ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

05 de diciembre de 2021 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 13:23 GMT+1



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 15 GIUGNO 2019

NOTIZIE C.I.S.CO.

OTTIMISMO ALLO STAND C.I.S.CO.-PORTS OF GENOA DELLA FIERA BREAKBULK DI BREMA

"Con 11 mila visitatori e 500 espositori, equamente distribuiti fra spedizionieri di merci, società di trasporto non containerizzato e operatori di servizi al trasporto, l'appuntamento Breakbulk alla fiera di Brema (svoltasi dal 21 al 23 maggio scorso) è stato un successo oltre che per gli organizzatori anche per chi ha scelto di partecipare", osserva Silvio Ferrando, dirigente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale e vice presidente di C.I.S.Co..

C.I.S.Co. e i Ports of Genoa sono stati a Brema con un loro stand, che ha ospitato anche Europea servizi terminalistici (Est) e Zenatek, oltre a accogliere altri operatori dello shipping genovese.

"Abbiamo registrato - prosegue Ferrando - molto interesse, ho esaurito i biglietti da visita che avevo portato.

Soprattutto ho notato tanto interesse per il settore ro-ro, per quanto riguarda i servizi offerti dal porto di Genova.

Vanno bene i collegamenti con Canada e America meridionale, ha successo il servizio per Halifax di Grimaldi.

Meno bene per noi impiantistica e yacht a causa dei limiti autostradali della A7 per raggiungere il porto.

Le previsioni per il 2019 sono di una crescita del 3-5 per cento del traffico non containerizzato nei porti di Genova e Savona.

Per quanto riguarda più in generale la fiera ho registrato che i cinesi si affacciano sul Mediterraneo anche per il settore breakbulk".

Soddisfazione per l'andamento della fiera è stato espresso anche dai soci C.I.S.Co. che hanno approfittato dello stand per promuovere la loro attività.

"Il novero degli espositori - afferma Antonio Pandolfo, sales director di Est - era composto dai più importanti operatori del settore, come agenti marittimi, compagnie marittime, charter, terminal".

Est è presente in cinque porti della Sicilia: Catania, Termini Imerese, Trapani, Mazara del Vallo e Augusta.

A Brema ha presentato la propria dotazione di mezzi, con cinque gru ognuna da 100 tonnellate di portata.

La risposta del mercato è stata positiva: "Già da un paio d'anni - osserva Pandolfo - c'è il ritorno a una presenza massiccia di espositori e visitatori, dopo sei anni di crisi che ha provocato una moria delle fiere.

Si respira un'aria positiva".

Presentando Est sul mercato, Pandolfo finisce inevitabilmente per fare da ambasciatore a tutta la Sicilia, regione per cui ritiene "indispensabile proporsi come piattaforma logistica a tutto campo, piuttosto che inseguire sogni.

Farne un hub di transhipment sarebbe fuori luogo, bisogna invece risolvere la penuria di infrastrutture dell'isola per sviluppare le opportunità logistiche che offre".

Per Zenatek la fiera di Brema ha portato un centinaio di contatti commerciali che porteranno a nuovi business.

"La nostra aspettativa in queste occasioni - dice Andrea Gregori, project manager di Zenatek - è di sondare l'andamento del mercato, consolidare i nostri clienti e trovarne di nuovi.

Da dieci anni operiamo nel settore del tracciamento della merce, ma per il grosso pubblico questa è ancora una novità.

Per noi il mercato estero è sempre stato motivo di soddisfazione.

C'è sempre maggiore consapevolezza da parte degli operatori dell'importanza del tracciamento, sia del carico sia degli asset, come ad esempio i generatori elettrici nei cantieri".

Che cosa vi ha colpito a Brema?

"Sempre più - risponde Gregori - si parla di ferrovia e quindi anche di Nuova Via della Seta terrestre.

È un tema sempre più presente.

Purtroppo abbiamo avuto anche la conferma della provincialità dell'Italia per quanto riguarda i collegamenti via treno.

Quando si parla di questi servizi il riferimento è sempre l'Europa settentrionale, dove ci sono maggiori infrastrutture e dove è meno diffusa la pratica del franco magazzino.

I produttori italiani hanno il vizio di dare poca importanza al loro ufficio logistico, che invece potrebbe essere un produttore di valore aggiunto per l'economia del paese".
(Intervista di Alberto Ghiara, 23 maggio 2019)





Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it