ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 October 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 03:37 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 15 APRILE 2017

PROGRESSO E TECNOLOGIA

IL TRASPORTO MARITTIMO CONTAINERIZZATO "DEVE REINVENTARSI" PER L'ERA DIGITALE: LA DAMCO GUARDA AVANTI

La Damco, fornitore di logistica integrata partecipata dalla Maersk, ha costituito una ditta digitale di spedizioni interamente controllata in modo da poter competere con la rapida crescita nel settore e fungere da canale per la nuova attività del gruppo.

Parlando a The Loadstar in occasione della mostra Multimodal di Birmingham, l'amministratore delegato della Twill Logistics Troels Stovring ha affermato che occorre che il settore del trasporto marittimo containerizzato "si reinventi" dopo decenni di inerzia ed offraa i caricatori prodotti a valore aggiunto.

"Le navi sono le stesse, le tariffe sono grosso modo le stesse e, con il rimpasto delle alleanze, i caricatori saranno alla ricerca di servizi al cliente migliori e di una migliore visibilità nella filiera distributiva al fine di diversificare il vettore e lo spedizioniere" dichiara Stovring.

La Twill - sulle origini della denominazione si sono fatte parecchie illazioni al momento dell'avvio delle attività, ma la più probabile sembra essere stata "it will" (lo vuole) - è stata collaudata con successo con 10 clienti selezionati della Damco nella direttrice di traffico Asia-Regno Unito.

Essa mette in grado i clienti della Damco le cui spedizioni avvengono con un certo numero di vettori (fra cui la Maersk) di "prenotare, gestire e monitorare le spedizioni" mediante gli smartphone o altri strumenti.

Secondo Stovring, le quattro principali caratteristiche della Twill sono: la quotazione istantanea; la lavorazione integrata della documentazione; la trasparenza come traguardo; infine, la gestione proattiva delle eccezioni.

Jo Southwell, dirigente logistica con sede in Scozia della ditta di articoli maschili Randa Accessory, afferma che il proprio gruppo globale centenario è stato "felice di essere coinvolto" nello sviluppo della Twill.

Afferma la Southwell: "Già la piattaforma online ci dà una migliore visibilità delle nostre spedizioni, cosa che significa che siamo in grado di vedere dove sono le nostre merci nella filiera distributiva in ogni dato momento".

La Southwell afferma che fino a questo momento la Randa aveva "fatto affidamento su un sacco di processi manuali fra cui la posta elettronica avanti e indietro con il nostro personale in Cina" per conseguire lo stato delle proprie spedizioni containerizzate.

Stovring ha paragonato i primi collaudi del Twill al "versare l'acqua nel secchio per vedere se ci sono perdite" ma ha detto che avendo corretto tutti i difetti nel sistema adesso la Twill sarebbe stata presentata ai nuovi clienti nella rotta Asia-Europa a partire dal 10 aprile.

Il notevole lato informatico della start-up è la ragione per cui fra i 30 dipendenti della Twill, con sede a L'Aja e quindi lontano dalla Damco, vi sono circa due terzi di persone con esperienze pregresse di tipo tecnologico ed un terzo provenienti dal settore logistico.

Il Regno Unito è stato scelto rispetto agli altri paesi del Nord Europa per essere il primo mercato a cui presentarsi a causa della sua bassa utilizzazione di trasporto fluviale e ferroviario, ma Stovring afferma di aspettarsi che Rotterdam venga coinvolta entro la fine dell'anno, una volta aggiornato il software per coprire la tratta intermodale dell'hinterland.

Stovring aggiunge che il software si occuperà anche delle relazioni mediante navi di raccordo con i porti di destinazione finale come Dublino e Belfast.

Egli sostiene che il cimento prioritario è stato quello di "mantenere più semplice possibile il processo di prenotazione dei noli" ed afferma che questo si potrà conseguire in 30 secondi attraverso il sito della Twill.

"Il trasporto marittimo deve muoversi con i tempi" ha detto Stovring e ha fatto riferimento ad un'indagine interna secondo la quale entro il 2020 il 47% della gente che prenoterà spazi per contenitori sarà composto da "millenari" - i nati negli anni '80 - educati aspettandosi di essere in grado di prenotare la maggior parte dei servizi e prodotti con i loro smartphone.

Riferendosi ad altri emergenti spedizionieri che puntano sul digitale, come la Flexport e la iContainers, Stovring riconosce che queste imprese hanno "grandi prodotti" ma afferma che il potenziale mercato è "enorme e per lo più non sfruttato" e che la Twill rappresenta una parte fondamentale della strategia della Maersk per un futuro digitale.
(da: theloadstar.co.uk, 6 aprile 2017)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail