ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 settembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 01:50 GMT+2



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 31 AGOSTO 2019

TRASPORTO FLUVIALE

IL LIVELLO DELLE ACQUE DEL RENO CONTINUA A DIMINUIRE CON L'INTENSIFICARSI DEL CALDO

Il livello delle acque in calo sul Reno, un importante corridoio di trasporto merci che collega la Germania, la Svizzera e la Francia con il principale porto containerizzato europeo di Rotterdam, sta esacerbando le già problematiche condizioni delle imprese di trasporto fluviale intermodale e dei loro clienti con altre maggiorazioni da riscuotere e con l'aumento di quelle già in essere.

La prolungata maledizione del tempo secco ha significato che i battelli adibiti al trasporto merci non sono in grado di effettuare operazioni a pieno carico di capacità in settori fondamentali del fiume, mentre l'incombente ondata di caldo ha suscitato timori di una ripetizione dello storico blocco dello scorso anno sull'idrovia in questione.

Nel suo ultimo aggiornamento del servizio, lo specialista di trasporto fluviale su chiatte Contargo che appartiene alla Rhenus Logistics ha notato che il livello delle acque sul Reno sta al momento calando in tre misuratori chiave per il traffico: Kaub, per i terminal a sud di Coblenza compreso Francoforte, Duisburg-Ruhrort ed Emmerich.

Le previsioni parlano di un ulteriore calo nei prossimi giorni.

La Contargo attualmente applica maggiorazioni per l'acqua bassa al misuratore di Kaub di un importo fra 30 e 40 euro per un contenitore da 20 piedi ed uno da 40 piedi trasportato da Rotterdam od Anversa.

Tuttavia, una maggiorazione secondaria fra 45 e 60 euro si accinge ad essere attivata il 28 luglio quando ci si aspetta che il misuratore di Kaub cali al di sotto del segno dei 130 cm.

Il 28 luglio si prevede che il livello a Ruhrort scenda al di sotto dei 220 cm, innescando una maggiorazione di 25-35 euro per contenitore.

Quanto al misuratore di Emmerich, esso continua a declinare ad un ritmo basso e ci si aspetta che cali a 113 cm il 28 luglio, ancora in qualche modo in misura inferiore alla soglia di maggiorazione dei 70 cm.

La Bloomberg ha sottolineato che, quando le autorità tedesche avevano incontrato gli esperti il mese scorso, avevano svelato i provvedimenti finalizzati a contribuire ad alleviare le preoccupazioni, compresi migliori sistemi di allerta tempestiva per aiutare le imprese a pianificare opzioni di trasporto alternative.

Ma i funzionari avevano ammesso che essi non avrebbero potuto tenere le navi a galla se le acque fossero state basse.

"Il Reno è un fiume naturale" commenta Hans,-Heinrich Witte, presidente della WSV, l'autorità fluviale tedesca.

"Ci sono limiti a quello che possiamo fare per tenerlo aperto come idrovia commerciale".

Si dice che i caricatori stiano procedendo ad una pianificazione di emergenza che implica l'uso di navi più piccole e modalità di trasporto diverse come la capacità camionistica e ferroviaria ed anche l'accumulazione delle merci nei magazzini.

Il ministro dei trasporti tedesco Andreas Scheuer ha descritto i periodi di acqua bassa sul Reno come "dolorosi" aggiungendo: "È dannoso per l'economia tedesca e ha implicazioni sul nostro stile di vita".

Oltre al basso livello delle acque, gli operatori di chiatte fluviali sono altresì alle prese con i cronici ritardi dovuti al traffico ad Anversa ed a Rotterdam.

In un aggiornamento pubblicato all'inizio della settimana, la Contargo ha stimato che i tempi di attesa ad Anversa e a Rotterdam sono rispettivamente di 26 e 21 ore.
(da: lloydsloadinglist.com, 25 luglio 2019)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail