ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

15 November 2018 The on-line newspaper devoted to the world of transports 17:51 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXVI - Numero 31 AGOSTO 2018

STUDI E RICERCHE

I TERMINAL CONTAINERIZZATI TENDONO ANCORA ALL'ECCESSO DI CAPACITÀ

La ditta di consulenze tedesca DS Research ha appena annunciato la 5a edizione del proprio rapporto sul mercato "Container Terminal Project Pipeline", che effettua unavalutazione dei prossimi progetti relativi a terminal container ed analizza i tassi di realizzazione dei progetti per mercato regionale.

Lo studio identifica 350 progetti di espansione che mirano ad aggiungere 270 milioni di TEU di capacità aggiuntiva per la movimentazione di contenitori sino all'anno 2023.

Esso prevede che fra il 40 ed il 70 per cento della capacità programmata sarà effettivamente realizzata.

"Gli sviluppatori sono in genere troppo ottimisti riguardo all'espansione delle strutture esistenti od alla costruzione di siti su nuovi terreni.

La portata e la tempistica dei progetti vengono di solito adattati alla domanda del mercato, risultando nella riduzione delle dimensioni, nel rinvio o nella cancellazione dei progetti" nota la DS Research.

"Lo scopo degli annunci progettuali è di solito quello di attirare l'interesse da parte degli investitori e dei potenziali clienti.

Pertanto, quello che viene annunciato solitamente va al di là di quello che viene davvero realizzato" afferma l'analista Daniel Schaefer.

"Allo stesso tempo, ci aspettiamo che circa i due terzi dei progetti di espansione compresi nel nostro elenco vengano in effetti completati, con tassi di esecuzione che spaziano dal 40% del Nord Africa al 70% circa del Sud-Est Asiatico e dell'Oceania".

Considerata a livello globale, l'offerta di terminal containerizzati è stata superiore alla domanda da qualche anno a questa parte.

"A causa di varie ragioni, la capacità di movimentazione contenitori si è incrementata ad un livello relativamente costante di 40-50 milioni di TEU all'anno, superando di molto la crescita della domanda.

A quanto si dice, circa 300 progetti consistenti in 185 milioni di TEU di nuova capacità sono stati realizzati nel corso degli ultimi 4 anni, laddove i risultati produttivi relativi ai container si sono incrementati di solo 63 milioni di TEU" sottolinea la DS Research.

La ditta di consulenze si aspetta un saldo più ravvicinato fra domanda ed offerta in futuro, dal momento che gli operatori terminalistici "tendono ad essere più esitanti riguardo agli investimenti per nuovi terminal" oggi.

Nel corso dei prossimi cinque anni ci si aspetta che il divario fra la nuova capacità e la crescita della domanda sia prossimo a 50 milioni di TEU, con la domanda di porti containerizzati ad incrementarsi di 210 milioni di TEU (tasso annuo di crescita composto 4,3%) da qui al 2023, mentre l'offerta si incrementa di 260 milioni di TEU (tasso annuo di crescita composto 3,4%) nello stesso periodo.

Parlando con World Cargo News, Daniel Schaefer ha detto che la DS Research segue i singoli progetti nel corso del tempo e sottolinea quelli che generano una copertura da parte dei media ma non un vero progresso.

Mentre questi ultimi sono abbastanza pochi, la maggior parte dei progetti in elenco a suo dire sono "molto solidi".

Le aree di sviluppo più attive al momento comprendono la Costa Orientale degli Stati Uniti, il Mar Mediterraneo, il Canale di Suez, il Golfo persico e lo Stretto di Malacca, allontanandosi dal Nord Europa e dal Canale di Panama.

Tuttavia, la maggior parte dei progetti elencati sono di dimensioni medio-piccole: circa il 75% dei tutti i progetti per i quali è in programma il completamento sino al 2023 comprendono un'espansione della capacità inferiore ad 1 milione di TEU.

L'attenzione ai progetti minori significa che un numero maggiore di essi sarà effettivamente completato.

"L'elenco dei progetti degli anni scorsi consisteva in 75,6 milioni di TEU di capacità la cui realizzazione era in programma per il 2017.

La maggior parte dei progetti era classificata come solida.

Retrospettivamente, circa il 71% della capacità è stata completata nel 2017, mentre il 22% è stata rinviata ad anni successivi ed il 7% è stata ridimensionata o cancellata" afferma Schaefer.

Si tratta di un tasso di realizzazione più alto di quello relativo agli anni precedenti.

"Riguardo alle indagini del 2014-2016: circa il 55-70% dei progetti la cui realizzazione era in programma nel corso degli stessi anni sono stati in effetti eseguiti".

Quando gli sviluppi si ridimensionano, diventano anche più diversi.

"Abbiamo visto una precisa tendenza in cui molte concessioni globali vengono prese in considerazione come terminal multi-uso, vale a dire contenitori più strutture per rinfuse secche o merci unitizzate" aggiunge Schaefer "ed un crescente interesse degli operatori internazionali per questo tipo di strutture così come per i servizi terrestri".

Il rapporto è disponibile sul sito internet della DS Research:

(http://www.dsresearch.de/).
(da: worldcargonews.com, 20 agosto 2018)



ABB Marine Solutions Consorzio ZAI Salerno Container Terminal


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail