testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
07:57 GMT+2


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXII - Numero 7 GENNAIO 2014

CONFERENZE E CONVEGNI

SENTIMENTI CONTRASTANTI SULLA CAPACITÀ PORTUALE IN MEDIO ORIENTE

Anche se l'umore in occasione dell'evento TOC Container Supply Chain Middle East svoltosi a Dubai è stato generalmente buono, alcuni relatori hanno espresso preoccupazioni in ordine agli imponenti progetti di sviluppo terminalistico programmati per la regione mediorientale.

Questi ultimi potrebbero comportare l'aggiunta di quasi 12 milioni di TEU di nuova capacità entro la fine del 2015 e la principale espansione avverrà a Jebel Ali, Khalifa e Doha.

Ciò potrebbe essere un fattore contributivo per le più strette relazioni che sembra stiano evolvendo fra operatori terminalistici, quali la DP World e la ADT (Abu Dhabi Terminals), e le società di logistica ed i beneficiari effettivi della merce.

“In futuro il nostro margine competitivo sarà la filiera della distribuzione” ha spiegato Abdulla Bin Damithan, direttore della gestione contabilità dei terminal container alla DP World.

Rivolgendosi alla sessione sulla filiera della distribuzione petrolchimica, ha sostenuto che la DP World “sta sviluppando soluzioni logistiche sostenibili per questo settore di attività allo scopo di far fronte efficacemente al suo potenziale di crescita”.

“Ci saranno almeno 24 milioni di TEU di esportazioni petrolchimiche in uscita da questa regione” ha detto Damithan.

Martijn Van de Linde, responsabile della ADT, che sta aggiungendo almeno 1 milione di TEU di questa nuova capacità, non è preoccupato a torto.

Ha infatti dichiarato ai partecipanti alla conferenza: “Il livello di utilizzazione dei terminal resta elevato in questa regione e questo ha comportato qualche problema di intasamento.

Sono convinto che, anche aggiungendo tutti gli attuali sviluppi in programma affinché siano in servizio entro il 2020, l'utilizzazione sarà all'80%”.

Aggiunge Van de Linde: “I porti regionali saranno molto utilizzati e se esiste una domanda al riguardo, la risposta è che noi pensiamo che sia necessaria altra capacità.

Abbiamo inoltre bisogno di fare un maggiore uso dell'automazione quale mezzo per innalzare il livello della nostra produttività.

Quest'anno abbiamo visto le nostre GMPH (movimentazioni complessive per gru/ora) aumentare del 44% sino a 33 GMPH e si avviano a diventare 44”.

Al contrario, Michel Deleuran, vice presidente esecutivo della divisione marittima presso la Mihala con sede nel Qatar, è stato più riservato.

Nell'ambito di un pannello di discussione, ha dichiarato che “esiste il pericolo che i carichi possano essere cannibalizzati ed i prezzi ridotti.

È importante che i porti e gli investitori nei terminal puntino a sviluppare ruoli specifici ed a proteggere la loro base di carico”.

Sostiene Deleuran: “Se alla nuova concorrenza che sta avendo luogo non si guardasse in modo costruttivo, allora l'unico maniera in cui un porto potrebbe attualmente rispondere sarebbe quella di abbassare le tariffe”.

Dato il numero sempre maggiore di porti che in Medio Oriente fanno affidamento in modo rilevante sui carichi di trasbordo e poiché i porti - specialmente nella regione dell'alto Golfo Persico - ambiscono ad attirare servizi di scalo diretto, la concorrenza si avvia ad essere accesa.

L'opinione dominante è che mentre i traffici nella regione del Medio Oriente lasceranno indietro quelli di Europa, Nord America ed Asia meridionale, i tassi di crescita annualizzati previsti sino al 2020 resteranno ancora indietro rispetto a quelli dell'offerta, che generalmente si prevede debba espandersi del 7% all'anno; nondimeno, non ci si aspetta che l'utilizzazione della capacità in tutto il periodo cali al di sotto del 70%.

Per le società di gestione di porti e terminal nella regione si prospettano tempi interessanti.
(da: worldcargonews.com, 10 Dicembre 2013)



DALLA PRIMA PAGINA
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
A Napoli il Forum delle Funzioni di Guardia Costiera del Mediterraneo
Grimaldi: negli ultimi 12 mesi abbiamo registrato le migliori performance di sempre
Napoli
Il gruppo armatoriale e logistico partenopeo ha acquisito il 90% della siciliana Brucato De.T.A.
Nuova gru portuale mobile per il Terminal del Golfo della Spezia
La Spezia
Verrà consegnata nel primo trimestre del 2023
Il gruppo italiano Tarros ha ordinato alla finlandese Konecranes la fornitura di una
Il forte aumento dei costi ha determinato un netto peggioramento dei risultati finanziari semestrali della Anek
Chania
La compagnia greca ha reso noto che le spese sono cresciute a causa del rincaro del fuel
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
Assarmatori chiede al prossimo governo di tutelare i collegamenti insulari e le Autostrade del Mare in sede UE e IMO
Roma
Estendere a questi servizi l'esenzione dall'ETS e cambiare la metrica di definizione del Carbon Intensity Indicator
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
MTCIT invites bids to develop Dhalkut Port in Dhofar
(Muscat Daily)
Muscat - The Ministry of Transport, Communications ...
Adani, Vedanta co send in bids for Karaikal port
(The Economic Times)
By Mohit Bhalla, ET Bureau - Adani Ports and Special Economic Zone and ...
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile