ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 aprile 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 01.54 GMT+2



19 gennaio 2012

Assologistica lancia un allarme sullo stato di abbandono dell'aeroporto di Fiumicino

L'associazione chiede agli organi di controllo competenti, alla Regione Lazio e al governo di ristabilire rapidamente le normali condizioni di mercato della libera concorrenza

Il neo presidente di Assologistica, Carlo Mearelli, ha lanciato un allarme sul grave stato di abbandono di uno dei principali aeroporti italiani, quello di Fiumicino, che - ha spiegato - va aggravandosi di giorno in giorno.

«Fiumicino - ha affermato Mearelli - sta rischiando grosso». «In una situazione già difficile determinatasi con il default della vecchia Alitalia - ha rilevato - in molti fingono di non vedere che le modalità di supporto e le facilitazioni concessorie alla CAI (Compagnia Aerea Italiana, la cordata che ha acquisito parte degli assets e delle attività della vecchia Alitalia, ndr) di fatto le hanno dato un vantaggio competitivo nel settore dell'handling ed una sovranità assoluta sullo scalo romano. Questo sta generando un caos che si riverserà duramente sulle aziende presenti in aeroporto con ripercussioni su tutta la filiera nazionale; l'abbandono poi del settore cargo verso Air France KLM - ha evidenziato - è un vero e proprio attacco al sistema logistico nazionale».

«Si aggiungano poi - ha proseguito il presidente di Assologistica - le modalità irrituali e penalizzanti di Alitalia CAI per i rinnovi contrattuali dei servizi alle imprese, con ricadute pericolose sui costi minimi del lavoro; mentre sul fronte della società di gestione ADR pesa come un macigno la mancanza di investimenti, nonostante risultati di esercizio con EBIT a doppia cifra». «Il silenzio di ENAC in questa situazione - ha sottolineato Mearelli - è assordante».

Assologistica chiede pertanto agli organi di controllo competenti, alla Regione Lazio ed al governo «di intervenire tempestivamente per ristabilire rapidamente le normali condizioni di mercato della libera concorrenza, evitando l'ulteriore emigrazione dal nostro territorio nazionale verso altri hub europei del settore cargo, che muove merci ad alto ed altissimo valore aggiunto».

Bari Port Authority

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail