ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 novembre 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 14.22 GMT+1



27 aprile 2012

Approvato il bilancio consuntivo 2011 dell'Autorità Portuale di Savona

Oltre sette i milioni destinati agli investimenti. Questo pomeriggio la nuova tappa savonese del progetto europeo “Vento e Porti”

Ieri il Comitato Portuale di Savona ha approvato il bilancio consuntivo 2011 dell'Autorità Portuale che ha registrato entrate correnti pari a 16,6 milioni di euro a fronte di 8,31 milioni di euro di spese correnti, con un avanzo corrente di 8,37 milioni di euro; su questa cifra - ha reso noto l'ente portuale ligure - 7,66 milioni di euro sono stati investimenti in conto capitale con un avanzo di competenza pari a 713mila euro.
La gestione finanziaria - ha spiegato l'Autorità Portuale in una nota - è stata complessivamente caratterizzata da un risultato soddisfacente che riscontra lo sforzo continuo di contenimento delle spese (scese al minimo le spese di rappresentanza pari a 1.000 euro, azzerate le spese per le consulenze esterne, ridotte a 3.000 euro le spese pubblicitarie) ben oltre quanto indicato dalla normativa vigente.

Tra i principali punti all'ordine del giorno, il Comitato Portuale ha approvato anche la relazione annuale sull'attività promozionale, organizzativa e operativa del porto e sull'amministrazione delle aree demaniali che ricadono sotto la competenza dell'Autorità Portuale savonese.

Via libera al progetto di utilizzo delle aree demaniali marittime-turistico-ricreative comprese tra Rio Sodino e piazzale Punta Margonara nel Comune di Albissola Marina secondo quanto stabilito dal recente Pud che la Regione ha ratificato con decreto lo scorso mese di marzo.

«Il 2011 - ha commentato il presidente dell'Autorità Portuale di Savona, Rino Canavese - è stato un anno difficile per l'economia in generale anche se il porto ha retto i contraccolpi e i traffici sono rimasti abbastanza stabili». Lo scorso anno il traffico delle merci nel porto ligure è infatti ammontato a 14.654.086 tonnellate, con una crescita del 3,9% rispetto a 14.098.263 tonnellate nel 2010. Le merci varie hanno totalizzato 4.259.177 tonnellate (+3,4%), di cui 1.875.213 tonnellate di merci in container (-3,1%) con una movimentazione pari a 170.427 container teu (-13,2%), 1.304.825 tonnellate di rotabili (+23,5%) e 1.079.139 di merci convenzionali (-4,2%). Nel comparto delle rinfuse liquide il traffico è cresciuto del 4,8% a 7.040.747 tonnellate e in quello delle rinfuse secche è aumentato del 3,0% a 3.354.162 tonnellate. Il traffico dei passeggeri è stato di 1.306.425 unità (+19,6%), di cui 948.459 crocieristi (+21,5%) e 357.720 passeggeri dei traghetti (+15,0%).

Relativamente al bilancio consuntivo, Canavese ha evidenziato che «l'amministrazione ha mantenuto una gestione ferma e oculata, le spese sono scese a livelli minimi. Gli investimenti hanno riguardato le opere complementari alla piattaforma contenitori di Vado e le aree retro portuali».

Nel corso della riunione del Comitato Portuale il presidente Canavese, che nella mattinata aveva incontrato i rappresentanti della Culp e il sindaco di Savona Federico Berruti, ha illustrato ai membri presenti la difficile situazione venutasi a creare dopo la sentenza che condanna la Compagnia Unica del Lavoratori del Porto a risarcire i congiunti di un paio di soci, morti alcuni anni fa per mesotelioma pleurico imputabile ad esposizione all'amianto. La provvisionale stabilita, in attesa dell'esito dell'appello è di circa un milione di euro. L'Autorità Portuale ha sottolineato che, in un momento economico di crisi, ribadendo il ruolo fondamentale della Culp all'interno dell'organizzazione del lavoro portuale, le istituzioni, le categorie degli imprenditori nonché le rappresentanze sindacali in seno al Comitato hanno espresso unanimemente alla Compagnia il loro sostegno che avverrà nelle forme che meglio saranno individuate anche in sede di un prossimo comitato nel proseguo dell'iter processuale.

Intanto è fissata per oggi alle 14.30 presso la sede dell'Unione Industriali di Savona la nuova tappa savonese del progetto europeo “Vento e Porti”, finanziato dal programma di cooperazione transfrontaliera Italia/Francia “Marittimo” 2007-2013, che affronta lo studio del vento con l'obiettivo finale di fornire la valutazione statistica e la previsione del vento atteso a medio e breve termine (24-12 ore e un'ora rispettivamente) in tutte le zone dei cinque porti partner (Savona, Genova, La Spezia, Livorno e Corsica). L'incontro odierno coinvolge vari membri del gruppo di auditing del porto di Savona (terminalisti, istituzioni e utenti) e prevede la presentazione della bozza del modello previsionale “WEB-GIS meteorologico”, illustrato dal dipartimento DICAT dell'Università di Genova, attuatore scientifico del progetto e realizzatore del portale web: i dati del vento atteso, direttamente fruibili via web, potranno essere quindi acquisiti in primo luogo da Autorità Portuale, Capitaneria di Porto, piloti e utenti portuali al fine di pianificare le attività operative, nonché tutte le necessarie misure di prevenzione da attuare in caso di rischio, al fine di garantire la sicurezza dei lavoratori e contemporaneamente l'operatività dei terminal.


ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail