ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 juillet 2014 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 12:42 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNÉE XXV - Numéro 10/2007 - OCTOBRE 2007

Trasporto marittimo

HS, HL e TOL si associano per allargare gli orizzonti Asia/Australia e Nuova Zelanda

La HS (Hamburg Sud), la HL (Hapag-Lloyd) e la TOL (Tasman Orient Line), compagnia di navigazione con sede ad Auckland, stanno per associarsi in un nuovo servizio che collegherà il Nord-Est asiatico con l'Australasia.

Sostanzialmente, il nuovo collegamento costituirà una rivisitazione dell'attuale servizio FANZL (Fesco Australia New Zealnd Line) della HS, le cui operazioni vengono effettuate unitamente alla sud-coreana HMM (Hyundai Merchant Marine).

In Asia, dove saranno sospesi gli scali a Manila, stanno per essere aggiunti all'itinerario i porti giapponesi di Yokohama e Kobe.

Nel contempo, in Nuova Zelanda sarà aggiunto New Plymouth quale nuovo porto di scalo diretto.

L'orario settimanale così rivisto sarà caratterizzato da scali a Yokohama, Kobe, Shanghai, Hong Kong, Brisbane, Tauranga, Lyttelton, New Plymouth e ritorno a Yokohama.

Nel collegamento verranno impiegate cinque navi da 1.800 TEU noleggiate per la prima volta, dotate di una migliorata capacità di spazi reefer equivalenti a 400 TEU.

Esse andranno a sostituire un numero simile di navi più piccole le cui dimensioni spaziavano da 1.100 a 1.800 TEU.

La capacità complessiva impiegata aumenterà dell'8% circa.

La HS contribuirà al servizio con quattro navi, mentre la TOL ne impiegherà una e la HL acquisirà un numero non specificato di spazi-containers.

“Ci siamo assicurati i diritti di denominazione della Tasman Crusader e disporremo del 20% degli slot in direzione sud e del 25% in direzione nord” afferma Elizabeth Bentley, c.e.o. della TOL.

La HMM non sarà coinvolta nel nuovo accordo.

Tuttavia, la HS continuerà a collaborare con la HMM nel servizio AAUS, che offre scalo diretti a Manila, Hong Kong, Yantian, Busan, Shanghai, Ningbo, Melbourne, Sydney, Brisbane e ritorno a Manila.

Su questo collegamento vengono impiegate cinque navi con una capacità di carico approssimativa di 2.600 TEU; due di loro vengono procurate dalla HS.

Nel contempo, la TOL continuerà ad effettuare operazioni in tre distinti servizi: Nord-Est, Est e Sud-Est Asia/Australasia.

Anche il servizio congiunto della HL con la Evergreen e la Hanjin Shipping Company non subirà ripercussioni dal nuovo accordo con la HS.

Quest'ultimo collegamento, che è settimanale, scala direttamente Busan, Shanghai, Hong Kong, Kaohsiung, Sydney, Melbourne, Brisbane e Busan.

Esso impiega cinque navi da 1.600 TEU circa; l'apporto della HL è limitato ad una unità.

Secondo la Bentley della TOL, del nuovo servizio si sentiva unaurgente necessità, dal momento che negli ultimi anni i volumi dei carichi in direzione sud hanno oltrepassato la capacità di trasporto marittimo diretto.

“Esso aggiunge una nuova dimensione alla nostra già estesa rete ed ora i nostri clienti dell'Asia nord-orientale ed orientale saranno in grado di trarre vantaggio dalle nostre sei partenze dirette al mese”.
(da: Containerisation International, settembre 2007, pag. 13)


FIORE ABB Marine Solutions Salerno Container Terminal


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Année XXV
Numéro 10/2007

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail