testata inforMARE
2 dicembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
13:58 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXIX - Numero 11/2011 - NOVEMBRE 2011

Porti

Il carattere volubile dei porti baltici

L'Europa Orientale ancora una volta sta mostrando segnali di crescita e l'area in questione ribolle di energia; fattori quali la domanda russa e l'aumento delle dimensioni delle navi stanno facendo alzare la temperatura nei porti sia del Baltico che del Mar Nero.

Le due regioni, peraltro, devono affrontare scenari assai diversi con il risultato inatteso che il Baltico adesso potrebbe sorpassare l'area del Mar Nero, superando persino le punte da record conseguite nel 2008.

L'Europa Orientale è dominata dal proprio carattere competitivo, spiega Eero Vanaale della Drewry.

Aggiunge poi: “Questa energia è volubile per sua natura”, sottolineando le dinamiche a forma di ripida V del periodo 2008-2010, che ha mostrato una sostenuta ripresa in alcuni porti ed una crescita fiacca in altri, il tutto accompagnato da limitazioni alla capacità e da frequenti riallineamenti delle rotte da parte delle linee di navigazione.

Malgrado le montagne russe baltiche, alcune località sono riuscite a sfuggire alla fase peggiore delle incertezze.

Steve Wray della OSC afferma che il mercato locale in via di sviluppo della Polonia basta per apportare un qualche tipo di stabilità, almeno per quanto riguarda i porti del proprio paese.

Wray aggiunge che persino nel bel mezzo della flessione, “la Polonia è rimasta l'unica luce brillante della regione”, con una crescita positiva del PIL anche nel 2009.

“Certamente, i volumi di traffico di base alla volta della Polonia hanno indotto almeno un importante vettore a scalarvi direttamente con navi post-panamax che fungono altresì quale servizio feeder da Rotterdam e Bremerhaven” afferma Ben Hackett della Hackett Associates.

Ma vi sono altre questioni da considerare.

I paesi senza sbocco al mare dell'Europa Centrale hanno spesso fatto affidamento sui transiti dai porti dell'Europa Occidentale, ma questo potrebbe essere il momento per un cambiamento.

Sottolinea Wray: “Non molta gente apprezza il fatto che la componente più cara di ogni costo da capolinea a capolinea sia la quota del trasporto terrestre; se si riesce a ridurre questa sezione terminale, si possono ridurre i costi”.

Pertanto, potrebbe a prima vista sembrare che ci sia certo numero di contendenti che mirano a sfondare nel settore dei box nel Baltico, ma ci vuole una bella combinazione di caratteristiche per aggiudicarsi gli scali diretti.

Vanaale evidenzia il fatto che, se si prendono in considerazione i porti più settentrionali, si trova che Klaipeda, in Lituania, è cresciuta di un impressionante 49% mentre i terminal contenitori di Muuga in Estonia e di Riga in Lettonia hanno assistito ciascuno ad un incremento del 22% dei risultati complessivi nel corso dell'ultimo anno.

Wray, tuttavia, spiega che i volumi sono ancora molto piccoli, sebbene, una volta combinati, essi raggiungano circa 1 milione di TEU.

Aggiunge poi che, anche se sono disponibili alcuni spazi e profondità, il problema con questa particolare area consiste nel fatto che non ci sono molti carichi locali e che ogni potenziale carico in transito dall'Europa centrale è molto distante, per quanto per questi porti le derrate alla rinfusa restino una grazia salvifica.

Boris Wenzel della DCT Gdansk è alla caccia di carichi da portar via ad Amburgo.

“Oggi disponiamo di abbastanza capacità da giustificare il fatto che le grandi navi bypassino i porti europei tradizionali e cerchino di arrivare più vicino alla destinazione finale” dichiara.

La sua previsione è nel senso che non vi sia alcun modo di tornare indietro rispetto ai danni che i porti polacchi cominceranno ad infliggere ad Amburgo.

“Amburgo è in declino” afferma “esso continuerà a perdere sempre più carichi baltici e non soltanto a nostro favore, ma anche a vantaggio di altri nuovi terminal.

Noi siamo i primi, i pionieri: non resteremo gli unici ma ci aspettiamo di restare i più grossi”.

Danzica attualmente dispone di una capacità infrastrutturale di 1 milione di TEU, che sta subendo una restrizione di efficienza a causa dell'aggiunta di altro equipaggiamento per la movimentazione e ha elaborato piani finalizzati allo sviluppo di ulteriore capacità per 2 milioni di TEU a lungo termine.

Tuttavia, Ben Hackett della Hackett Associates è in qualche modo più pessimista circa questa dichiarazione di guerra.

“Si basa tutta sulla presenza di una linea di navigazione, la Maersk” afferma e aggiunge: “Ciò la rende vulnerabile”.

Wray è d'accordo con questa opinione e sottolinea che, poiché il servizio Maersk A10 del DCT Terminal apporta i volumi che supportano l'attività, “potrebbe risultare difficile per un'altra linea di navigazione venire a Danzica, dal momento che si potrebbe avere l'impressione che le navi della Maersk ricevano la priorità”.

Detto ciò, Wray aggiunge che sebbene Danzica voglia attirare un'altra linea di navigazione, il problema è poi come riuscire a farlo.

Il DCT sta fornendo nuovo equipaggiamento allo scopo di agevolare l'ingresso di un'altra linea di navigazione senza fare troppo chiasso, e, a detta di Wray, “l'affidabilità degli orari della Maersk può contribuire a conseguire tale risultato, consentendo al terminal di offrire un sistema di finestre d'ormeggio per ogni operatore che intende farvi scalo”.

Gdynia, d'altro canto, ha un approccio diverso in ordine al recupero.

Krzysztof Szymborski, presidente del BCT (Baltic Container Terminal) di Gdynia, spiega: “Sebbene la regione stia crescendo rapidamente, è anche vero che essa è sprofondata di molto; ad esempio, abbiamo visto che i volumi del BCT sono diminuiti di circa un terzo”.

Tuttavia, c'è stato un recupero spettacolare: il BCT ha fatto un balzo verso l'alto di circa il 30% fra il 2010 ed il 2011, aggiungendo qualcosa come il 5-10% di crescita organica nel 2012.

Il porto sta traendo vantaggio dai denari spesi sia all'interno che all'esterno dei propri varchi: “La regione ha assorbito un notevole quantitativo di investimenti europei sulle infrastrutture; per un terminal porta d'accesso, i collegamenti stradali e ferroviari sono una questione di vita o di morte” afferma Szymborski.

“Il cabotaggio marittimo a corto raggio, unitamente allo sviluppo di collegamenti ferro-stradali, significano che possiamo raggiungere altre località in Europa centrale e meridionale.

Al momento, si tratta di un'attività marginale, ma ci aspettiamo che diventi qualcosa di più rilevante: è semplicemente la via del futuro” conclude Szymborski.

Il terminal si sta arrampicando per accaparrarsi altri trasferimenti intermodali di short-sea e si è dato un obiettivo di 1,2 milioni di TEU per il 2015.

Anche se esso punta a migliorare l'automazione dei varchi, le unità di movimentazione e la lunghezza delle banchine, si sa che vi sono efficienze da realizzare quando si conosce quale tipo di traffico si ha intenzione di attirare.

Ad esempio, il BCT non si preoccupa di cose come gli spreader a sollevamento abbinato ma, in cambio, dispone di una modalità ferroviaria assai efficiente: più del 35% dei suoi volumi relativi ai varchi è costituito da traffico ferroviario, percentuale questa particolarmente alta rispetto agli standard di chiunque.

“La questione è che la maggior parte delle linee di navigazione adesso ha sotto ordinazione navi più grandi di 10.000 TEU, di modo che dobbiamo cominciare a prepararci” dichiara Szymborski.

Gdynia ha appena iniziato a pensare al dragaggio sino a 15,5 o 16 metri e ha bisogno di ulteriori analisi oltre che di soluzioni finanziarie allo scopo di dare il via al dragaggio stesso, di modo che quelle profondità sono ancora di là da venire.

Tuttavia, afferma Szymborski: “Quando Gdynia sarà stato dragato, potremo lottare per unirci al club del trasbordo, adesso no”.

Tutto questo suona molto bene per adesso, ma che cosa lo aspetta in futuro, specialmente con l'euro vacillante?

Vanaale dice che, pur potendosi attendere che la crisi dell'euro possa gettare nelle tenebre i porti sul confine orientale dell'Europa, “ci sono altri fattori di cui tener conto”.

Egli sottolinea che la Russia è ancora il paese dalla maggiore influenza sui risultati del Mar Baltico.

“Anche se la Russia sta ancora spingendo le proprie esportazioni di petrolio e di gas, l'impatto di una recessione dell'Europa occidentale potrebbe essere attenuato, sebbene ovviamente tutti quanti l'avvertiranno se ciò dovesse trasformarsi in un problema globale”.

Vanaale prosegue affermando che, per quanto l'attuale politica dei carichi russi per i porti russi si stia facendo sentire, qualsiasi calo della quota di mercato è attualmente in fase di compensazione da parte della crescita complessiva della domanda russa”.
(da: portstrategy.com, 15.11.2011)



DALLA PRIMA PAGINA
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
L'attività produttiva nello stabilimento triestino della Wärtsilä proseguirà sino a settembre
Trieste
Sarà avviato un percorso di reindustrializzazione del sito con l'obiettivo di tutelare i posti di lavori sia dei dipendenti della Wartsila sia di quelli dell'indotto
Domani a Vienna la firma degli accordi per l'attivazione del primo e unico corridoio doganale internazionale europeo
Trieste
Collegherà il porto di Trieste con Fürnitz, in Carinzia
Il porto di Koper si avvia a chiudere il 2022 con un traffico record di oltre un milione di container
Koper
In decisa ripresa l'attività nel segmento delle auto
Uno studio dell'UIRR sollecita investimenti per realizzare una rete europea di trasporto intermodale efficiente
Bruxelles
Necessari 490 miliardi di euro per l'infrastruttura ferroviaria TEN-T e 47 miliardi di euro provenienti per l'ampliamento e il potenziamento delle risorse intermodali
Uniport sollecita misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti
Roma
Chiesta anche una sterilizzazione dell'indicizzazione annuale dei canoni di concessione demaniali per il triennio 2023-2025
Analisi dell'UNCTAD sul trasporto marittimo nel 2021, anno di ripresa e da incorniciare per il segmento dei container
Ginevra
Futuro all'insegna dell'incertezza. Tra agosto e settembre i noli dei servizi containerizzati sono calati drasticamente, ma risultano comunque più che doppi rispetto alle medie pre-pandemia
L'ultima lettura del barometro della WTO sugli scambi mondiali delle merci indica “pioggia”
Ginevra
Atteso un rallentamento del commercio anche nel 2023
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
Roma
La situazione è stata illustrata da Assiterminal ad esponenti del governo e del Parlamento
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile