ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 ottobre 2017 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 08.32 GMT+2



22 settembre 2017

Meyer Werft costruirà una seconda nave da crociera per la britannica Saga Cruises

L'unità di 58.250 tonnellate di stazza lorda sarà consegnata nell'agosto 2020

Il cantiere navale tedesco Meyer Werft costruirà una seconda nave da crociera per la britannica Saga Cruises. La compagnia crocieristica inglese ha infatti esercitato l'opzione fissata due anni fa con l'azienda navalmeccanica nell'ambito dell'ordine per la costruzione di una prima nave di 55.900 tonnellate di stazza lorda, la Spirit of Discovery, che sarà presa in consegna all'inizio dell'estate del 2019 ( del 30 settembre 2015). Il contratto sarà firmato a breve.

La seconda nave gemella si chiamerà Spirit of Adventure e sarà presa in consegna nell'estate del 2020. L'unità, di 58.250 tonnellate di stazza lorda, lunga circa 236 metri e larga 32,1 metri, sarà dotata di cabine tutte con balcone e potrà ospitare meno di mille passeggeri.

«La nostra prima nuova nave, la Spirit of Discovery - ha spiegato l'amministratore delegato di Saga plc, Lande Batchelor - entrerà in servizio nel giugno 2019 e con un livello di prenotazioni molto consistente, e questa fiducia nella domanda ha determinato la nostra decisione di ampliare la flotta di nuova costruzione e di acquisire una seconda nuova nave da prendere in consegna nell'agosto 2020».

L'amministratore delegato di Saga Cruises, Robin Shaw, ha sottolineato che sinora sono quasi 7.000 i passeggeri che si sono pre-registrati per effettuare una crociera sulla Spirit of Discovery. «Grazie a questa rilevante domanda, al desiderio del personale della Saga di continuare a fare ciò che amano fare e alla prevista crescita del settore delle crociere, sono assolutamente contento che oggi abbiamo confermato l'accettazione della costruzione di una seconda nuova nave».

L'amministratore delegato di Meyer Werft, Bernard Meyer, ha evidenziato che «in questo caso la conversione dell'opzione in ordine non è stata scontata. I negoziati per l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea - ha spiegato - stanno indebolendo la moneta britannica, il che significa che i costi per l'armatore sono più elevati. Meyer Werft - ha sottolineato Bernard Meyer - è riuscita a convincere la compagnia grazie ai suoi interessanti progetti, rispettosi dell'ambiente e delle risorse e che consentono una riduzione dei costi operativi.


ABB Marine Solutions
Est Europea Servizi Terminalistici
Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail