ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 October 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 18:07 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 15 MAGGIO 2017

TRASPORTO INTERMODALE

CONTSHIP ITALIA GUARDA CON INTERESSE ALLA CRESCITA DELLE ATTIVITÀ INTERMODALI MENTRE GIOIA TAURO LOTTA PER I TRAFFICI DI TRASBORDO

La Contship Italia ha rivelato che la concorrenza senza pietà dei porti nordafricani ha comportato un sensibile declino dei volumi di trasbordo presso il maggiore porto italiano di questo settore Gioia Tauro.

Il porto è bloccato in una dura battaglia per i traffici di trasbordo con gli altri hub come Malta ed il Pireo, così come con le emergenti strutture di Port Said all'estremità settentrionale del Canale di Suez.

Il direttore marketing e comunicazioni dell'operatore portuale Daniele Testi ha dichiarato a The Loadstar che i volumi di Gioia Tauro, situata sulla punta dello stivale italiano, sono diminuiti di quasi 1 milione di TEU dal 2008 sino a 2,8 milioni di TEU.

Testi afferma che ciò è stato in gran parte dovuto al fatto che i vettori puntano ad ottimizzare i costi aziendali, lasciando il porto in balia della serrata concorrenza da parte di suoi vicini.

"Dobbiamo competere con i porti nordafricani" ha detto Testi.

"E con i loro costi del lavoro più convenienti, ci hanno lasciato - in tutta sincerità - in sofferenza".

Invece, la Contship si è concentrata sull'aumento dei volumi dall'Europa settentrionale, con diversi grandi investimenti nelle proprie strutture intermodali e ferroviarie.

L'operatore portuale ha inoltre fatto registrare una crescita del 10% della propria attività logistica fra il 2015 ed il 2016 e Testi si aspetta una prestazione simile quest'anno.

"Abbiamo incrementato i nostri volumi di movimentazione da 247.000 a 271.000 TEU" ha detto Testi.

"E abbiamo movimentato il 25% del milione di TEU dei traffici intermodali italiani".

Nel corso degli ultimi due anni, l'operatore ha dato impulso alle proprie strutture del Rail Hub Milano, che, in seguito ad un investimento di 45 milioni di euro, assicura la continente europeo carichi ferroviari per 7.000 treni.

"Ci aspettiamo un cambiamento epocale nell'uso del trasporto merci ferroviario in tutta l'Europa" afferma Testi.

"La sua percezione sta cambiando; prima, i servizi ferroviari appartenevano allo stato senza concorrenza".

Dal 2008, sostiene Testi, le cose sono cambiate e molte più ditte private investono nella ferrovia.

Negli ultimi nove anni, i volumi delle merci trasportate per ferrovia sono aumentati del 37%.

"Adesso effettuiamo tre treni alla settimana alla volta di Basilea" dichiara.

"Offrendo servizi ferroviari ai nostri porti, consentiamo altresì ai caricatori l'opportunità di ridurre i loro rischi ripartendo le spedizioni fra i porti del nord e del sud Europa".

Malgrado le difficoltà sperimentate a Gioia Tauro, la società si aspetta ciononostante un 2017 positivo e prevede una prosperosa crescita delle attività terminalistiche e logistiche nel corso dell'anno.

Lo scorso anno ha visto l'operatore terminalistico incrementare i volumi dell'1,7% sino a 6,4 milioni di TEU.

Più dell'80%, ovvero 5,2 milioni di TEU, è stato movimentato dai suoi porti italiani, cifra che equivale al 50% dei volumi di trasporto marittimo containerizzato del paese.

"Anche se come società quotata in Borsa non possiamo fornire previsioni, ciò che possiamo dire è che ci aspettiamo buone cose" afferma Testi.

"Mi aspetterei un incremento medio del 10% nei nostri terminal porte d'accesso".

La società possiede altresì una quota di partecipazione nelle strutture marocchine della Tangier Med.
(da: theloadstar.co.uk, 8 maggio 2017)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail