ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

1 août 2014 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 15:55 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNÉE XXV - Numéro 10/2007 - OCTOBRE 2007

Trasporto marittimo

HS, HL e TOL si associano per allargare gli orizzonti Asia/Australia e Nuova Zelanda

La HS (Hamburg Sud), la HL (Hapag-Lloyd) e la TOL (Tasman Orient Line), compagnia di navigazione con sede ad Auckland, stanno per associarsi in un nuovo servizio che collegherà il Nord-Est asiatico con l'Australasia.

Sostanzialmente, il nuovo collegamento costituirà una rivisitazione dell'attuale servizio FANZL (Fesco Australia New Zealnd Line) della HS, le cui operazioni vengono effettuate unitamente alla sud-coreana HMM (Hyundai Merchant Marine).

In Asia, dove saranno sospesi gli scali a Manila, stanno per essere aggiunti all'itinerario i porti giapponesi di Yokohama e Kobe.

Nel contempo, in Nuova Zelanda sarà aggiunto New Plymouth quale nuovo porto di scalo diretto.

L'orario settimanale così rivisto sarà caratterizzato da scali a Yokohama, Kobe, Shanghai, Hong Kong, Brisbane, Tauranga, Lyttelton, New Plymouth e ritorno a Yokohama.

Nel collegamento verranno impiegate cinque navi da 1.800 TEU noleggiate per la prima volta, dotate di una migliorata capacità di spazi reefer equivalenti a 400 TEU.

Esse andranno a sostituire un numero simile di navi più piccole le cui dimensioni spaziavano da 1.100 a 1.800 TEU.

La capacità complessiva impiegata aumenterà dell'8% circa.

La HS contribuirà al servizio con quattro navi, mentre la TOL ne impiegherà una e la HL acquisirà un numero non specificato di spazi-containers.

“Ci siamo assicurati i diritti di denominazione della Tasman Crusader e disporremo del 20% degli slot in direzione sud e del 25% in direzione nord” afferma Elizabeth Bentley, c.e.o. della TOL.

La HMM non sarà coinvolta nel nuovo accordo.

Tuttavia, la HS continuerà a collaborare con la HMM nel servizio AAUS, che offre scalo diretti a Manila, Hong Kong, Yantian, Busan, Shanghai, Ningbo, Melbourne, Sydney, Brisbane e ritorno a Manila.

Su questo collegamento vengono impiegate cinque navi con una capacità di carico approssimativa di 2.600 TEU; due di loro vengono procurate dalla HS.

Nel contempo, la TOL continuerà ad effettuare operazioni in tre distinti servizi: Nord-Est, Est e Sud-Est Asia/Australasia.

Anche il servizio congiunto della HL con la Evergreen e la Hanjin Shipping Company non subirà ripercussioni dal nuovo accordo con la HS.

Quest'ultimo collegamento, che è settimanale, scala direttamente Busan, Shanghai, Hong Kong, Kaohsiung, Sydney, Melbourne, Brisbane e Busan.

Esso impiega cinque navi da 1.600 TEU circa; l'apporto della HL è limitato ad una unità.

Secondo la Bentley della TOL, del nuovo servizio si sentiva unaurgente necessità, dal momento che negli ultimi anni i volumi dei carichi in direzione sud hanno oltrepassato la capacità di trasporto marittimo diretto.

“Esso aggiunge una nuova dimensione alla nostra già estesa rete ed ora i nostri clienti dell'Asia nord-orientale ed orientale saranno in grado di trarre vantaggio dalle nostre sei partenze dirette al mese”.
(da: Containerisation International, settembre 2007, pag. 13)


ABB Marine Solutions


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XXV
Numéro 10/2007

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail