ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 October 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 02:13 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 31 LUGLIO 2017

LOGISTICA

LE TARIFFE DI NOLO PIÙ ALTE E LA PRESSIONE SUI MARGINI SOPRAFFANNO I PROFITTI ALLA PANALPINA

Le tariffe di nolo più alte e la pressione sui margini hanno sopraffatto i profitti del gruppo di spedizioni merci e logistica internazionale Panalpina nella prima metà del 2017 malgrado una "solida" crescita dei volumi nelle attività di trasporto merci sia aerea che marittima.

Ed il gruppo si aspetta che le tariffe più alte dei noli aerei continueranno a comportare effetti sulla redditività dell'unità di trasporto merci aereo del gruppo nella seconda metà di quest'anno, mentre le "più alte ma stabili" tariffe di nolo marittimo supporteranno la ripresa della redditività nell'ambito della propria unità di trasporto merci marittimo.

Nelle sue altre previsioni sulle prospettive per il resto del 2017 ed oltre, il gruppo con sede in Svizzera afferma di aspettarsi una forte alta stagione del trasporto merci aereo, mentre nel settore del trasporto merci marittimo essa si aspetta "una stabile crescita dei volumi ed un ulteriore consolidamento dei vettori".

Commentando le prospettive dopo la pubblicazione il 20 luglio dei risultati di metà annata del gruppo, l'amministratore delegato della Panalpina Stefan Karlen ha dichiarato: "Ci aspettiamo che i vettori marittimi e le linee aeree siano molto più disciplinati rispetto agli anni precedenti nella gestione della capacità di trasporto e nel sostenere le tariffe di nolo.

Anche se confidiamo di poter migliorare la redditività unitaria del trasporto merci marittimo nella seconda metà dell'anno, la redditività unitaria nel trasporto merci marittimo resterà sotto pressione.

Pertanto ci concentreremo su cosa siamo in grado di influenzare direttamente: il controllo dei costi in modo molto efficace e la prosecuzione del nostro programma di trasformazione delle operazioni".

Nella prima metà dell'anno del 2017, la società afferma che anche se le tariffe di nolo più alte e la pressione sui margini "hanno persistito in un ambiente di mercato continuamente difficile", la Panalpina si è data da fare per incrementare i propri profitti segnalati prima delle imposte (EBIT) del 21% per 42 milioni di franchi svizzeri e ha incrementato i profitti consolidati segnalati del 37% per 29,9 milioni di franchi svizzeri da gennaio a giugno 2017.

"Grazie alla rigorosa gestione dei costi abbiamo migliorato l'EBIT da trimestre a trimestre nella prima metà del 2017 ed abbiamo ripristinato la redditività del trasporto merci marittimo nel secondo trimestre" afferma l'amministratore delegato della Panalpina Stefan Karlen.

"Con la riuscita implementazione del nuovo sistema informatico nel fondamentale mercato tedesco, abbiano anche acquisito ulteriore slancio nel nostro programma di trasformazione delle operazioni".

Ma l'analisi condotta dagli esperti di investimenti logistici della Jefferies è stata meno generosa, avendo essa notato come l'EBIT del secondo trimestre della Panalpina sia calato del 30%, cioè dell'8% al di sotto delle aspettative unanimi dell'analista, "riflettendo le perdite di quote di mercato e la persistente pressione sui rendimenti e sui tassi di conversione".

Ciononostante, la Panalpina ha evidenziato il proprio più alto EBIT segnalato nei primi due trimestri complessivi e un più alto profitto consolidato nella prima metà dell'anno.

In conseguenza della persistenza della pressione sui margini, i profitti lordi del gruppo sono diminuiti del 9% sino a 673,1 milioni di franchi svizzeri nella prima metà del 2017. Allo stesso tempo, i costi "si sono ridotti notevolmente" dal momento che le spese operative totali sono diminuite del 6% per 609,8 milioni di franchi svizzeri.

L'EBIT segnalato ed i profitti consolidati sono aumentati su base annua, ma sono diminuiti in confronto alle rispettive cifre del 2016 corrette con i costi di ristrutturazione.

Nel contempo, i margini dall'EBIT ai profitti lordi si sono attestati al 6%, in aumento rispetto al 4,7% dell'anno scorso.

I volumi di trasporto merci aereo della Panalpina sono aumentati del 7% nei primi sei mesi del 2017, "in linea con una crescita del mercato stimata di circa l'8%" sebbene alcuni analisti abbiano calcolato una crescita complessiva del mercato prossima al 10%.

È stato detto che l'alta domanda di capacità di trasporto merci aereo "ha spinto in alto le tariffe che hanno messo i margini sotto una continua pressione".

I profitti lordi per tonnellata sono diminuiti del 10% sino a 623 milioni di franchi svizzeri, comportando profitti lordi complessivi di 294,6 milioni di franchi svizzeri, rispetto ai 30,5 milioni di franchi svizzeri dell'anno scorso.

L'EBIT segnalato per il trasporto merci aereo si è incrementato da 33,1 a 39,1 milioni di franchi svizzeri, mentre i margini segnalati dall'EBIT ai profitti lordi per la prima metà del 2017 si sono piazzati al 13,3% rispetto al 10,9% dell'anno precedente.

Nel trasporto merci marittimo, i volumi della Panalpina nella prima metà dell'anno sono aumentati del 5% su base annua, percentuale superiore alla crescita del mercato stimata al 4% circa.

Tuttavia, i profitti lordi per TEU sono diminuiti del 12% sino a 283 milioni di franchi svizzeri (metà anno 2016: 323 milioni di franchi svizzeri), comportando profitti lordi complessivi di 214,6 milioni di franchi svizzeri (metà anno 2016: 232,9 milioni di franchi svizzeri).

Il trasporto merci marittimo ha segnalato una perdita EBIT di 2,6 milioni di franchi svizzeri per la prima metà dell'anno, in ribasso rispetto ad un profitto di 1,3 milioni di franchi svizzeri nel 2016 (corretto a metà anno 2016: 10,9 milioni di franchi svizzeri) ma è tornato alla redditività nel secondo trimestre.

Nella logistica contrattuale, poiché il giro d'affari dei siti a basso rendimento ha continuato ad essere insoddisfacente, i profitti lordi della logistica del gruppo sono diminuiti del 18% sino a 163,9 milioni di franchi svizzeri nella prima metà dell'anno (prima metà anno 2016: 198,9 milioni di franchi svizzeri) ma la redditività si è ulteriormente incrementata nel frattempo: la logistica ha fatto registrare un EBIT segnalato di 5,4 milioni di franchi svizzeri per i primi sei mesi del 2017, rispetto agli 0,3 milioni di franchi svizzeri (corretto a metà anno 2016: 4,1 milioni di franchi svizzeri) per il medesimo periodo dello scorso anno.
(da: lloydsloadinglist.com, 20 luglio 2017)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail