ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 novembre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 19:26 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 15 FEBBRAIO 2017

TRASPORTO MARITTIMO

"BUONE" PROSPETTIVE PER IL TRASPORTO MERCI MARITTIMO TRANSPACIFICO

La corsa ad accumulare scorte da parte dei dettaglianti statunitensi in vista della chiusura delle fabbriche in Cina per le celebrazioni del Nuovo Anno Lunare ha dato impulso finora nel 2017 sia ai volumi che alle tariffe di nolo in relazione ai traffici transpacifici.

E, secondo l'ultimo rapporto Global Port Tracker, la domanda resterà sostenuta nel corso della prima parte dell'anno.

Il rapporto, prodotto dalla NRF (National Retail Federation) e dalla Hackett Associates, prevede che le importazioni statunitensi di box alla volta dei principali porti containerizzati al dettaglio dovrebbero incrementarsi del 4,6% da un anno all'altro nel corso della prima metà del 2017 "dato che l'economia del paese è in miglioramento e le vendite al dettaglio continuano a crescere".

"Questo è del tutto in linea con quanto prevediamo per le vendite al dettaglio e la spesa dei consumatori quest'anno" afferma Jonathan Gold, vicepresidente per la filiera distributiva e la politica doganale della NRF.

"I dettaglianti cercano di bilanciare le scorte con la domanda con grande attenzione.

Così, quando i dettaglianti importano più merci, si tratta di un indicatore abbastanza buono di cosa essi si aspettano che accada con le vendite".

L'inizio del Nuovo Anno Cinese ha dato impulso ai volumi e ha supportato le tariffe di nolo nei traffici transpacifici finora quest'anno.

Il porto di Long Beach, principale porta d'accesso della costa occidentale sulla direttrice transpacifica, ha riferito il 9 febbraio che gli scali straordinari di navi prima del Nuovo Anno Lunare hanno comportato un incremento dell'8,7% da un anno all'altro riguardo ai risultati di gennaio.

Il botto è stato notevole dato che i traffici a gennaio 2016 sono balzati verso l'alto del 25% rispetto allo stesso mese del 2015.

"Si trattava di un confronto difficile, pertanto siamo contenti di come il nuovo anno sia cominciato a Long Beach" afferma Lori Ann Guzmán, presidente dei consiglio dei commissari del porto.

Le prestazioni di Long Beach si sono ripetute in tutti gli Stati Uniti.

Il Global Port Tracker prevede che le importazioni statunitensi al dettaglio totalizzeranno 1,59 milioni di TEU a gennaio, con un aumento del 6,6% rispetto a gennaio 2016.

Le previsioni per febbraio sono di 1,53 milioni di TEU, in ribasso dello 0,6% rispetto allo scorso anno, dopo di che peraltro la crescita riprenderà nuovamente dando alle linee di navigazione un'utile moneta di scambio in vista delle trattative contrattuali per il secondo trimestre del transpacifico.

Le previsioni per marzo parlano di complessivi 1,43 milioni di TEU, in aumento del 7,8% rispetto all'anno scorso; per aprile di 1,56 milioni di TEU, in aumento dell'8,2%; per maggio di 1,66 milioni di TEU, in aumento del 2,3%; infine, per giugno di 1,65 milioni di TEU, con un aumento del 4,3%.

"Queste cifre porterebbero la prima metà del 2017 a 9,4 milioni di TEU, con un aumento del 4,6% rispetto alla prima metà del 2016" si legge nel rapporto.

"Si tratterebbe di quasi tre volte l'1,6% visto nella prima metà del 2016 rispetto allo stesso periodo del 2015".

A dicembre, l'ultimo mese per cui sono disponibili numeri a posteriori, secondo il Global Port Tracker le importazioni di box avevano totalizzato 1,58 milioni di TEU, in ribasso del 3,8% da novembre in concomitanza con la fine della stagione delle feste, ma in aumento del 10,2% rispetto a dicembre 2015.

Questo aveva portato i volumi dei carichi 2016 ad un totale di 18,8 milioni di TEU, in aumento del 3,2% rispetto al 2015, che era cresciuto del 5,4% dal 2014.

Le cifre relative ai carichi sono giunte il giorno dopo che la NRF aveva previsto che le vendite al dettaglio nel 2017 - escluse automobili, benzina e ristoranti - si sarebbero incrementate fra il 3,7 ed il 4,2 per cento rispetto al 2016.

"Gli Stati Uniti sono situati bene nel 2017 ed è probabile che ottengano prestazioni superiori a quelle della maggior parte delle economie sviluppate" dichiara Ben Hackett, fondatore della Hackett Associated.

"Se gli investimenti in infrastrutture promessi dalla nuova amministrazione dovessero avverarsi, possiamo aspettarci una crescita più sostenuta di quella del 2016, ma essa presuppone buone relazioni con i partner commerciali degli Stati Uniti e nessun ricorso alle barriere agli scambi che comporterebbero una risposta del tipo pan per focaccia".
(da: lloydsloadinglist.com, 10 febbraio 2017)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail