ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 November 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 15:42 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 30 GIUGNO 2016

STUDI E RICERCHE

ESPERTO DELLA DREWRY PREVEDE UN FUTURO MEDIOCRE

Gli operatori terminalistici globali dovrebbero venire a patti con un futuro che sarà caratterizzato da minori ritorni fiscali e maggiori investimenti e rischi operativi.

Parlando in occasione della TOC Europe's Container Supply Chain Conference, Neil Davidson, analista senior per porti e terminal della Drewry, ditta di consulenze marittime con sede nel Regno Unito, ha detto: "Ci sono cambiamenti strutturali in corso nelle attività della navigazione di linea e questo comporta una maggiore instabilità, un incremento dei rischi e minori margini di profitto per gli operatori terminalistici".

Davidson, peraltro, ha sostenuto che ciò non significa "nessun ricavo".

"Le attività dei terminal container dovranno far fronte ad un maggiore subbuglio poiché si verificheranno cambiamenti fra le nuove alleanze e le linee di navigazione con riduzione della base clientelare.

Ciò significherà altresì una maggiore instabilità e più elevati picchi e depressioni per i porti e gli operatori terminalistici globali in relazione ai flussi dei carichi".

Davidson ha messo in evidenza i cambiamenti dei risultati produttivi dei carichi presso diversi porti allo scopo di illustrare le sue idee.

"Nel sud-est asiatico, l'anno scorso si è assistito ad un declino dei risultati di Singapore di quasi il 9% mentre quelli di Port Klang sono aumentati dell'8,6% e quelli del PTP del 10,5% e questo è stato quasi del tutto da attribuirsi ai cambiamenti nelle alleanze.

Più vicino a casa, nel Nord Europa Rotterdam è stato stabile, Amburgo e Zeebrugge hanno perso notevoli volumi di traffici ed Anversa ha assistito ad un aumento del 7,5% dei propri risultati produttivi nel 2015 ed anche in questo caso ciò è avvenuto a causa dei cambiamenti nei servizi messi in atto dalle alleanze.

"Secondo me, questo tipo di instabilità continuerà ed il recente accordo del Porto di Singapore con la CMA CGM finalizzato a far riprendere a Singapore da Port Klang un po' dei carichi di trasbordo del vettore francese dovrebbe essere visto in quest'ottica" afferma Davidson.

Per far fronte a questo futuro più rischioso, Davidson ha suggerito diverse soluzioni.

Spiega infatti: "Gli operatori terminalistici globali potrebbero sviluppare relazioni più strette con i vettori marittimi, prendere in considerazione la formazione di alleanze fra loro - compresa la conclusione immediata di funzioni ed acquisizioni - ridurre i propri budget di investimento, ritirarsi dalle attività o solo accettare il fatto che in futuro questo sarà un settore con minori tassi di ritorni".
(da: worldcargonews.com, 15 giugno 2016)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail