impatto minimo sulle nostre attività odierne".

Alla fine del 2015 la Hupac ha completato con successo il programma imposto dall'Ufficio Federale dei Trasporti in ordine alla riduzione del rumore derivante dai carri merci.

Di conseguenza, la Hupac è la sola società in Europa che dispone un intero parco di circa 5.000 carri a basso rumore.

Nel 2015 la Hupac ha iniziato ad effettuare operazioni con una prima serie di carri tascabili con freni a disco.

Questa nuova tecnologia consente un ulteriore decremento del livello del rumore di circa 3 decibel.
(da: worldcargonews.com, 15 maggio 2016)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail