ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

26 luglio 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 15.11 GMT+2



21 maggio 2012

Confindustria, Confetra, Anita e Fedit chiedono al governo di vigilare sul fermo dell'autotrasporto proclamato dal 28 maggio

Sollecitati interventi per limitare i danni, i disagi e le violenze

Con una lettera, che pubblichiamo di seguito, Confindustria, Confetra, Anita e Fedit hanno chiesto al governo di prendere provvedimenti per consentire la normale circolazione dei veicoli commerciali durante i cinque giorni di fermo dell'autotrasporto proclamati da Trasportounito da lunedì 28 maggio. «Il fermo - hanno sottolineato le quattro organizzazioni - deve estrinsecarsi nella mera astensione dal lavoro da parte di chi vi aderisce. La sua proclamazione non può dare diritto alla realizzazione di manifestazioni con utilizzo di veicoli commerciali, incolonnamenti, intralci alla circolazione, intasamenti delle aree di sosta o di rifornimento».


Confindustria

Confetra

Anita

Fedit



Ill.mi Signori


Pref. Annamaria Cancellieri
Ministro dell'Interno


Dr. Corrado Passera
Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

e p.c.

Sen. Prof. Mario Monti
Presidente del Consiglio dei Ministri


Oggetto: Fermo dell'autotrasporto.

Egregi Ministri,

le sottoscritte confederazioni che, attraverso le rispettive associazioni di trasporto aderenti, rappresentano la quasi totalità dell'autotrasporto strutturato, chiedono alle SS.LL. di voler adottare tutti gli opportuni provvedimenti per consentire la normale circolazione dei veicoli commerciali durante i cinque giorni di fermo proclamato da Trasportounito a partire da lunedì 28 maggio prossimo.

Il fermo deve estrinsecarsi nella mera astensione del lavoro da parte di chi vi aderisce.

La sua proclamazione non può dare diritto alla realizzazione di manifestazioni con utilizzo dei veicoli commerciali, incolonnamenti, intralci alla circolazione, intasamenti delle aree di sosta o di rifornimento o veri e propri blocchi; comportamenti che, ove già non espressamente vietati dall'ordinamento, dovrebbero essere comunque singolarmente autorizzati località per località dalle competenti autorità.

Nell'ultimo fermo generale proclamato da Trasportounito dal 23 al 27 gennaio 2012, si sono verificati innumerevoli episodi di blocchi, intimidazioni, minacce, violenze e danneggiamenti nei confronti di autisti e operatori semplicemente intenti a lavorare, viaggiare e trasportare.

La missione delle forze dell'ordine non deve essere riduttivamente quella di evitare disordini, il che indirettamente gioca a favore dei blocco della circolazione, ma viceversa quella di garantire la circolazione a quanti non hanno alcuna intenzione di fermarsi.

Giova rammentare come i blocchi nei punti nevralgici della circolazione vengono generalmente predisposti già durante la notte antecedente all'inizio del fermo: le forze dell'ordine dovranno vigilare affinché ciò non accada come in passato.

Gli uffici delle sottoscritte organizzazioni sono a disposizione per collaborare in ogni modo nella prevenzione e nella gestione ottimale del prossimo episodio di fermo dell'autotrasporto.

In attesa di un cortese cenno di riscontro, si ringrazia e si porgono distinti saluti

Il Vice Presidente Confindustria

Cesare Trevisani

Il Presidente Confetra

Fausto Forti

Il Presidente Anita

Eteuterio Arcese

Il Presidente Fedit

Stefania Pezzeto

Roma, 16 maggio 2012

FIORE
ABB Marine Solutions
Salerno Container Terminal

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail