ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

10 dicembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 12:31 GMT+1



10 ottobre 2001

La IATA chiede l'introduzione della biometria nei controlli di sicurezza del trasporto aereo

I dipendenti delle compagnie aeree e degli aeroporti dovrebbero essere sottoposti alla scansione dell'iride

I vettori aerei impegnati sulle rotte internazionali accumuleranno quest'anno perdite per sette miliardi di dollari, contro i 2,5 miliardi di dollari previsti prima degli attacchi terroristici a New York e Washington. Lo ha detto il direttore generale e CEO della International Air Transport Association (IATA), Pierre J. Jeanniot, intervenendo ieri all'Hong Kong International Aerospace Forum.
L'impatto degli attacchi ha inoltre comportato il taglio di 120.000 posti di lavoro nelle tre settimane successive ai tragici eventi dello scorso 11 settembre.

Jeanniot si è dichiarato comunque certo che l'industria aerea riuscirà a superare questa crisi, uscendone riorganizzata e rafforzata. «Ma tutti gli attori, governi, gestori di infrastrutture e linee aeree - ha ammonito - devono condividere la stessa strategia». Jeanniot ha previsto una ripresa del mercato nel 2002 ed ha sottolineato che quella aerea è la modalità di trasporto di massa più sicura.

In merito alle misure di sicurezza contro gli atti terroristici, il direttore generale della IATA ha detto che dovrebbe essere potenziata l'intelligence dei governi e che dovrebbe essere applicata la biometria su scala mondiale. «Negli ultimi due anni la IATA - ha spiegato - sta sostenendo l'uso della biometria. Le persone che utilizzato il trasporto aereo, in particolare i frequent flyers, o che erogano un servizio di trasporto aereo (dipendenti delle compagnie aeree e degli aeroporti, ecc.) dovrebbero essere sottoposti ad una scansione dell'iride e i loro dati dovrebbero essere archiviati in un data-base. Una volta passato positivamente il controllo come soggetti non pericolosi per la sicurezza, a costoro dovrebbe essere permesso di svolgere la loro legittima attività, senza ulteriori controlli. Le risorse potrebbero così essere utilizzate per controllare attentamente coloro che non hanno superato l'esame positivamente e che potrebbero rappresentare un potenziale rischio».


PSA Genova Pra'
Salerno Container Terminal
Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza





Le pagine saranno aperte in una nuova finestra del browser






Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail