ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 October 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 18:18 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 31 GENNAIO 2017

TRASPORTO MARITTIMO

LE LINEE DI NAVIGAZIONE CONTAINERIZZATE HANNO GUADAGNATO 42 DOLLARI USA IN MENO PER TEU NEL 2016

Le linee di navigazione containerizzate hanno ottenuto una tariffa media del 7% (42 dollari USA) più bassa nel 2016 rispetto a quella del 2015, nel caso che abbiano effettuato operazioni nel mercato delle tariffe a pronti in tutte le rotte di traffico dello SCFI (Shanghai Containerized Freight Index).

Ciò è stato principalmente dovuto alle tariffe basse in modo sconvolgente ottenute nella prima metà del 2016, dal momento che la tariffa media ottenuta nella seconda metà del 2016 è stata più alta del 22% rispetto a quella ottenuta nella seconda metà del 2015.

Le tariffe di nolo sono riuscite a di prendere slancio nella seconda metà del 2016 in ragione dei provvedimenti presi dalle linee di navigazione in termini di ottimizzazione della rete, rottamazioni ed impiego più prudente durante l'alta stagione.

Poiché le tariffe di nolo si sono incrementate nel corso della seconda metà del 2016, i 2/3 dei traffici considerati nello SCFI hanno chiuso il 2016 con una tariffa più alta rispetto al 2015 e tre rotte di traffico hanno toccato nella settimana 52 il valore più alto in dollari USA per TEU degli ultimi cinque anni ed oltre: si tratta dei traffici da Shanghai alla volta di Santos, ed Australia/Nuova Zelanda.



Tariffa
media
2015

Tariffa
media
2016

Camb.
In $

Camb.
In %

SCFI

$/TEU

623,76

581,69

-42,07

-7%







Europa

$/TEU

620,61

687,17

66,56

11%

Costa Occidentale USA

$/FEU

1.489,95

1.266,39

-223,45

-15%

Costa Orientale USA

$/FEU

3.140,85

2.089,30

-1.051,54

-33%

Singapore

$/TEU

185,31

69,85

-115,45

-62%

Corea

$/TEU

159,52

103,65

-55,87

-35%

Taiwan

$/TEU

194,87

153,28

-41,58

-21%

Hong Kong

$/TEU

56,23

55,02

-1,21

-2%







CCFI

Indice

875,00

711,71


-19%

Fonte: BIMCO, Borsa Marittima di Shanghai

Nota: I traffici relativi agli USA si basano su dollari USA per unità da 40 piedi/FEU


Il CCFI (China Containerised Freight Index) che riflette le esportazioni di container cinesi a livello nazionale mostra un calo del 19% dal 2015 al 2016.

I picchi di breve durata nelle tariffe a pronti nel corso della seconda metà del 2016 non sono compresi nel CCFI al contrario di quanto avviene nello SCFI e pertanto il CCFI consegue una crescita negativa più alta nel 2016.

Il CCFI comprende le tariffe sia a pronti sia a lungo termine sulla base delle transazioni reali nel corso di un periodo di due settimane, mentre lo SCFI si concentra sul prezzo medio di prenotazione a pronti per una settimana.

Così, il CCFI riflette il vero progresso delle tariffe di trasporto marittimo containerizzato su base a breve termine.

Pertanto, il CCFI illustra l'attuale tendenza nello sviluppo del trasporto merci containerizzato mentre lo SCFI indica l'attuale sviluppo del mercato.

Inoltre, lo SCFI si concentra sui contenitori in esportazione dal solo porto di Shanghai, mentre il CCFI copre i 10 principali porti della Cina.

Il capo analista della BIMCO Peter Sand commenta: "Malgrado che la tariffa media per il 2016 sia inferiore a quella del 2015, il 2016 potrebbe distinguersi per qualcosa di positivo, dove le linee di navigazione containerizzate hanno adottato i provvedimenti necessari ad adattarsi alla nuova normalità, in cui la crescita della domanda è uguale a quella del PIL.

Le linee di navigazione containerizzate hanno conseguito un tasso di crescita dell'offerta più alto della crescita della domanda per la prima volta dal 2010, utilizzando gli strumenti che avevano in mano, e hanno consolidato, rottamato e rinviato le consegne.

Se il moltiplicatore traffici-PIL dovesse rimanere al livello attuale ed il Fondo Monetario Internazionale dovesse essere corretto nelle sue previsioni, il settore del trasporto marittimo containerizzato manterrebbe lo status quo nel 2017 e le tariffe di nolo molto probabilmente rimarrebbero allo stesso livello della prima metà del 2016.

Tuttavia, le linee di navigazione containerizzate si concentreranno sempre più sul conseguimento dei vantaggi del consolidamento e noi quasi certamente vedremo aumentare i loro profitti".

Le entrate inerenti agli Stati Uniti sono il principale fattore per una tariffa media inferiore

Le linee di navigazione containerizzate che effettuano operazioni da Shanghai all'Europa hanno guadagnato 66,56 dollari USA in più per TEU trasportato nel 2916 rispetto al 2015.

La tariffa di nolo media per l'Europa nel 2016 è stata perciò la sola delle principali rotte di traffico a superare il livello del 2015.

Per i contenitori diretti alla Costa Orientale degli Stati Uniti da Shanghai, le linee di navigazione containerizzate hanno guadagnato in media 1.051,5 dollari USA in media per FEU trasportato in meno rispetto al 2015.

Si tratta del più grosso calo in dollari USA riguardo a tutti i traffici riferiti allo SCFI e, poiché esso pesa per il 20% sull'indice, che è simile a quello relativo all'Europa, rappresenta il principale fattore che induce una tariffa di nolo media più bassa nel 2016 rispetto al 2015.

Per i contenitori esportati alla volta della Costa Occidentale statunitense, le linee di navigazione containerizzate hanno guadagnato in media 223,5 dollari USA in meno per FEU nel 2016.

Le tariffe di nolo per i trasporti containerizzati nella seconda metà del 2016 non rianimano l'interasiatico

Le linee di navigazione containerizzate operative in rotte di traffico da Shanghai alla Corea del Sud, a Taiwan, a Hong Kong e a Singapore hanno tutte quante conseguito una tariffa media più bassa per il 2016 rispetto al 2015.

I quattro traffici suddetti non hanno sperimentato incrementi simili quanto alle tariffe, dal momento che i principali traffici nel corso della seconda metà del 2016 sono rimasti in pari con lo scarso livello della prima metà del 2016.

Poiché le fusioni e la costituzione delle nuove alleanze diventeranno una realtà ed il lato dell'offerta sarò gestito con cautela, si spera che il settore del trasporto marittimo containerizzato possa assistere all'ottenimento di migliori profitti e di una migliore utilizzazione della flotta.

Nel più recente rapporto della BIMCO sulla panoramica e le prospettive del mercato dello shipping sui suddetti argomenti, intitolato "Il mercato del trasporto marittimo nel 2016 e uno sguardo in avanti" si legge che:
  • l'attività delle demolizioni cresce lentamente ma stabilmente… ancora una volta;
  • nel trasporto marittimo containerizzato c'è un grave eccesso di capacità nel mercato e nelle tariffe contrattuali recentemente concordate;
  • si è verificato il livello più basso di contratti relativi a nuove costruzioni negli ultimi 20 anni;
  • c'è una notevole demolizione di portacontainer panamax.
(da: hellenicshippingnews.com, 26 gennaio 2017)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail