ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 04:14 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 15 OTTOBRE 2016

LEGISLAZIONE

PROGRESSI NELL'ATTUAZIONE DELLA MASSA LORDA VERIFICATA

Secondo il TT Club, specialista in gestione del rischio nel settore del trasporto merci, bisogna fare ancora molto lavoro per conseguire un'accurata certificazione ed un'attuazione universale delle nuove regole sulla pesatura dei contenitori che sono entrate in vigore il 1° luglio dal momento che il periodo trimestrale di assestamento sta per terminare.

L'organismo, da lungo tempo paladino della causa di un trasporto containerizzato più sicuro nonché assicuratore leader nel campo del trasporto merci internazionale, sottolinea come il periodo trimestrale di assestamento suggerito dall'IMO ai suoi stati membri stia per terminare il 1° ottobre, durante il quale le autorità competenti erano state spinte ad adottare un approccio "pratico e pragmatico" all'attuazione della revisione della SOLAS che stabilisce che tutti i contenitori imballati debbano disporre di una massa lorda verificata prima di essere stivati a bordo di una nave.

Il TT Club ritiene che, sebbene il livello riferito di conformità dall'introduzione della massa lorda verificata il 1° luglio "sia stato incoraggiante, molto ancora dev'essere fatto per conseguire un'accurata certificazione ed un'attuazione universale delle nuove regole".

Il TT Club ha osservato che una recente dichiarazione da parte dell'associazione di categoria della navigazione di linea, il WSC (World Shipping Council), unitamente con i riscontri di vari terminal container, ha indicato che l'attuale tasso di conformità arriva fino al 95%.

Come riporta Lloyd's Loading List, il WSC ha dichiarato in occasione di una riunione della sottocommissione dell'IMO all'inizio di settembre che la richiesta rivolta ai caricatori di produrre una massa lorda verificata per ogni container imballato presentato alle linee di navigazione per la spedizione era stata soddisfatta "senza alcun apprezzabile disservizio per le filiere distributive containerizzate internazionali".

Inoltre, è stato sottolineato come il tasso di conformità sia aumentato stabilmente dal 1° luglio in poi ed il WSC confida che questa crescita possa continuare.

Parlando in occasione della ricezione del Premio Assicurazioni Marittime di Lloyd's List per il lavoro del TT Club sulla massa lorda verificata, il direttore gestione rischio Peregrine Storrs-Fox ha commentato: "Questo elevato grado di consapevolezza dei requisiti per la massa lorda verificata ed i segnali esterni di conformità sono infatti incoraggianti.

Tuttavia resta da vedersi se le masse lorde verificate sono accurate, rappresentando il risultato di un vero processo di pesatura, a prescindere da quali dei due metodi permessi venga adottato".

Storrs-Fox afferma che è noto che certi terminal e vettori si sono dovuti confrontare con i caricatori nel corso dei tre mesi iniziati a luglio nei casi in cui le imprecisioni erano evidenti.

Il TT Club aggiunge che i riscontri aneddotici suggeriscono che i caricatori stanno, per lo più, semplicemente aggiungendo la tara del contenitore al peso dichiarato in precedenza del carico per giungere ad una massa lorda verificata.

"Anche se è positivo che i caricatori riconoscano la differenza fra la polizza di carico o i pesi per la dichiarazione doganale e la massa lorda verificata, è insufficiente limitarsi ad aggiungere la massa del contenitore.

Il settore deve potre contare su masse lorde verificate autenticate rispetto alla attuale massa di contenitori imballati ottenuti mediante un controllo del peso al fine di disporre di un quadro reale della conformità" ha detto Storrs-Fox.

Il WSC ha inoltre riferito che ci sono state alcune difficoltà riguardo alle comunicazioni informatiche, che restano significative.

Sono state espresse preoccupazioni in ordine al fatto che alcuni terminal devono ancora implementare il format messaggistico raccomandato BAPLIE 2.2 EDIFACT, cosa che sostanzialmente limita la loro capacità di comunicare le masse lorde verificate ai vettori.

"Dove questo si verifica, il TT Club sollecita un'azione immediata fra le controparti per risolvere la situazione, non da ultimo perché ciò ostacolerà la fornitura della prova di conformità da parte delle varie autorità statali di controllo dei porti" sostiene l'organismo.

Successivamente al periodo di tre mesi raccomandato dall'IMO di applicazione "con tocco lieve" che termina il 1° ottobre, fa rimarcare Storrs-Fox, "resterà l'esigenza per i regolatori di tutto il modo di persistere nel proprio lavoro finalizzato a realizzare uno standard uniforme di applicazione, compresa la coerenza dello spazio di discrezionalità dato ai caricatori che non si conformano.

Anche adesso, sarebbe preziosa la fornitura di una guida nazionale su tali materie, laddove essa deve ancora essere data".

Le linee guida pubblicate dal TT Club, in collaborazione con il WSC, l'associazione dei novimentatori di carichi ICHCA ed il GSF (Global Shipper Forum) sotto forma di domande più frequenti, unitamente ad ulteriori esaurienti informazioni sulla regolamentazione relativa alla massa lorda verificata, sono disponibili consultando il sito: http://www.ttclub.com/loss-prevention/container-weighing.
(da: lloydsloadinglist.com, 30 settembre 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail