testata inforMARE
29 janvier 2023 - Année XXVII
Journal indépendant d'économie et de politique des transports
09:23 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 LUGLIO 2019

TRASPORTO MARITTIMO

I PESI MASSIMI DEL TRASPORTO MARITTIMO RISCHIANO DI FALLIRE GLI OBIETTIVI DEL CLIMA

Secondo la CDP (Carbon Disclosure Project), i pesi massimi del trasporto marittimo mondiale non stanno investendo nelle tecnologie essenziali per ridurre la propria impronta di carbonio, mettendo il settore a rischio di fallire gli obiettivi finalizzati a ridurre del 50% entro il 2020 le emissioni di gas serra.

La rivelazione è nel nuovo rapporto "A Sea Change":

https://6fefcbb86e61af1b2fc4 ...

della CDP, organizzazione senza fini di lucro e fornitore di ricerche sugli investimenti.

Il rapporto elenca 18 delle maggiori compagnie di navigazione quotate in borsa che rappresentano 62 miliardi di dollari di capitalizzazione nel mercato, riguardo alla preparazione aziendale in vista della transizione al basso contenuto di carbonio.

Il trasporto marittimo rappresenta sino al 3% delle emissioni globali ed il 10% delle emissioni del trasporto - grosso modo le stesse del trasporto aereo - e fa parte integrante dell'economia mondiale, trasportando circa l'80% dei traffici mondiali quanto a beni materiali.

Il trasporto merci via mare è la modalità meno intensa quanto ad emissioni per movimentare i carichi, ma la domanda di noli è in ascesa, cosa che richiederà che il settore riduca rapidamente le proprie emissioni di carbonio.

Nel contesto della recente strategia dell'IMO di ridurre della metà entro il 2050 le emissioni di gas serra del settore, c'è la accresciuta pressione sulle compagnie di navigazione affinché adottino un approccio a lungo termine al fine di contenere la propria impronta di carbonio.

Finora la Maersk, la HMM e la NORDEN sono state le più ambiziose nello stabilire obiettivi a lungo termine per ridurre le emissioni di carbonio, in coerenza con la strategia dell'IMO.

Tuttavia, il rapporto constata che esiste un divario fra le tecnologie neutrali quanto al carbonio all'avanguardia a disposizione delle compagnie di navigazione e le forme di innovazione che esse stanno sviluppando.

L'analisi della CDP in ordine alle innovazioni in campo marittimo riscontra che solo tre di loro stanno attivamente sviluppando tecnologie che possano avere un impatto trasformante sul settore.

Compagnie di navigazione come la NYK stanno lavorando allo sviluppo di navi ad emissioni zero per il 2050, mentre la Maersk e la NORDEN stanno attivamente precorrendo l'uso di biocarburanti "di seconda generazione" prodotti da fonti di rifiuti come l'olio di cottura.

Le più diffuse tendenze innovative attualmente si concentrano su tecnologie e carburanti che procurano miglioramenti solo marginali.

La lenta navigazione - vale a dire rallentare le navi in modo significativo al di sotto della loro velocità massima - è una importante soluzione a breve termine in grado di ridurre le emissioni di carbonio sino al 30%.

È stato riscontrato come 13 delle 18 compagnie di navigazione abbiano una politica formale di lenta navigazione, far le quali K Line, HMM, Euronav e COSCO S. H. che hanno istituito politiche di "navigazione super-lenta".

Per quanto la lenta navigazione sia positiva a breve termine, potrebbe comportare l'effettuazione di un numero maggior di viaggi per soddisfare la crescita della domanda, intaccando le riduzioni di emissioni conseguite rallentando le navi.

La ricerca ha inoltre constatato che, mentre le compagnie di navigazione containerizzate che trasportano merci come abbigliamento ed alimentari sono resilienti rispetto alle tendenze di decarbonizzazione a lungo termine, si trovano peraltro sempre più di fronte a controlli e pressioni poiché i loro clienti puntano a tagliare le emissioni derivanti dalla propria filiera distributiva.

D'altro canto, le compagnie di navigazione specializzate in rinfusiere e petroliere che trasportano carburanti fossili ed altre derrate devono affrontare il rischio derivante dai cambiamenti della domanda per questi prodotti dovuti alle più ampie tendenze alla decarbonizzazione.

Carole Ferguson, responsabile per le ricerche sugli investitori della CDP, commenta: "Le compagnie di navigazione devono affrontare un cambiamento epocale all'orizzonte.

Sulla base delle attuali tecnologie, il trasporto merci marittimo è una delle modalità di trasporto con emissioni meno spinte e pertanto è decisivo per la transizione al basso contenuto di carbonio.

Ma man mano che l'economia globale cresce, il settore potrebbe rappresentare il 17% delle emissioni globali entro il 2050 se non si facesse nulla.

Nel contesto degli obiettivi dell'IMO, il settore ha bisogno di indurre la collaborazione con i produttori di navi e di tecnologie di trasporto marittimo per sviluppare le innovazioni che facciano compiere un salto di qualità per potere avere qualche possibilità di rispettare questi obiettivi.

In altro contesto, la nostra recente analisi del settore dei beni d'investimento mostra che questi produttori sono molto più concentrati sulla trasformazione della generazione di energia e su altre aree del trasporto che sulle soluzioni tecnologiche per il settore dello shipping.

Anche se è promettente vedere che le principali compagnie di navigazione si stanno dando da fare, con la Maersk e la HMM che hanno stabilito obiettivi di emissioni zero per il 2050 e stanno valutando carburanti alternativi, occorre che l'onere sia a carico dell'intero settore se si vuole mettere in moto il passaggio ad un futuro a basso contenuto di carbonio".
(da: euractiv.com, 4 luglio 2019)



Satisfaction de Confitarme à l'égard de l'approbation par la commission parlementaire des dispositions relatives au crédit naval
Rome
Depuis de nombreuses années, depuis de nombreuses années, on s'efforce de faire en sorte que, à des fins de réglementation bancaire, le crédit naval soit progressivement assimilé à l'infrastructure.
Investir dans l'économie bleue pour créer des emplois, augmenter les niveaux de revenu et réduire les émissions
Losanne
Ceci suggère une étude scientifique publiée dans "Frontiers in Marine Science"
Inauguré à Arenzano la nouvelle Ecole de Haute Formation de Médecins de Bordo
Arenzano
Messine (Assarpowners): Il s'agit d'une réponse concrète à la nécessité réelle et impérieuse d'assurer la santé et la sécurité de ceux qui naviguant
LES DÉPARTS
Visual Sailing List
Départ
Destination:
- liste alphabétique
- liste des nations
- zones géographiques
L'an dernier, le trafic de marchandises dans les ports sud-coréens a diminué de -2,3%
Séoul
Les conteneurs étaient égaux à 28,8 millions de teu (-4,1%)
Initiative pour activer Livourne un chemin ITS dédié à la logistique et au transport
Livourne
A Noghere, un nouveau pôle de production intégré au port de Trieste
Trieste
Le Port System Authority de la mer Adriatique orientale a acheté une superficie de 350 000 mètres carrés.
Lundi à Rapallo se tiendra dans la première édition de "Transport, Transport & Intermodal Forum"
Gênes
La situation actuelle et les perspectives du secteur maritime et logistique seront analysées.
En Livourne, trois jours d'Assoports pour approfondir les aspects de la transformation urbaine dans la ville portuaire
Livourne
Deux des groupes techniques de l'association se réuniront: celui spécialisé sur le thème des relations port-ville et celui des urbanistes.
La Corse Sardaigne Ferries participe au projet de Neoline pour la réalisation d'un navire à voile roulier
La Corse Sardaigne Ferries participe au projet de Neoline pour la réalisation d'un navire à voile roulier
Ligure
Sera employé sur une route transatlantique
Jeudi à Milan une conférence de Fedespedi sur "La digitalisation logistique et le PNRR"
Milan
Depuis 2020, la Fédération a contribué à la construction du Plan.
RINA a acheté American Patrick Engineering
Gênes
Il s'agit d'une société active de conseil en ingénierie principalement dans les domaines de l'infrastructure, des transports et des énergies renouvelables
L'année dernière, le trafic de marchandises dans le port d'Ancône a diminué de -2,3%
Ancône
Reprise des passagers
Le navire inclatasi dans le port de Gênes a fait l'objet d'une détention administrative.
Gênes
Ascertainé plus de 20 lacunes dont certains sont particulièrement graves
Saipem a attribué deux contrats offshore pour un montant de 900 millions
Milan
Activités dans l'Atlantique Sud et la mer de Norvège
Changed Risso achète des risques spéciaux allemands Trident
Gênes
En 2022, la société Genovese a atteint un volume de 440 millions de primes et un bénéfice net de 57 millions.
PORTS
Ports Italiens:
Ancône Gênes Ravenne
Augusta Gioia Tauro Salerne
Bari La Spezia Savone
Brindisi Livourne Taranto
Cagliari Naples Trapani
Carrara Palerme Trieste
Civitavecchia Piombino Venise
Interports Italiens: liste Ports du Monde: Carte
BANQUE DES DONNÉES
Armateurs Réparateurs et Constructeurs de Navires
Transitaires Fournisseurs de Navires
Agences Maritimes Transporteurs routiers
MEETINGS
En Livourne, trois jours d'Assoports pour approfondir les aspects de la transformation urbaine dans la ville portuaire
Livourne
Vous rencontrerez deux groupes techniques ...
Jeudi à Milan une conférence de Fedespedi sur "La digitalisation logistique et le PNRR"
Milan
Depuis 2020, la Fédération a contribué à la construction du Plan.
››› Archives
REVUE DE LA PRESSE
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Index Revue de la Presse
FORUM des opérateurs maritimes
et de la logistique
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archives
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Numéro de TVA: 03532950106
Presse engistrement: 33/96 Tribunal de Gênes
Direction: Bruno Bellio
Tous droits de reproduction, même partielle, sont réservés pour tous les pays
Cherche sur inforMARE Présentation
Feed RSS Places publicitaires

inforMARE en Pdf
Mobile