ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 dicembre 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 16.09 GMT+1



16 marzo 2012

ANITA, assurdo pagare per il Sistri, un sistema ancora in sperimentazione

Sui 70 milioni di euro versati dalle imprese italiane - ha rilevato l'associazione - quelle di trasporto hanno pagato la quota più considerevole

ANITA (Associazione Nazionale Imprese Trasporti Automobilistici) ritiene assurdo che gli autotrasportatori debbano proseguire ad effettuare i pagamenti per il Sistri, il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti istituito a gennaio del 2010 ma - ha sottolineato l'associazione - non ancora operativo. Negli ultimi due anni - ha ricordato ANITA - diversi provvedimenti legislativi ne hanno rinviato la completa operatività, ma le imprese hanno continuato a pagare.

«Sui 70 milioni di euro versati dalle imprese italiane - ha spiegato l'associazione - quelle di trasporto hanno pagato la quota più considerevole. Oltre ai costi di iscrizione al sistema, infatti, queste hanno sostenuto anche quelli per l'installazione delle black box sui veicoli, 150 euro per ogni mezzo, e l'attivazione delle sim card».

«Ci sembra assurdo - ha dichiarato Carlo Coppola, presidente della sezione trasporto rifiuti di ANITA - continuare a pagare per un sistema che ancora non funziona. Abbiamo accolto fin dal principio il provvedimento che ha istituito il Sistri perché crediamo possa contribuire alla semplificazione dei processi di gestione dei rifiuti ed essere uno strumento per combattere l'illegalità nelle attività di trasporto e smaltimento. Per queste ragioni, siamo stati disponibili a recepire i nuovi adempimenti - nonostante prevedessero costi aggiuntivi - proponendo nei vari incontri presso i ministeri dei Trasporti e dell'Ambiente, soluzioni per risolvere le criticità riscontrate dagli operatori nell'applicazione del Sistri».

«Ma - ha evidenziato Coppola - non possiamo continuare a sostenere costi per un sistema ancora in sperimentazione. Per tale motivo abbiamo chiesto, in una lettera inviata al ministro dell'Ambiente Corrado Clini, che le imprese di autotrasporto vengano esonerate dal pagamento del contributo annuale 2012, la cui scadenza prevista per il prossimo 30 aprile. Sui costi finora sostenuti, proponiamo che le somme versate negli anni 2010 e 2011 vengano compensate per i periodi successivi alla reale attuazione del sistema».

ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail