ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 giugno 2017 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 08.59 GMT+2



19 giugno 2017

I terminalisti spagnoli non hanno votato la nuova proposta dei sindacati sul lavoro portuale

I sindacati, in attesa di una controproposta che le aziende invieranno domani, mantengono inalterato il calendario degli scioperi

Venerdì l'associazione dei terminalisti portuali spagnoli ANESCO non ha votato l'ultima proposta di regolamentazione del lavoro portuale presentata dai sindacati ritenendo che includa misure che potrebbero comportare una violazione delle leggi in materia di concorrenza e del regio decreto legge 8/2017 di modifica delle normative sul lavoro portuale. I sindacati hanno reagito alla notizia denunciando che la decisione di non sottoporre la proposta al voto è indice dell'assoluta mancanza di volontà da parte degli imprenditori di condurre trattative con lo scopo di garantire il posto di lavoro dei lavoratori portuali.

Venerdì l'ANESCO ha valutato una relazione giuridica sulla proposta dei sindacati, in base alla quale la loro proposta introdurrebbe violazioni alle normative in particolare determinando una differenza tra i costi retributivi a carico delle aziende, a seconda se queste lasceranno o meno le Sociedades Anónimas de Gestión de Estibadores Portuarios (SAGEP), le società che gestiscono il lavoro portuale, per cui - evidenzia la relazione - relativamente ad alcune aziende risulterebbe illegale accettare la proposta di ridurre del 5% gli stipendi. Inoltre - rileva il documento - violazioni alle norme potrebbero essere determinate dalla creazione di un comitato di coordinamento tra le SAGEP, i Centros Portuarios de Empleo (CPE).e i terminalisti destinato a regolare le attività di formazione, gestione e contrattazione del lavoro portuale nonché l'attribuzione alle SAGEP e ai CPE della competenza esclusiva sulla selezione e assunzione del personale.

L'ANESCO ha sottolineato l'impossibilità di introdurre tali misure che potrebbero essere sanzionate con multe fino al 10% del fatturato dell'azienda e sino a 60mila euro a carico delle persone coinvolte direttamente in queste pratiche.

Confermando l'intenzione di raggiungere un accordo nel più breve tempo possibile, l'ANESCO ha reso noto che domani invierà una nuova nuova proposta ai sindacati affinché possa essere discussa dai rappresentanti dei lavoratori.

I sindacati hanno interpretato il mancato voto dei terminalisti come una «mancanza di rispetto» nei confronti dei loro stessi clienti, degli spagnoli in generale e, in particolare, dei lavoratori portuali. «È - ha sottolineato Antolín Goya, segretario generale del sindacato Coordinadora Estatal de Trabajadores del Mar - la seconda proposta presentata dai lavoratori, la prima risale al 1° giugno e la seconda al 13, che rimane senza risposta. È inaudito, data la gravità delle conseguenze di questa controversia - ha accusato Goya - che non abbiano il tempo di sedersi a studiare un modo per risolvere il problema in maniera condivisa» e - ha aggiunto – che ciò avvenga solo domani quando verrà inviata una controproposta. «Ancora più sorprendente - ha polemizzato Goya - è che abbiano la sfrontatezza di chiedere ai lavoratori portuali il normale svolgimento delle attività».

Goya ha rimarcato che le argomentazioni giuridiche addotte per non votare la proposta appaiono pretestuose. «A quanto pare - ha rilevato - il parere legale non accetta uno dei principi della riforma del lavoro che consente ad ogni azienda di negoziare le condizioni salariali. Allo stesso modo - ha osservato il segretario generlae di Coordinadora - la richiesta sindacale di regolare la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori alla selezione del personale e di creare un comitato di coordinamento delle attività di formazione, addestramento, assunzione e trasferimento viene respinta con l'assurdo sofismo di negare la sua legalità».

Goya ha concluso specificando che, in attesa di prendere in esame la risposa che sarà inviata domani dalle aziende, verrà osservato il calendario degli scioperi nei porti già stabilito.

Est Europea Servizi Terminalistici
Vincenzo Miele
ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail