ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 ottobre 2017 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02.59 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 15 SETTEMBRE 2017

PROGRESSO E TECNOLOGIA

INIZIATIVA PILOTA DI SUCCESSO CON CATENA DI BLOCCHI

Sulla scia del recente attacco di virus informatici alla Maersk Line, la MTI (Marine Transport International) spera che un'iniziativa pilota di successo che utilizza la tecnologia della catena di blocchi per inviare una registrazione di massa lorda verificata possa suscitare l'interesse per l'uso di tale tecnologia in tutto il settore mondiale del trasporto marittimo.

Il progetto ha collegato il fornitore, il caricatore, il punto di carico, le dogane ed il terminal su un registro condiviso in catena di blocchi utilizzato per gestire una registrazione di massa lorda verificata.

"Nell'iniziativa pilota, l'informazione relativa alla massa lorda verificata è stata raccolta presso un punto di carico dall'applicazione SOLAS VGM della MTI, registrata sulla catena di blocchi dedicata e dotata di un'unica ID.

Essa è stata immediatamente confermata al punto di carico e validata circa la provenienza (collegando i dati all'ubicazione geografica della pesa).

Alla fine, è stato inoltrato un messaggio contenente i dati utilizzando il format EDIFACT su SFTP al portale di trasporto marittimo INTTRA per le ulteriori relazioni con le linee di navigazione.

Queste ultime sono state conseguite istantaneamente.

Se venisse condotto come di norma, l'intero processo richiederebbe significative attività di carico e riformattazione dei dati, spesso manualmente, per conseguire lo stesso risultato" afferma la MTI che ha sede nel Regno Unito.

I risultati dell'iniziativa pilota sono stati verificati e riportati in un libro bianco da parte dell'Università di Copenaghen e dalla BLOC (Blockchain Labs for Open Collaboration).

Jody Cleworth, amministratore delegato della MTI, afferma: "I risultati di questa riuscita iniziativa pilota dimostrano i punti di forza della tecnologia della catena di blocchi quando viene impiegata per collegare i vari attori della filiera distributiva.

Confidiamo che le ditte di tutto il settore logistico possano assistere alla derivazione di un ampio spettro di vantaggi dall'impiego della catena di blocchi".

"La catena di blocchi ha dimostrato di essere un eccellente modo per connettere le diverse parti impegnate in ogni scenario della filiera distributiva in ragione della trasparenza e della sicurezza progettuale della tecnologia" aggiunge Cleworth.

La MTI spera che il recente attacco cibernetico che ha afflitto la Maersk Line possa suscitare l'interesse per la catena di blocchi nel settore dello shipping.

"Una filiera distributiva abilitata alla catena di blocchi è assai resistente agli attacchi cibernetici: una copia dei dati essenziali della spedizione viene archiviata su ciascun nodo di una rete decentrata, cosa che significa che anche se un nodo viene compromesso, il dato è comunque salvo" afferma Cleworth.

La società si sta inoltre concentrando sul risparmio in ordine ai costi generato dalla catena di blocchi, che a suo avviso "arriva sino al 90%".

Karim Jabbar del Dipartimento Scienze Computerizzate dell'Università di Copenaghen e coautore del libro bianco, aggiunge: "Questa iniziativa pilota dimostra il grande potenziale delle tecnologie di registro distribuito da utilizzarsi ai fini del miglioramento dei processi delle filiere distributive.

Il sistema Container Streams è unico per il fatto che non richiede la completa sostituzione dei sistemi esistenti: invece, la soluzione della MTI consente la completa interoperabilità con l'attuale infrastruttura preesistente.

Il settore della logistica nel suo complesso può aspettarsi migliore visibilità, connettività e risparmio sui costi in conseguenza dell'adozione del registro distribuito".

Deanna MacDonald, amministratrice delegata della Blockchain Labs for Open Collaboration, ha dichiarato: "Abbiamo documentato la prima fase di questo caso di utilizzazione, le sue implicazioni per il settore marittimo ed il risultante sviluppo di un ecosistema applicativo chiavi in mano per la logistica globale della filiera distributiva.

Tuttavia, il futuro potenziale di questa piattaforma di ecosistema poggerà sulla collaborazione fra i diversi attori di queste filiere distributive allo scopo di identificare con chiarezza i problemi e co-realizzare applicazioni che trovino le soluzioni per le problematiche collettive che oggi devono affrontare".
(da: worldcargonews.com, 31 agosto 2017)



ABB Marine Solutions Est Europea Servizi Terminalistici
Consorzio ZAI    


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail