ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

26 febbraio 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 23:40 GMT+1



21 gennaio 2021

Lettera aperta dell'ECSA e dell'ETF ai vertici dell'UE affinché siano agevolati i cambi degli equipaggi delle navi

Chiesto anche l'accesso prioritario alla vaccinazione per i marittimi

L'associazione armatoriale europea ECSA e il sindacato europeo dei lavoratori dei trasporti ETF hanno inviato una lettera aperta ai vertici dell'Unione Europea in cui esortano gli Stati dell'UE a consentire che i cambi degli equipaggi delle navi avvengano senza ulteriori ritardi e ad assicurare accesso prioritario ai marittimi nelle campagne di vaccinazione per la crisi sanitaria del Covid-19.

«La pandemia di Covid-19 - hanno scritto il segretario generale dell'European Community Shipowners' Associations, Martin Dorsman, e il segretario generale facente funzioni dell'European Transport Workers' Federation, Livia Spera - ha innescato una crisi senza precedenti nel cambio degli equipaggi, che ha avuto un impatto su centinaia di migliaia di marittimi, alcuni dei quali sono prossimi ad essere bloccati in mare da due anni. Sussiste la reale preoccupazione che, con le nuove restrizioni, la situazione possa peggiorare piuttosto che migliorare. I marittimi - hanno sottolineato Dorsman e Spera - sono lavoratori di prima linea in un'industria marittima che trasporta il 90% del commercio mondiale. Sono quindi essenziali per assicurare che le nazioni siano rifornite di beni vitali. Sempre più, nel corso del 2021, ciò includerà dosi di vaccino, dispositivi di protezione individuale e siringhe per vaccinare le popolazioni e per sconfiggere il virus».

Ringraziando la Commissione Europea e gli Stati membri per gli sforzi sinora compiuti per agevolare il cambio degli equipaggi delle navi, i rappresentanti dell'ECSA e dell'ETF hanno chiesto che, «comunque, in questo momento importante nella lotta contro il virus, i marittimi vengano designati come lavoratori chiave in tutti gli Stati membri dell'UE e abbiano accesso prioritario ai vaccini per il Covid-19. Inoltre - hanno specificato Dorsman e Spera - chiediamo ai leader dell'UE di continuare a riconoscere le esigenze dei marittimi garantendo che qualsiasi rafforzamento di misure restrittive nazionali preveda esenzioni per i marittimi e per il personale marittimo».

Rilevando che «anche con l'accesso prioritario alle vaccinazioni ci vorrà del tempo prima che tutti i marittimi vengano vaccinati, Dorsman e Spera hanno sottolineato che «durante questo periodo i marittimi e il personale marittimo non dovrebbero essere soggetti all'obbligo di vaccinazione ai fini dell'ingresso e dei viaggi all'interno dell'UE».

Esortando infine gli Stati e le istituzioni dell'UE ad esercitare un'influenza diplomatica nei confronti dei Paesi terzi al fine di un riconoscimento internazionale dei marittimi come lavoratori chiave e perché tutti i marittimi abbiano accesso prioritario alla vaccinazione, i rappresentanti dell'ECSA e dell'ETF hanno invitato anche i ministri dei Trasporti dell'UE a chiedere ai loro colleghi responsabili della sanità e degli affari interni di garantire il diritto all'assistenza medica per i marittimi in quanto, nel corso della seconda ondata della pandemia, si è assistito al ripristino di alcune restrizioni e alla mancanza di cure mediche per i marittimi risultati positivi al Covid-19.


Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail