ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 settembre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 17:00 GMT+2



7 settembre 2020

Sea-Intelligence evidenzia l'inatteso miglioramento dei risultati finanziari dei principali vettori marittimi containerizzati

Analisi del rapporto tra utile operativo e volumi di carichi in container trasportati

Anche Sea-Intelligence, società che analizza l'evoluzione del settore del trasporto marittimo containerizzato, così come il nostro giornale, CLECAT ed altri osservatori ( del 4 settembre 2020), si è interrogata sulla sorprendente - perché inattesa - crescita dei risultati economici conseguita nel secondo trimestre di quest'anno dalle compagnie di navigazione mondiali leader di questo mercato. Sea-Intelligence si è soffermata sul rapporto fra il risultato economico operativo registrato da queste aziende e i volumi di carichi in container trasportati dalle loro flotte, comparazione giocoforza approssimativa dato che raramente le compagnie del settore precisano quale parte del loro utile operativo è esattamente addebitabile alle sole attività di trasporto marittimo containerizzato, includendo invece generalmente l'apporto dell'intera supply chain containerizzata ed anche di ulteriori attività nel settore marittimo-logistico e di altri settori.

Sea-Intelligence rileva che la crescita registrata nel periodo aprile-giugno di quest'anno deve essere il risultato della combinazione tra riduzione dei costi e tariffe di trasporto più elevate, dato che quasi tutte le compagnie hanno registrato un calo dei ricavi su base annua. Ricavi - aggiungiamo noi come abbiamo precisato recentemente - che hanno segnato un tasso di calo più contenuto rispetto a quello dei costi operativi a conferma anche (ma - fa ad esempio intendere CLECAT - non solo) del rialzo dei noli. Sea-Intelligence evidenzia pure il generalizzato calo anno su anno dei volumi di carichi containerizzati trasportati dalle flotte delle compagnie.

Sea-Intelligence sottolinea che nel secondo trimestre di quest'anno tutte e dieci le prime compagnie containerizzate che pubblicano dati finanziari hanno riportato un rapporto utile operativo/container teu trasportato di segno positivo e - precisa la società - persino la sudcoreana HMM, che in passato ha avuto problemi di profittabilità, ha registrato un rapporto EBIT/teu positivo di 129 dollari/teu, rapporto analogo a quello conseguito da Maersk. Sea-Intelligence rende noto inoltre che Hapag-Lloyd, con 146 dollari/teu, ha registrato il rapporto EBIT/teu più elevato, mentre solo quattro dei dieci vettori marittimi hanno registrato un rapporto utile operativo/teu inferiore a 100 dollari/teu.

Sea-Intelligence spiega infine che, per la prima volta dal 2010, nel secondo trimestre del 2020 tutte le compagnie hanno registrato un EBIT/teu positivo, precisando però che dieci anni fa non tutte le compagnie avevano comunicato le loro performance finanziarie.


PSA Genova Pra'
Autorità di Sistema Portuale Mar Ligure Orientale

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail