testata inforMARE
28 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
22:47 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 SETTEMBRE 2019

TRASPORTO STRADALE

L'IRU IMPOSTA LA DIREZIONE FUTURA PER IL TRASPORTO STRADALE IN TEMPI DI INCERTEZZA ECONOMICA E PERTURBAZIONE NEL SETTORE

L'IRU (International Road Transport Union) il 17 settembre ha assunto l'iniziativa di impostare l'agenda del trasporto stradale a livello globale, mediante la pubblicazione di un manifesto che chiede alle organizzazioni internazionali, ai governi ed ai portatori di interessi del settore di salvaguardare il ruolo del trasporto stradale nel perseguimento della prosperità economica.

Il trasporto stradale è la linfa vitale dei traffici globali nonché un collegamento decisivo al fine di sbloccare le opportunità e la prosperità internazionali.

Il settore rappresenta il 5,7% dell'occupazione in tutto il mondo; nella sola Europa, assicura cinque milioni di posti di lavoro e comporta ricavi complessivi per 500 miliardi di euro.

Malgrado ciò, il settore deve affrontare una miriade di problematiche: tensioni geopolitiche, preoccupazioni inerenti al cambiamento climatico, la cronica carenza di autisti professionali, le questioni relative alla digitalizzazione e un ambiente lavorativo percepito come inadeguato.

Secondo un rapporto pubblicato dall'IRU l'anno scorso, l'incertezza geopolitica è la maggiore minaccia che il settore deve affrontare per il 57% degli operatori di trasporto.

È alla luce di questo scenario che l'IRU il 17 settembre ha varato il proprio manifesto, per un mondo in movimento.

Esso richiede alle economie mondiali di cogliere le opportunità nell'ambito del settore sottolineando le aree in cui è richiesto un intervento attraverso i suoi tre pilastri fondamentali: la prosperità, la gente e l'ambiente.

Il segretario generale dell'IRU, Umberto de Pretto, commenta: "L'IRU è stato costituito al fine di promuovere i traffici internazionali ed i collegamenti trasportistici all'indomani della Seconda Guerra Mondiale.

Oggi i traffici restano la forza trainante che sta dietro alla prosperità internazionale e la domanda di trasporto stradale è in costante aumento.

Il lavoro dell'IRU - e lo scopo del suo nuovo manifesto - è quello di mettere assieme i governi, le autorità pubbliche e le aziende a livello mondiale, nazionale e locale al fine di far sì che tutti quanti nel settore abbiano voce in capitolo e lavorino assieme nell'ottica di trarne un vantaggio reciproco ed un progresso".

La prosperità: promuovere una migliore mobilità e logistica

La digitalizzazione ha il potenziale per trasformare il trasporto stradale, dato che le nuove realtà come i dati aperti e la mobilità come servizio riducono notevolmente i costi e inducono efficienze.

Tuttavia, molte parti del settore devono ancora adattarvisi.

L'IRU richiede al settore di accelerare la digitalizzazione ed incoraggiare le imprese di trasporto ad eliminare la documentazione cartacea, mentre sollecita i governi a livello internazionale ad incrementare l'uso della tecnologia che consente gli scambi delle merci e dei sistemi come quello dei TIR completamente digitali alle frontiere.

Nel contempo, l'incertezza geopolitica e la difficoltà a fare ingresso nel settore da parte dei nuovi fornitori e lavoratori presenta rischi per la crescita del settore.

Così l'IRU incoraggia i governi a rivedere le politiche di trasporto con la cooperazione modale, ad approntare regole appropriate in ordine ai requisiti degli autisti professionali ed a definire un quadro armonizzato per un migliore accesso ai dati e ad un migliore trattamento degli stessi.

La gente: sostenere le nostre comunità

In Europa, grosso modo una posizione di autista su cinque è attualmente scoperta ed il livello degli assunti, sia per le donne che per i giovani, resta estremamente basso.

Il settore è ancora carente di infrastrutture di base per gli autisti, come le aree di parcheggio per i camion che siano sicure sia per le persone che per i mezzi.

L'IRU chiede ai governi internazionali di migliorare la sicurezza (personale e materiale) degli autisti e di realizzare un'immagine più positiva ed un migliore ambiente di lavoro.

Assieme ai suoi associati, l'IRU ha sviluppato un percorso in relazione alla carenza di autisti, richiedendo il potenziamento dei finanziamenti dedicati alle aree di parcheggio sicure ed alla formazione degli autisti unitamente ad una transizione controllata ai veicoli autonomi.

L'ambiente: realizzare un mondo più sostenibile

Gli operatori di trasporto stanno già compiendo un notevole balzo nell'uso di alternative di trasporto più sostenibili, spingendo per una mobilità ed una logistica più verdi.

Peraltro c'è ancora un po' di strada da fare prima che il settore dell'autotrasporto pesante commerciale a lungo raggio adotti completamente i carburanti alternativi, compresi i gas naturali o i carburanti sintetici e le soluzioni di propulsione alternative, come la tecnologia delle pile combustibili elettriche o ad idrogeno.

L'IRU promuove l'impegno ad accelerare l'adozione nel mercato di veicoli ad alta capacità e promuove la ricerca relativa ai nuovi approcci per l'accesso dei veicoli commerciali alle aree urbane.

Continua Umberto de Pretto: "Le richieste di iniziativa delineate nel nostro manifesto sono un chiaro segnale ai responsabili politici ed al settore del trasporto stradale che c'è del lavoro da fare.

Quale voce globale del trasporto stradale, l'IRU guida la carica e forgia una maggiore collaborazione fra i portatori d'interessi del settore allo scopo di attuare la legislazione e le infrastrutture necessarie, nonché di assicurare il futuro successo del settore".

Il Manifesto dell'IRU unitamente alla richiesta di azione dell'Unione Europea ai responsabili delle decisioni si può leggere e scaricare consultando il sito web dell'IRU:

https://www.iru.org/who-we-are/about-iru/vision-mission/iru-manifesto

Riguardo all'IRU

L'IRU è l'organizzazione del trasporto stradale mondiale che promuove la crescita economica, la prosperità e la sicurezza attraverso la mobilità sostenibile delle persone e delle merci.

Fondata nel 1948, l'IRU ha associati ed attività in più di 100 paesi.

L'IRU dal 1949 gestisce l'unico sistema globale dei i transiti doganali per la movimentazione delle merci attraverso le frontiere internazionali (TIR).
(da: transportjournal.com/iru.org, 18 settembre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile