ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 giugno 2021 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 23:06 GMT+2



22 febbraio 2021

Royal Caribbean ha chiuso il 2020 con una perdita netta record di -5,78 miliardi di dollari

Atteso un risultato negativo anche nel 2021

L'annus horribilis dell'industria crocieristica, colpita dalle rovinose conseguenze degli effetti della pandemia di coronavirus, non ha certo risparmiato l'americana Royal Caribbean Cruises, numero due del mercato: «la pandemia di Covid-19 - ha ricordato il presidente e amministratore delegato della società, Richard Fain - sta avendo un impatto doloroso e profondo sul nostro mondo e sulla nostra attività. Senza dubbio - ha confermato - questa crisi è la più difficile nella storia della nostra azienda».

Certo Royal Caribbean, così come le altre società del settore, difficilmente dimenticherà un 2020 che il gruppo, che opera con i marchi Royal Caribbean International, Celebrity Cruises, Silversea Cruises e Azamara, ha archiviato con una perdita netta record di ben -5,78 miliardi di dollari rispetto ad un utile netto record di 1,91 miliardi ottenuto nell'esercizio annuale precedente. I ricavi hanno registrato un crollo del -79,8% essendo ammontati a 2,21 miliardi di dollari, di cui 2,03 miliardi accumulati nel solo primo trimestre meno colpito dalla crisi sanitaria, rispetto a 10,95 miliardi nel 2019. Più contenuta la flessione dei costi che si sono attestati a 2,76 miliardi di dollari (-54,4%). Il risultato operativo è stato di segno negativo e pari a -4,60 miliardi di dollari rispetto ad un utile netto di 2,08 miliardi nel 2019.

Lo scorso anno le navi della flotta del gruppo statunitense hanno ospitato 1,28 milioni di passeggeri (-80,5%), di cui la quasi totalità (1,24 milioni) nel solo primo trimestre quando ancora non si erano manifestati appieno gli effetti sull'attività del gruppo della limitazione alla mobilità decisa dalla gran parte dei governi mondiali per contenere la diffusione della pandemia.

Nel solo quarto trimestre del 2019, periodo nel quale i passeggeri imbarcati sono stati 34mila (-97,9%), i ricavi del gruppo Royal Caribbean Cruises sono stati pari a 34,1 milioni di dollari rispetto a 2,52 miliardi di dollari nel trimestre ottobre-dicembre dell'anno precedente. I costi operativi sono ammontati a 265,3 milioni di dollari (-82,1%). Risultato operativo e risultato economico netto sono stati entrambi di segno negativo e pari rispettivamente a -1,02 miliardi e -1,37 miliardi di dollari rispetto a risultati di segno negativo per 299,4 milioni e 280,5 milioni di dollari nell'ultimo trimestre del 2019.

Circa le previsioni per l'esercizio annuale 2021, Royal Caribbean, la cui attività subisce ancora l'impatto della pandemia, ritiene che il primo trimestre sarà chiuso in perdita così come l'intero anno, risultati negativi - ha precisato l'azienda - la cui entità dipenderà da molti fattori, tra cui la tempistica e la consistenza del riavvio delle attività crocieristiche.




PSA Genova Pra Salerno Container Terminal

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail