ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28. November 2020 Der tägliche On-Line-Service für Unternehmer des Transportwesens 13:56 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS JAHR XXVII - Anzahl 10/2009 - OKTOBER 2009

Trasporto marittimo

La situazione nelle direttrici di traffico containerizzate

La reazione iniziale del settore containerizzato alla recessione cominciata 12 mesi fa è stata nel senso che esso potrebbe essersela cavata con un breve ma acuto shock.

Tuttavia, le recenti pubblicazioni di dati sui traffici di tutto il mondo per la prima metà del 2009 hanno rivelato che i traffici non si sono ancora ripresi; ciò che nella migliore delle ipotesi si può dire ora è che i livelli di traffico si sono attestati verso il basso.

L'analisi qui riportata riguarda i traffici dall'Estremo Oriente all'Europa ed al Mediterraneo, i traffici del Nord Atlantico ed i traffici fra il Nord Europa e l'Africa Occidentale.

I traffici containerizzabili che ne sono alla base (calcolati su un paniere di merci coerente) dall'Estremo Oriente al Nord Europa sono cresciuti del 2% nel 2008.

Tuttavia, nella prima metà del 2009 essi sono calati del 19% rispetto allo stesso periodo del 2008.


ESPORTAZIONI DELL'ESTREMO ORIENTE
ALLA VOLTA DEL NORD EUROPA
NEL SECONDO TRIMESTRE 2009
RISPETTO AL SECONDO TRIMESTRE 2008

Derrate oltre 300.000 TEU nel 2008

2° trim. 08

2° trim. 09

Camb. %

Prodotti metallici - Altro

201.931

133.557

-33,9

Macchine ed attrezzature per ufficio

73.295

50.601

-31,0

Prodotti di gomma

102..459

71.239

-30,5

Attrezzature per misurazioni e registrazioni

90.508

63.598

-29,7

Sanitari/idraulici/riscaldamento/illuminazione

72.607

55.885

-23,0

Articoli tessili e confezionati

93.655

72.231

-22,9

Prodotti vari

370.750

302.107

-18,5

Arredamento

77.966

65.574

-15,9

Vestiario ed accessori

83.888

72.074

-14,1

Macchinari elettrici

209.365

186.136

-11,1

Calzature

69.609

63.153

-9,3

Totale

1.446.032

1.136.157

-21,4

Fonte: Containerisation International


Al fine di far fronte a ciò, i vettori marittimi hanno ridotto la capacità del 17% circa (con una diminuzione da 243.000 a 210.000 TEU alla settimana in ciascuna direzione).

Rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente (da un anno all'altro), si è verificato un deterioramento marginale nel secondo trimestre del 2009 rispetto al primo trimestre.

Sulla base dell'analisi delle linee di tendenza, gli algoritmi previsti, pertanto, suggeriscono adesso come sia probabile che la ripresa venga rinviata fino al 2011.

Quanto al maggiore dei singoli flussi di carico presi in esame qui, la tabella sopra riportata riguarda le esportazioni delle derrate nel secondo trimestre 2009 dall'Estremo Oriente al Nord Europa, rispetto allo stesso periodo nel 2008.

Tutti quanti gli 11 flussi di derrate che avevano apportato ai traffici più di 300.000 TEU ciascuno nel 2008 hanno subito diminuzioni.

Tuttavia, quel calo è stato meno drastico per il consumatore che sta al termine della filiera (calzature, abbigliamento, persino l'arredamento) che per gli investimenti industriali e per le automobili; mentre le calzature sono diminuite solo del 9%, i prodotti metallici, ad esempio, sono crollati del 34%.

In direzione est (dal Nord Europa all'Estremo Oriente) i traffici nel secondo trimestre del 2009 si sono leggermente ripresi ed è prevista una crescita marginale sino al 2012.

I traffici containerizzabili dall'Estremo Oriente al Mediterraneo sono cresciuti del 3% nel 2008 ma sono calati del 17% nella prima metà del 2009.

I vettori marittimi hanno ridotto la capacità del 25%, da 144.000 TEU alla settimana per direzione a 108.000 TEU.

I volumi nel secondo trimestre 2009 sono stati marginalmente più alti rispetto a quelli del primo trimestre (da un anno all'altro).

Ciò suggerisce che i volumi dovrebbero iniziare a riprendersi nel 2010.

In direzione est, i volumi hanno continuato a crescere marginalmente e ci si può aspettare che continuino ad incrementarsi in questo modo.

Considerati insieme, i traffici dall'Estremo Oriente alla volta dell'Europa e del Mediterraneo sono diminuiti di circa il 19% nel secondo trimestre 2009 (da un anno all'altro).

Al contrario, i traffici che ne stanno alla base in direzione est sono diminuiti del solo 8%.

I traffici dal Nord Europa al Nord America sono diminuiti marginalmente nel 2008 e del 17% nella prima metà del 2009.

Per il 2009 nel suo complesso è previsto un calo del 18%.

Le linee di navigazione hanno ridotto la capacità del 12% circa, da 66.000 TEU alla settimana a 58.500 TEU.

Ci si aspetta che i traffici calino ulteriormente in modo marginale nel 2010, prima di riprendersi dell'8-9% circa nei tre anni successivi.

In direzione est, si prevede che i carichi che ne stanno alla base diminuiscano del 29% nel 2009 e che subiscano un ulteriore declino nel 2010, prima di riprendersi nell'ordine del 10% all'anno sino al 2012.

I traffici dal Mediterraneo al Nord America sono diminuiti del 22% nella prima metà del 2009.

Le linee di navigazione hanno tagliato la capacità dell'8% da 37.000 a 34.250 TEU alla settimana per far fronte a tale situazione.

Si prevede che i traffici calino di un ulteriore 7% nel 2010 prima di riprendersi con un aumento del 6% annuo sino al 2012.

In direzione est, i traffici si sono assottigliati ad un ritmo simile e si prevede che diminuiranno del 25% nel 2009, per stabilizzarsi nel 2010 e crescere del 10% nel 2011 e 2012.

Al contrario, si prevede che i traffici dal Nord Europa all'Africa centro-occidentale, che erano cresciuti dell'8% nel 2008, aumentino ancora del 2% nel 2009.

Di conseguenza, i vettori hanno esteso la capacità del 13% da 26.600 a 30.000 TEU alla settimana.

Si prevede che i traffici in direzione nord calino del 6% nel 2009 prima di riprendersi sino al 2012 ad un tasso di crescita medio del 2% annuo.

Riassumendo, l'unico incoraggiamento di segno positivo per il settore containerizzato proviene da alcuni traffici nei paesi in via di sviluppo.

I volumi diretti alla volta dell'Estremo Oriente continuano ad essere stabili ma restano notevolmente più bassi di quello provenienti dall'Estremo Oriente.

I dati di traffico al momento attuale offrono scarsi motivi di incoraggiamento al settore, dal momento che la maggior parte dei traffici non hanno fatto altro che stabilizzarsi nuovamente ma ad un livello più basso di quello relativo ai 12 mesi precedenti.
(da: Containerisation International, 01.10.2009)



PSA Genova Pra'


Hotels suchen
Zielort
Ankunftsdatum
Abreisedatum


Inhaltsverzeichnis Erste Seite C.I.S.Co. - Mitteilungen
Jahr XXVII
Anzahl 10/2009

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genua - ITALIEN
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it