ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

31 marzo 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 09:56 GMT+2



26 marzo 2020

Fedespedi esorta il governo a chiarire che l'attività dei magazzini è consentita in tutte le aziende

La federazione sottolinea la necessità di evitare il blocco del sistema logistico italiano

Fedespedi, la federazione degli spedizionieri italiani, si è associata alla richiesta rivolta da Confetra al governo di chiarire che l'attività di magazzinaggio è consentita, al fine di evitare il blocco del sistema logistico nazionale e oneri aggiuntivi a carico della merce e del settore della logistica.

La federazione delle case di spedizione ha evidenziato che l'effetto congiunto dello stop alla produzione nel nostro Paese, come stabilito dal decreto governativo del 22 marzo scorso quale misura per contenere la diffusione del contagio da coronavirus, e della ripresa delle attività produttive in Cina minaccia di saturare gli hub logistici di porti e aeroporti nazionali in un breve lasso di tempo e determinare costi a carico della merce, delle imprese e degli operatori economici.

Pertanto Fedespedi ha esortato il governo a chiarire, in linea con l'indirizzo assunto nel decreto del presidente del Consiglio dei ministri, che l'attività dei magazzini è consentita in tutte le aziende, fatto salvo il rispetto delle condizioni previste e condivise a tutela della salute dei lavoratori. Questo chiarimento, volto a considerare in tutta la sua ampiezza l'attività di magazzinaggio che rientra a pieno titolo tra i codici ATECO esentati dalla sospensione dell'attività - ha sottolineato la federazione - è fondamentale per assicurare agli operatori del settore logistica, trasporto e spedizioni cui è chiesto il rispetto del protocollo per il contrasto alla diffusione del contagio nei luoghi di lavoro e delle specifiche linee guida fornite dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, di poter consegnare e ritirare presso i clienti le merci in arrivo o già prodotte e pronte per l'invio in ambito nazionale come internazionale, considerato che tre giorni di tempo possono non essere stati sufficienti.

Inoltre - ha rilevato Fedespedi - va considerato che la ripresa dell'attività economica in Cina ha determinato la partenza di ulteriori flussi di merci per il mercato europeo e destinati anche ai porti e aeroporti nazionali. Il rischio - ha avvertito la federazione - è che gli hub logistici raggiungano in fretta la capacità massima di contenimento di container, determinando il blocco del sistema logistico e il maturare di costi a carico della merce.

Inoltre la federazione ha osservato che in questo scenario è auspicabile che, similmente a quanto avvenuto in Cina, gli operatori dello shipping, del terminalismo portuale e dell'handling aeroportuale valutino, con senso di responsabilità, alla luce del carattere eccezionale della situazione in corso, di estendere le franchigie per la sosta delle merci.

Confidiamo - ha concluso Fedespedi - che il governo, consapevole del ruolo strategico della logistica, confermi misure a sostegno della liquidità e in generale volte ad alleviare le criticità che gli operatori stanno affrontando nel loro impegno al servizio dell'economia del Paese e dei fabbisogni di imprese e consumatori senza ulteriormente gravare sul commercio internazionale sul Made in Italy in particolare.

PSA Genova Pra'

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail