ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 aprile 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18.29 GMT+2



9 settembre 2009

L'Autorità Portuale di Venezia ha messo a gara il nuovo terminal per le autostrade del mare

La procedura include la connessa piattaforma logistica

Lo scorso 11 agosto l'Autorità Portuale di Venezia ha pubblicato un bando di gara in regime di project financing per la realizzazione e gestione in concessione di un terminal destinato allo short sea shipping (autostrade del mare) situato nell'area ex-Alumix sita in località Fusina, prospiciente il canale di grande navigazione Malamocco-Marghera (inforMARE del 5 giugno 2003), e della connessa piattaforma logistica per un'area complessiva di 36 ettari.

Il terminal sarà costituito da due darsene con quattro banchine capaci di ospitare contemporaneamente quattro navi ro-ro o ro-pax. Le banchine prospicienti il canale Malamocco-Marghera potranno usufruire di fondali a -12 metri.

L'area è provvista, come da lavori in corso da parte dell'Autorità Portuale di Venezia e cofinanziati dall'Unione Europea, di collegamenti alla rete ferroviaria e stradale nazionale ed europea idonei a rispondere all'aumento di capacità di traffico del nuovo terminal.

L'investimento complessivo è pari a 193,23 milioni di euro, di cui 3,78 milioni di euro per la progettazione, e la durata della concessione messa a gara avrà una durata massima di 40 anni. La realizzazione dell'intervento avviene con risorse totalmente a carico del concessionario aggiudicatario, fatta salva la progettazione esecutiva di una delle due darsene che sarà realizzata dall'Autorità portuale di Venezia mediante una successiva procedura di gara. Si tratta - ha spiegato l'ente portuale - di una finanza di progetto in linea con operazioni di mercato europee ed internazionali di questo tipo: il piano economico finanziario che viene messo a gara presenta un TIR dell'azionista pari a 11,24%, ed un payback time di 18 anni. Il piano economico finanziario prevede da una parte la corresponsione alla amministrazione concedente, a partire dal quarto anno dalla sottoscrizione del contratto, di un canone annuo non inferiore a 2.537.105,52 euro, dall'altra l'applicazione da parte del concessionario all'utenza di una tariffa sulla gestione del traffico ro-ro (sbarco camion/autovetture, servizi alla nave, movimentazione di container da/verso treno, ecc), tariffe per l'uso di terzi degli immobili e ulteriori tariffe per i parcheggi.

I concorrenti dovranno presentare le loro offerte entro il prossimo 28 ottobre.

La fase dei lavori durerà quattro anni, ma sono state previste diverse fasi di realizzazione per cui la parte destinata a terminal potrà essere pronta già dopo tre anni.

Per i primi cinque anni il nuovo terminal sarà capace di movimentare 850 traghetti e 110 treni all'anno che aumenteranno successivamente con un tasso di crescita del 25% fino a raggiungere una capacità massima annuale di 1.800 traghetti. Il traffico ro-ro e ro-pax, anche se oggi sta subendo dei cali a seguito della crisi - ha sottolineato l'Autorità Portuale - rimane uno dei settori di sviluppo del porto di Venezia e nel 2008 ha raggiunto quota due milioni e 600 di tonnellate.

Bari Port Authority

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail