ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 de noviembre de 2018 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 00:26 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 31 AGOSTO 2018

TRASPORTI ED AMBIENTE

I SISTEMI PER LA DEPURAZIONE DEI GAS ESAUSTI: DEPURANO BENE?

La scelta della migliore opzione per conformarsi al limite stabilito per lo zolfo sarà una scommessa.

Il successo economico della scelta di un armatore dipende in modo sostanziale dai futuri prezzi del carburante nel 2020 ed oltre.

Se la differenza di prezzo fra carburanti ad elevato residuo di zolfo e distillati con zolfo allo 0,5% raggiungesse i 400 dollari USA alla tonnellata nel 2020, come previsto da alcuni analisti del mercato, allora l'installazione di sistemi per la depurazione di gas esausti sembrerebbe un'opzione assai allettante.

Molto è stato detto e scritto in ordine ai sistemi per la depurazione di gas esausti - ai quali comunemente ci si riferisce come 'filtri di depurazione' - e se essi siano una soluzione valida dal punto di vista ambientale.

Ma comunque mettere in mare i SOx è meglio che liberarli nell'atmosfera?

Può darsi che la percezione pubblica della ecocompatibilità dei filtri depuratori sia ben diversa dalla realtà.

Al fine di aiutarci a decidere che cosa sia mito e quali siano i fatti, North dell'England P&O Club ha chiesto a Don Gregory e Mark West della EGCSA (Exhaust Gas Cleaning System Association) di rispondere ad una breve intervista.

Quelle che seguono sono le opinioni della EGCSA e non riflettono necessariamente quelle di North.

"D: I sistemi per la depurazione di gas esausti non si limitano a spostare l'inquinamento dall'aria al mare?

R: Si tratta di un comune malinteso: l'acqua di lavaggio dei filtri depuratori rimuove e converte gli ossidi di zolfo dai gas esausti in modo da scaricarli nelle acque di lavaggio come innocui solfati.

Dopo il sodio ed il cloruro, il solfato è lo ione più comune presente nell'acqua di mare.

Anche se tutto lo zolfo di tutte le riserve petrolifere mondiali dovesse essere depurato, l'incremento dei solfati negli oceani sarebbe infinitesimamente piccolo.

Gli scarichi delle acque di lavaggio dei filtri depuratori sono inoltre continuamente monitorati e soggetti a rigorosi limiti di scarico.

Vari studi hanno concluso che ogni riduzione di pH derivante da depurazione sarà insignificante se comparata a quella risultante dall'incremento della CO2 atmosferica assorbita dai mari.

Inoltre, la depurazione a circuito aperto da anni viene utilizzata dalle centrali elettriche costiere e dai sistemi a gas inerte delle petroliere quando si trovano in porto senza problemi dal punto di vista ambientale.

Adottando un approccio olistico, la depurazione consente di continuare ad utilizzare il carburante residuo, il che significa che l'energia necessaria alla produzione di carburante distillato e le risultanti emissioni di CO2 possono essere ridotte in modo rilevante.

D: Che cosa può dirci dei numerosi aneddoti secondo i quali i sistemi per la depurazione di gas esausti sono inaffidabili e richiedono un sacco di manutenzione?

R: Questo può essere avvenuto qualche anno fa prima che la depurazione dei gas esausti divenisse diffusa.

Tuttavia, la depurazione è una tecnologia affermata.

Ci sono stati alcuni rapporti in ordine a guasti di condotte dovuti all'uso di materiali o rivestimenti non appropriati.

La chiave per la riuscita dei sistemi per la depurazione di gas esausti sono una gestione del progetto estremamente professionale e squadre di installazione ad alta qualità.

I sistemi per la depurazione di gas esausti sono progettati per durare tutta la vita della nave.

D: Possiamo aspettarci norme - internazionali, regionali o nazionali - che lala fine controllino o vietino lo scarico di acque reflue dei sistemi per la depurazione di gas esausti (in particolare nelle acque delimitate e nei porti)?

R: L'IMO già richiede che i parametri delle acque di lavaggio di pH, pAH (idrocarburi policiclici aromatici) e torbidità vengano continuamente monitorati ed i risultati registrati rispetto al momento ed alla posizione della nave.

Ci sono alcuni porti che hanno proibito l'uso dei depuratori a circuito aperto nelle proprie acque.

Ma non ci sono prove che giustifichino il divieto.

Ci sono molti esempi di depuratori basati a terra che operano da decenni senza che vi sia un impatto misurabile sui sedimenti o le acque circostanti.

Si tratta in gran parte di una reazione emotiva.

D: Confidate che le raffinerie continueranno a produrre carburanti residui ad alto contenuto solforoso a buon mercato dopo il 2020?

R: Sì: non c'è dubbio che le raffinerie siano preoccupate riguardo alla eliminazione dei residui alla fine del 2019 con il passaggio al carburante con contenuto solforoso dello 0,5%.

Lo scenario peggiore è quello in cui il carburante ad elevato contenuto solforoso scenda al di sotto del prezzo del carbone.

D: Se si utilizzano sistemi di depurazione a circuito chiuso ed ibridi, che cosa accade in relazione ai rifiuti chimici?

Vengono eliminati in modo corretto dal punto di vista ambientale?

R: Le linee-guida dei depuratori dispongono che i rifiuti generati dai sistemi per la depurazione di gas esausti vengano consegnati a strutture ricettive situate a terra.

Non possono essere scaricati in mare o inceneriti a bordo.

D: Se i sistemi per la depurazione di gas esausti si guastano in servizio, la nave viola l'Allegato VI della MARPOL?

R: L'avviso fondamentale che la EGCSA ha ricevuto è che gli operatori della nave dovrebbero essere trasparenti ed avvisare lo stato dei porti di bandiera e costieri senza ritardo nella comunicazione, nonché che sono state intraprese misure correttive.

Nel caso di un problema che impedisca l'operazione del sistema, la nave non dovrebbe essere considerata in immediata violazione del regolamento perché la mancata conformità sarebbe non intenzionale e si applicherebbero le disposizioni del regolamento 3.1.2 dell'Allegato VI della MARPOL.

Se l'operazione del sistema per la depurazione di gas esausti non è possibile, la nave viene avvertita di passare al carburante conforme.

Tuttavia, se a bordo non c'è carburante conforme, alla nave dovrebbe essere consentito di completare la tratta in corso del suo viaggio senza deviazioni e poi di effettuare lavori di riparazione o di rifornirsi di carburante conforme.

D: È troppo tardi per ordinare ed installare un sistema per la depurazione di gas esausti su una nave prima del 2020?

R: Si è capito che la maggior parte dei membri della EGCSA non potranno consegnarli sino a dopo il 2020.

Ci sono alcuni colli di bottiglia come la disponibilità degli ispettori per la misurazione laser e di squadre esperte per le installazioni.

Tuttavia, abbiamo saputo che un particolare cantiere in Corea ha recentemente rilasciato un preventivo di 19 giorni per una installazione completa.

Allo stato attuale, l'acciaio inossidabile richiesto per la produzione è ancora disponibile in quantità sufficienti".
(da: hellenicshippongnews.com, 25 luglio 2018)



ABB Marine Solutions


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it