ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

26 ottobre 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 00.50 GMT+2



31 gennaio 2012

Assoporti: no all'applicazione in ambito portuale delle imposte regionali sulle concessioni demaniali

Nerli: l'associazione supporterà le Autorità Portuali nelle azioni che al riguardo riterranno opportuno intraprendere

L'Associazione dei Porti Italiani (Assoporti) ritiene che le imposte regionali sulle concessioni demaniali non debbano essere applicate in ambito portuale. ««Non si riesce a cogliere - ha spiegato il presidente dell'associazione, Francesco Nerli - il fondamento che giustifica la richiesta dell'Imposta Regionale sulle Concessioni Demaniali in ambito portuale da parte di alcune regioni». «Innanzitutto - ha precisato - sull'insussistenza dei presupposti per l'applicazione alle concessioni rilasciate dalle Autorità Portuali, si è espressamente pronunciato il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nel 2011».

Inoltre Nerli ha ricordato che la norma di riferimento (legge n.281 del 16 maggio 1970) è sempre stata considerata non riferibile alle Autorità Portuali da Assoporti, che ha sostenuto in tutte le sedi l'infondatezza delle richieste di alcune regioni italiane.

Nerli ha annunciato che pertanto l'associazione supporterà le Autorità Portuali nelle azioni che al riguardo riterranno opportuno intraprendere. «L'applicazione di norme di questo tipo - ha rilevato - certamente non aiuta a rendere i nostri porti competitivi, oltre a creare una situazione di alterazione della concorrenza che danneggia l'intero sistema».



ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail