ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 décembre 2014 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 13:04 GMT+1



Comitato delle Compagnie di Assicurazioni Marittime
di Genova

Relazione del presidente Bartolomeo Barberis
alla 152ma assemblea generale ordinaria

Giugno 2012


Signori,

anche quest'anno sono lieto di porgere a tutti i presenti il mio caloroso benvenuto all'Assemblea Annuale del nostro Comitato che vi ricordo è la 152a.

Prima di passare in modo specifico ai fatti che hanno caratterizzato la vita del nostro Comitato nell'ultimo anno, vorrei rapidamente richiamare i temi principali che hanno caratterizzato l'economia mondiale, quelli del settore marittimo e, infine, il settore assicurativo trasporti, in particolare Corpi.

Il 2011 è stato per l'economia mondiale un anno veramente difficile.

Alla recessione globale, alle sensibili perdite dei mercati finanziari, al rallentamento dello sviluppo dei Paesi BRIC, si è aggiunto un indebolimento ulteriore delle economie reali di alcuni Stati della zona Euro, in buona parte determinato dal grave e preoccupante deficit pubblico (ivi compreso il debito pubblico).

La crisi generalizzata ha provocato una generale maggior attenzione alla spesa con conseguente riduzione dei consumi e per molti settori un eccesso di capacità produttiva e conseguente disoccupazione. Gli effetti di tutto ciò si sono particolarmente messi in evidenza, nella crisi che stiamo attualmente attraversando.

Passando all'attività marittima mondiale, i noli hanno continuato ad essere influenzati negativamente dall'eccesso di offerta di stiva; ciò è in relazione ai massicci ordini di nuove costruzioni che, durante gli anni di boom precedenti la crisi mondiale, gli armatori avevano commissionato. In aggiunta, la crescita del commercio mondiale risulta ancora inferiore all'incremento di ordini per navi ad es. porta containers nonostante che siano state fatte slittare molte consegne. Quasi ininfluente il numero delle navi demolite.

Quanto precede ha inevitabilmente trovato riscontro nei vari indici e in particolare il Baltic Dry Index, è stato particolarmente depresso.

Il fattore rilevante per quanto riguarda l'impatto sul commercio mondiale deriva dalla minor produzione di acciaio in Cina e dalla riduzione delle importazioni dell'area Euro.

Per quanto concerne il mercato assicurativo italiano, il settore Corpi non ha evidenziato cambiamenti importanti rispetto al più recente passato.

Anche i miglioramenti richiesti in fase di rinnovo sono stati abbastanza ridotti ed hanno riguardato principalmente le flotte con buon andamento statistico. E' proseguita l'applicazione di penalizzazioni per i rischi con andamento negativo.

Un sensibile incremento dei premi rischi guerra si è verificato in connessione al transito delle merci nelle zone particolarmente a rischio quale ad es. quella del Golfo di Aden.

Il problema della pirateria sembra ancora lontano dall'essere risolto nonostante i notevoli progressi effettuati per quanto riguarda le scorte armate sulle navi per evitare i sequestri delle navi da parte dei pirati.

Tornando più in generale al settore Corpi, come inevitabilmente viene rilevato ogni anno allo IUMI, presenta nel suo complesso margini abbastanza modesti, costantemente a rischio peggioramento a causa della competitività legata alla sovra capacità sottoscrittiva del mercato.

Il recente avvenimento Costa Concordia, che ha prodotto un sinistro corpi dell'ordine di 500 milioni di dollari, ha generato l'aspettativa di un severo irrigidimento del mercato, in effetti una certa maggior rigidità si è manifestata da parte di diversi assicuratori, tuttavia si ha la netta impressione che possa trattarsi di un fuoco di paglia perché non risulta che la capacità sottoscrittiva del mercato mondiale sia cambiata e poiché, come è naturale, anche il prezzo dell'assicurazione si determina alla lunga sulla base della legge della domanda e dell'offerta, non credo si possa essere molto ottimisti sulla durata di questa situazione.

Venendo ora ai dati ufficiali pubblicati dall'ANIA relativi al 2011, rileviamo che per quanto concerne i corpi di veicoli marittimi, i premi del lavoro diretto italiano hanno subito un calo dell'1,1% passando a € 347.116.

Per quanto riguarda le merci trasportate vi è stato però un aumento del 4% per un totale di € 348.628. Globalmente la somma tra corpi e merci ha portato un aumento del 2,5%.

Relativamente al mercato internazionale, gli ultimi dati disponibili (IUMI) per l'anno 2010, settore corpi, dove l'Italia risulta 6a, con $ 372.740, subito dopo la Francia con $ 458.717 e prima degli USA con $ 360.997. Nella classifica si è inserita la Cina al 4° posto con $ 767.382.

Un cenno, in chiusura della parte generale, lo vorrei fare a Solvency II, dove i continui rinvii per l'approvazione di un testo definitivo potrebbero metterne a rischio l'avvio nei tempi previsti (gennaio 2014); infatti la complessità del progetto è aumentata in modo sensibile nel corso del suo iter soprattutto quando le nuove proposte di vigilanza si sono dovute scontrare con i pesanti problemi connessi alla crisi dei mercati finanziari.


*****

In merito alle cariche sociali per il 2012, il Comitato risulta così composto:

Presidente

dr Bartolomeo Barberis

SIAT

Vice Presidenti

dr Andrea Dalle Vedove

Assicurazioni Generali


dr Alessandro Morelli

Axa

Consiglieri

dr Angelo Ansaldo

SIAT


dr Angelo Golzi

Faro


cap Ermanno Capparelli

Alleanza Toro Marchio Lloyd Italico


dr.ssa Michela Celli

Royal Sun A.


dr Nazareno Cerni

Assicurazioni Generali


dr Fabrizio Cerruti

Fondiaria Sai


dr Carlo Coletta

Swiss Re


sig Omero Lagostena

Axa


dr Andrea Bertalot

Società Reale Mutua


dr Fabio Marchionni

Fondiaria Sai

Revisore dei Conti

dr Giulio Piaggio


Segr. Generale

dr Stefano Cavallo


Segr. Onorario

dr Giorgio Cavallo


Segr. Vicario

avv. Emilio Piombino


E' stato inoltre riconfermato l'ing. Paolo Olivari (Assicurazioni Generali) alla Presidenza del Collegio di controllo e liquidazione danni di Genova.


ABB Marine Solutions


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ



Index Première Page Forum

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail