testata inforMARE
30 novembre 2022 - Année XXVI
Journal indépendant d'économie et de politique des transports
16:12 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 FEBBRAIO 2019

TRASPORTO FERROVIARIO

ACCORDO SUL CLIMA PER LA FERROVIA: CI ARRIVEREMO?

Il settore ferroviario punta ad una riduzione del 30% dei gas serra entro il 2030.

Ciò rientra nell'accordo sul clima sottoscritto a Katowice il mese scorso.

"Ci arriveremo?" è stata la domanda centrale fatta martedì sera a Bruxelles, dove rappresentanti del settore si sono incontrati per discutere gli impegni presi.

Tecnicamente, la cosa è fattibile, afferma Pete Harrison, direttore esecutivo per le politiche europee della European Climate Foundation.

"Esistono molteplici percorsi ed il 75% delle opzioni è già commercializzato.

Il restante 25% richiede innovazione".

Impegni

Gli impegni sono stati presi nel corso della 24a sessione della Conferenza delle Parti (COP24).

Il risultato è stato un chiaro manuale per mettere in atto l'Accordo di Parigi sul cambiamento climatico.

L'Unione Europea svolge un ruolo fondamentale nella diplomazia inerente al clima e ha spinto perché ci fossero ambizioni più alte nel rendere operativo l'Accordo di Parigi.

Inoltre, appena prima della COP24, la Commissione ha adottato una visione a favore di un'Europa ad impatto climatico zero entro la metà del secolo.

Il trasporto ferroviario svolge un ruolo importante in ordine al conseguimento di questi obiettivi, sottolinea la CER (European Railway and Infrastructure Companies), che ha organizzato la discussione in una tavola rotonda a Bruxelles il 29 gennaio.

Le emissioni di CO2 derivanti dalle ferrovie rappresentano meno del 3% delle emissioni di CO2 di cui è responsabile il trasporto, sebbene essa trasporti il 17% delle merci via terra e l'8% dei passeggeri in Europa, ha sottolineato il gruppo lobbistico.

Provvedimenti

I provvedimenti che potrebbero essere adottati dal settore sono ad esempio l'elettrificazione del materiale rotabile, il recupero dell'energia derivante dalla frenata, l'efficiente consumo energetico nella guida dei treni, le operazioni ferroviarie automatizzate o il miglioramento della gestione del traffico.

Nel contempo, sostiene la CER, i responsabili delle politiche dovrebbero concentrarsi sull'elettrificazione della rete ferroviaria, realizzare regole uguali per tutti nel confronto fra ferrovia e autotrasporto e supportare la ricerca e l'innovazione con particolare attenzione sulla vendibilità di tecnologie pulite e soluzioni multimodali.

Fondi disponibili

Stefan Vergote, responsabile della strategia e della valutazione economica della DG Azione per il Clima presso la Commissione Europea conviene sul fatto che la ferrovia è già all'avanguardia quale modalità di trasporto pulita.

Il livello di elettrificazione dovrebbe essere un esempio per molte altre modalità, sottolinea.

Tuttavia, esistono molti altri modi per ridurre ulteriormente la produzione di gas serra ed a questo riguardo ha evidenziato come esistano importanti fondi disponibili.

"Il 25% del bilancio complessivo dell'Unione Europea dovrebbe essere pertinente al clima.

Un buon esempio ne è il fondo Horizon Europe".

Il passaggio alla ferrovia

Allo scopo di contribuire alla realizzazione di un settore dei trasporti a zero emissioni, il passaggio alla ferrovia dovrebbe essere supportato a tutti i livelli, ritiene la CER.

Parte di questo impegno dovrebbe riferirsi all'internalizzazione dei costi esterni per tutte le modalità di trasporto.

Attualmente, addebiti sotto forma di vignette o pedaggi vengono applicati solo ai camion in circa il 20-25% delle autostrade e strade principali d'Europa.

Di conseguenza, i camion pagano, mediante tasse e pedaggi, circa il 70-90% dei loro costi infrastrutturali ed esterni complessivi, mentre se si tiene conto di tutte le strade in Europa, la copertura dei costi è in media del 30%.

Al contrario, nota la CER, il settore ferroviario paga addebiti basati sulla distanza ovunque in Europa, coprendo almeno il costo diretto dell'uso dell'infrastruttura, oltre spesso ad una maggiorazione.

"Un settore del trasporto europeo efficiente richiede una concorrenza leale fra le modalità, con riscossione appropriata sia per le esternalità che per le infrastrutture".

Allo stesso tempo, un dirottamento modale non è possibile senza i necessari miglioramenti per rendere la ferrovia più attraente.

Il parlamentare europeo Wim van Camp commenta: "Uno spostamento modale è quasi impossibile, dal momento che la ferrovia è antiquata e per nulla flessibile".

A suo parere, se essa volesse davvero conseguire la propria quota di mercato, dovrebbe accelerare gli sviluppi.
(da: railfreight.com, 30 gennaio 2019)



Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
LES DÉPARTS
Visual Sailing List
Départ
Destination:
- liste alphabétique
- liste des nations
- zones géographiques
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANQUE DES DONNÉES
Armateurs Réparateurs et Constructeurs de Navires
Transitaires Fournisseurs de Navires
Agences Maritimes Transporteurs routiers
PORTS
Ports Italiens:
Ancône Gênes Ravenne
Augusta Gioia Tauro Salerne
Bari La Spezia Savone
Brindisi Livourne Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palerme Trieste
Civitavecchia Piombino Venise
Interports Italiens: liste Ports du Monde: Carte
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archives
REVUE DE LA PRESSE
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Index Revue de la Presse
FORUM des opérateurs maritimes
et de la logistique
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archives
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Numéro de TVA: 03532950106
Presse engistrement: 33/96 Tribunal de Gênes
Direction: Bruno Bellio
Tous droits de reproduction, même partielle, sont réservés pour tous les pays
Cherche sur inforMARE Présentation
Feed RSS Places publicitaires

inforMARE en Pdf
Mobile