ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

31 octobre 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 02:21 GMT+1


CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERS

Via Garibaldi, 4 - 16124 Gênes (Italie) - Tél. +39.10.2704.263 - 2704.262
Fax: +39.10.2704.370 - 2704.300 (Att. C.I.S.Co.) - Telex: 286325 COMGEN I


 
ANNÉE XVII - Numéro 2/99 - FÉVRIER 1999
  
PORTS Un'indagine sui nodi portuali americani

Il divario tra i volumi di carico e la domanda di mercato nel Nordamerica e le infrastrutture portuali continua a crescere. Nel Canada, negli Stati Uniti e nei Caraibi, le autorità portuali e gli operatori terminalistici stanno attrezzandosi per rispondere a tali carenze. Ma si sta facendo abbastanza per far fronte alle esigenze della prossima generazione di portacontenitori super-post-panamax? La International Container Review ha indagato sulle attuali potenzialità dei porti di questa regione e ha tracciato un quadro degli sviluppi programmati.

TRANSPORT MARITIME L'espansione dei traffici nella regione del Baltico

Nel 1997, mediamente 73 navi al giorno operavano nel Mar Baltico (in traffici relativi a merci generali, rinfuse e contenitori), trasportando più di 80 tonnellate - circa il 7% dei traffici globali di origine marittima - di cui approssimativamente un quarto era costituito da carichi containerizzati. Il Mar Baltico ed i Paesi che lo circondano rappresentano un'area di imponente crescita per i traffici containerizzati nel prossimo millennio, consentendo l'apertura di nuovi traffici da e per il Nord Europa. La rivista International Container Review ha esplorato questo potenziale, soffermandosi anche sulla crisi economica russa e sul suo impatto sui traffici del Baltico.

TRANSPORT PAR CHEMIN DE FER Una ferrovia per il mercato nordamericano

Sempre di più, far fronte alle esigenze dei caricatori in Nordamerica significa movimentare le loro merci da nord a sud, ovvero da e per i porti, al fine di fargli raggiungere i mercati d'oltremare. Per la CN (Canadian National Railway Company), la maggiore ferrovia (ed unica transcontinentale) del Nordamerica, questi cambiamenti del mercato hanno significato doversi reinventare la ferrovia. Ciò vuol dire che i fornitori di servizio devono combinare gli assi est-ovest e nord-sud del continente. Ray Windsor della CN illustra i piani della società per migliorare i propri servizi nordamericani.

TRANSPORT INTERMODAL L'ICF in Europa

La ICF (Intercontainer-Interfrigo) è uno dei principali operatori di trasporto combinato multi-rete d'Europa. L'ampio coinvolgimento ed i continui investimenti della società nella rete di trasporto merci europeo la mette nella posizione migliore al fine di esaminare il trasporto terrestre continentale. Assisteremo ad un ulteriore consolidamento? Quali conseguenze ciò avrà sulle tariffe di trasporto merci e sulla concorrenza? La rivista International Container Review sul finire dello scorso anno ha rivolto tali domande a Soeren Rasmussen, presidente del Comitato Esecutivo della ICF (Intercontainer-Interfrigo), chiedendogli altresì di descrivere l'attuale situazione della rete ed i suoi futuri sviluppi.

TRANSPORT FLUVIAL Il crescente ruolo delle idrovie europee nell'ambito del trasporto intermodale

I principali centri economici europei sono situati sul corso di idrovie navigabili; peraltro, l'estesa rete europea di canali interni è relativamente sottoutilizzata per il trasporto di merci, in confronto al trasporto ferro-stradale. Ciononostante, le cose stanno cambiando in questo settore. Klaus Van Lith, vice presidente della Federazione dei Porti Interni, sottolinea la crescente importanza dei porti interni quali centri di trasbordo ben attrezzati: requisito fondamentale, quest'ultimo, nel contesto dei traffici intermodali europei.

INDUSTRIE La gestione dei contenitori

Per le grandi imprese globali quali la Evergreen, la Maersk e la Hanjin, la tendenza verso il consolidamento interno ha dettato legge in tutti gli anni novanta. Questo, peraltro, non vale per quanto riguarda le riparazioni e le revisioni del parco-contenitori. I suddetti importanti vettori fanno affidamento - in questo caso - per lo più su fornitori esterni. Pertanto, quali sono le sfide che i gestori di flotte containerizzate si trovano a dover affrontare? Come fanno le linee di navigazione a bilanciare le riparazioni con le sostituzioni? La rivista International Container Review ha posto queste ed altre domande a Thomas Lin, vice presidente della sezione servizi equipaggiamento della Evergreen Marine Corp. Ltd di Taiwan, a Christian Gyntelberg, dirigente marketing della A. P. Moeller (Maersk) ed a Anthony Kim, pubbliche relazioni della HJS (Hanjin Shipping Co Ltd).

PROGRÈS ET TECHNOLOGIE Tracing e tracking dei contenitori: un'evoluzione informatica

Il rapido consolidamento del settore marittimo-trasportistico e la pressione sempre crescente al fine di ridurre i costi sta costringendo i vettori e gli spedizionieri a ricercare le modalità atte a migliorare le efficienze operative. La tecnologia informatica (tra cui l'arrivo sulla ribalta dell'EDI e l'accesso globale ad Internet) ha procurato nuove opportunità per la comunità marittima-trasportistica in tutti i settori.

Calendrier
PSA Genova Pra'


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XVII

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail