ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

04 December 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 12:02 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 AGOSTO 2016

PROGRESSO E TECNOLOGIA

OPERATIVA LA BANCA DATI DEL BIC PER LA TARA DEI CONTAINER

La nuova banca dei dati relativi alla tara dei contenitori (TCD) recentemente annunciata dal BIC (Bureau International des Containers) è ora operativa, essendovi stati caricati oltre mezzo milione di container, mentre nuove registrazioni vengono aggiunte giornalmente.

I proprietari e gli operatori di container vengono incoraggiati a registrarsi ora per caricare i file inerenti alla propria flotta sulla banca dati, mentre i caricatori sono invitati ad iniziare ad usare subito i dati.

La banca dati pilota, varata dal BIC in risposta ai nuovi requisiti obbligatori sulla pesatura dei container previsti dalla SOLAS ed entrati in vigore il 1° luglio scorso fornisce una fonte di facile accesso relativa ai dati sulla tara dei contenitori per aiutare i vettori, i caricatori, gli spedizionieri e gli altri intermediari.

Ogni giorno nuovi dati sui container vengono aggiunti alla TCD da vettori e società di leasing.

"Dopo mesi di lavoro a stretto contatto con proprietari, operatori e caricatori di container, è stata sviluppata la TCD allo scopo di assicurare uno strumento semplice ed efficace che aiuti gli spedizionieri, i proprietari e gli operatori a ridurre il proprio carico di lavoro ed a migliorarne l'efficienza" spiega Bertrand Geoffrey, segretario generale del BIC.

"Molto semplicemente, l'unica focalizzazione della TCD è quella di recepire le caratteristiche tecniche di un contenitore, tara compresa, unitamente al suo numero operativo".

La nuova banca dati offre un accesso ai dati forniti dai primi partner del progetto pilota ed altri vettori stanno caricando regolarmente dettagli sulla flotta.

I proprietari e gli operatori sono i benvenuti quando si registrano online al fine di iniziare a caricare i file della flotta e, per consentire ai medesimi di caricare i dettagli della flotta automaticamente in seguito, molto presto saranno disponibili gli interfaccia di programmazione dell'applicazione.

Una volta al completo, la banca dati consentirà a tutti gli utenti di accedere ad una vasta fonte di tare di contenitori e ad altre caratteristiche semplicemente immettendo il numero del container.

I caricatori e gli altri soggetti che desiderano accedere ai dati possono adesso farlo attraverso il sicuro sito web della TCD www.bic-boxtech.org.

L'interfaccia di programmazione dell'applicazione, che a breve sarà operativo, assicurerà anche l'opzione di integrare automaticamente i dati nei sistemi del caricatore e dello spedizioniere.

Qualunque altro metodo offre semplicemente l'alternativa di visitare molteplici siti web oppure di ottenere tali informazioni dai portelloni del container.

Continua Geoffray: "C'è stato molto supporto da parte di tutto il settore da quando il BIC ha annunciato il lancio della TCD, riconoscendo l'importanza di una fonte centrale di questo tipo per i dati relativi ai contenitori.

Tuttavia noi desideriamo che altri soggetti contribuiscano a questo progetto significativo nelle settimane a venire.

Sollecitiamo proprietari ed operatori ad impegnarvisi e ad iniziare ora a caricare i dati inerenti ai contenitori nella banca dati".

Gli elementi minimi dei dati richiesti per partecipare alla TCD sono il numero del container e la tara ma, per conseguire il pieno vantaggio della banca dati, il BIC incoraggia i proprietari a caricarvi più dettagli tecnici possibile.

La banca dati è particolarmente utile per i caricatori che usano il "Metodo 2", quelli che aggiungono il peso del carico e del materiale di fissaggio alla tara del contenitore per ottenere la massa lorda verificata, ma presenta vantaggi anche per i vettori e le società di noleggio che saranno in grado di fornire automaticamente l'accesso alla tara senza dover investire tempo e denaro in integrazioni o richieste multiple per singole tare.

Essa inoltre agevola l'accesso alla tara nel caso di contenitori scambiati fra le parti.

Al di là dei vantaggi correlati alla conformità alla SOLAS, la banca dati consentirà altresì ad imprese come i terminal, gli operatori ferroviari e gli autotrasportatori di migliorare l'efficienza mediante un conveniente accesso ai particolari del container utilizzando solo il numero operativo, mentre nel caso di incidenti gli assicuratori e gli ispettori possono trarre vantaggio dalla banca dati attraverso l'accesso ai dettagli tecnici.

Inoltre, l'inclusione del numero d'identificazione del produttore nelle caratteristiche tecniche del container renderà la banca dati utile nel caso di perdita del contenitore, richiesta di risarcimento e recupero.

La fase pilota della banca dati, che ci si aspetta duri fino alla fine dell'anno, viene fornita gratuitamente a tutti gli interessati.

Dopo di che, il programma sarà valutato con tutti i partner del settore prima della presentazione definitiva.

In ogni caso, la TDC sarà gestita unicamente come un servizio non a scopo di lucro e non commerciale.
(da: bulk-distributor.com/bic-boxtech.org, 29 luglio 2016)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail