ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 ottobre 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 15.52 GMT+2



3 luglio 2012

“K” Line prevede di chiudere il periodo 1° aprile - 30 settembre in perdita

Atteso un aumento dei ricavi

Il gruppo armatoriale giapponese Kawasaki Kisen Kaisha (“K” Line) ha modificato le previsioni di chiusura del primo semestre dell'esercizio finanziario 2012, periodo che si concluderà il prossimo 30 settembre, annunciando che la prima metà dell'anno sarà archiviata con una perdita netta di sette miliardi di yen (88 milioni di dollari) rispetto ad una previsione di un risultato netto positivo per un miliardo di yen formulata lo scorso 27 aprile. La compagnia giapponese ha spiegato che sul risultato netto peseranno le perdite per riduzione di valore dei redditi dei valori mobiliari di investimento detenuti dalle società del gruppo.

“K” Line attende invece un incremento dei ricavi rispetto alla previsione precedente: secondo le ultime stime la compagnia chiuderà il periodo 1° aprile - 30 settembre 2012 con ricavi per 550 miliardi di yen rispetto ai 540 miliardi previsti in precedenza. La flessione dei prezzi del fuel avrà infatti un positivo effetto sui ricavi.

“K” Line ritiene che nel secondo semestre dell'esercizio finanziario 2012 il declino dei prezzi del combustibile continuerà ad essere un fattore di crescita per i ricavi, mentre fattori di incertezza continueranno ad essere l'evoluzione del mercato dry bulk, che stenta a mostrare segni di ripresa, e il tasso di cambio yen-dollaro se continuerà a rimanere nel range 75-80 yen.

ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail