testata inforMARE
08 de febrero de 2023 - Año XXVII
Periódico independiente sobre economía y política de transporte
20:24 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 NOVEMBRE 2019

SICUREZZA E PROTEZIONE

GLI INCIDENTI DI ORMEGGIO DELLE NAVI

Può forse sorprendere il fatto che le cose normalmente vadano storte nel corso delle procedure di ormeggio delle navi, in particolare in termini di manovre nell'area portuale e di attracco.

In relazione all'interfaccia fra nave e porto, si legga quanto segue per comprendere l'esperienza e le modalità del TT Club in ordine alla mitigazione dei rischi.

Le operazioni coinvolte nell'ormeggio delle navi dipendono in grande misura dall'interazione umana e molti incidenti hanno la propria causa scatenante proprio da essa.

Quando le cose vanno storte, ne può risultare un danno per la nave stessa, per l'ormeggio e le gru in banchina, ed esiste un potenziale che si verifichi un inquinamento, nonché, forse in modo più preoccupante, ne possono risultare lesioni per i membri dell'equipaggio e per il personale di terra.

Le due aree principali per l'aumento del rischio sono le manovre della nave in porto e le procedure di attracco: le prime espongono la nave a collisioni ed urti mentre le seconde comportano principalmente lesioni o decessi per l'equipaggio o per il personale dedicato all'attracco.

Nella maggior parte delle località, l'ormeggio implica l'impegno combinato delle pilota e del comandante per ottenere l'ormeggio sicuro di una nave.

Inevitabilmente, le buone comunicazioni e la reciproca comprensione dei rispettivi ruoli sono decisivi per la sicura conduzione della nave nelle acque di pilotaggio, essenzialmente mediante l'integrazione del pilota nella squadra di governo della plancia.

Il compito primario del pilota è quello di fornire accurate informazioni al fine di assicurare una navigazione sicura, mentre al comandante spetta la responsabilità finale per la sicurezza della nave.

Si è dimostrato assai probabile il fatto che sorgano questioni quando per il comandante il porto costituisce una novità e/o il pilota non abbia avuto precedenti esperienze in ordine alle dimensioni o al tipo di scalo della nave in porto.

Ne consegue che le autorità portuali ed i piloti devono assicurare che siano in atto un addestramento, i sistemi e le procedure adeguati al servizio delle navi che dovranno movimentare.

I guasti degli equipaggiamenti relativi al motore o all'elica sono una causa di collisioni o urti fra navi.

Dal punto di vista della nave, dovrebbero essere predisposti e rispettati sistemi e procedure di manutenzione appropriati, compresa la rigorosa adesione al Sistema di Gestione della Sicurezza della nave.

Allo stesso modo, occorre che le autorità portuali dispongano di un numero sufficiente di rimorchiatori dotati di potenza bastante, tenendo conto in particolare della modifica dei requisiti del cliente, come quelli relativi alle navi più grandi.

Le attività di ormeggio

Far sì che una nave venga lavorata rapidamente richiede che i verricelli siano in buono stato di funzionamento e che le cime siano in condizioni ottimali.

Qualora fossero in cattive condizioni o danneggiate, le cime dovrebbero essere sostituite da materiale di ricambio.

Tutte le cime, i cavi ed i legami utilizzati per l'attracco dovrebbero essere certificati (e la documentazione dovrebbe essere messa a disposizione a fini di ispezione).

È anche importante che tutti i punti di lubrificazione dei verricelli siano indenni, funzionino correttamente e non siano coperti da vernice.

In molti porti può darsi che ci siano delle bitte che possano non essere state controllate da decenni.

Attualmente non c'è alcuno standard internazionale per far sì che le bitte siano sufficienti quanto al numero, alla qualità ed alla capacità, così come che siano situate in modo adeguato al tonnellaggio che probabilmente scalerà ciascun ormeggio.

Potrebbe essere appropriato affidarsi a collaudi non distruttivi per verificare la resistenza delle bitte.

Tecnologie emergenti che offrono sistemi di attracco a ventosa e magnetici possono migliorare la sicurezza personale ed il fissaggio delle navi.

Tali tecnologie dispensano le linee di ormeggio da - e perciò eliminano nei confronti della nave e del personale portuale - i rischi inerenti all'uso degli ormeggi e dei verricelli.

I vantaggi in termini di sicurezza possono essere significativi, mentre le considerazioni operative ed infrastrutturali possono altresì giustificare la loro installazione.

Le tradizionali operazioni di ormeggio a bordo delle navi espongono l'equipaggio al pericolo; occorre che esso venga addestrato a fondo e si familiarizzi con il contesto fisico.

Una questione ricorrente negli incidenti di ormeggio è quella per cui i marittimi sono presenti in aree esposte a lesioni quando le cime si slegano, spesso a causa di insufficiente addestramento.

Dal lato di terra, è necessario disporre di personale sufficiente che sia capace di far attraccare la nave in modo sicuro ed efficiente.

C'è bisogno che tutto il personale dedicato all'ormeggio venga addestrato e si familiarizzi con i cavi, le zone di rimbalzo ed i pericoli correlati alle operazioni di ormeggio.

Il fattore tempo

Le avverse condizioni meteorologiche possono apportare altri notevoli rischi per una nave in ambito portuale.

Il vento può causare cambiamenti di rotta e derive inattesi; la mancata corretta compensazione a causa del vento nel corso dell'ormeggio è una causa frequente di incidenti al riguardo.

Occorre che il comandante ed il pilota nei loro calcoli tengano conto dell'impatto delle condizioni del vento, unitamente alle maree, alle correnti e al moto ondoso che anch'essi possono comportare effetti su una nave che si prepara ad attraccare o a salpare.

La maggior parte dei porti consentono l'ormeggio e il disormeggio solo quando la velocità del vento è inferiore ad un certo livello, generalmente fra i 20 ed i 30 nodi, e prendono altresì in considerazione la direzione del vento, le maree, le correnti ed il moto ondoso.

È comune per le località particolarmente soggette alle tempeste tropicali o stagionali mettere in atto procedure aggiuntive quando le navi prendono il mare nel caso sia previsto brutto tempo.

L'esperienza mostra che le condizioni del tempo insolite e bizzarre stanno diventando più prevalenti; di conseguenza, è una buona pratica per tutti i porti quella di istituire piani di emergenza adeguati.

Il rischio che le linee di ormeggio delle navi si infrangano in caso di condizioni di brutto tempo è notevole; la disponibilità di linee di ormeggio in più o di rimorchiatori in preallarme, sebbene necessaria, potrebbe essere difficile da utilizzare in condizioni avverse.

Ovviare alle limitazioni

Operativamente, avrebbe senso sia per porti e terminal sia per le navi che le gru da banchina venissero posizionate in modo tale da essere pronte a lavorare senza indugio.

Ciononostante, mentre una nave è all'ormeggio, l'ubicazione più sicura per sistemare le gru da banchina sarebbe lontano dall'ormeggio assegnato.

Questo è in genere impossibile a causa della lunghezza dell'ormeggio e dalla localizzazione delle altre operazioni.

Per la maggior parte delle destinazioni d'uso, la localizzazione meno rischiosa per la sistemazione delle gru da banchina nel corso dell'ormeggio di una nave è al centro dell'ormeggio dedicato; questo mitiga l'esposizione alla prua ed alla poppa che più probabilmente andranno ad impattare l'ormeggio nel caso che si perda il controllo della nave.

Riassumendo, occorre che i portatori di interesse da entrambi i lati dell'interfaccia nave/porto si concentrino sulle proprie questioni, assicurando nel contempo che ci siano effettive comunicazioni pregresse e contestuali nonché piani che gli consentano di lavorare assieme per gestire la sicurezza della gente, delle risorse e dell'ambiente.
(da: hellenicshippingnews.com, 13 novembre 2019)



Pino Musolino ha sido elegido presidente de MEDPorts
Pino Musolino ha sido elegido presidente de MEDPorts
Túnez
Jordi Torrent ha sido nombrado secretario general de la asociación
Los componentes positivos de los ingresos generados por "certificados blancos" pueden estar sujetos al impuesto sobre el tonelaje
Roma
La Agencia de Impuestos Internos dijo que estaba respondiendo a una instancia del Grupo Grimaldi.
El año pasado el tráfico de contenedores manejado por HPH Trust disminuyó un -7,3%
Singapur
El año pasado el tráfico de contenedores manejado por HPH Trust disminuyó un -7,3%
El descenso de la actividad se produjo en la segunda mitad de 2022
Adjudicado la propuesta de financiación del proyecto para la náutica a ser dado de alta en el puerto de Cagliari
Cagliari
El trabajo se llevará a cabo en tres años
CMA CGM y Autoridad Portuaria de Barcelona han sido autorizados a adquirir el Puerto Seco Azuqueca
Madrid
Luz verde del vigilante antimonopolio español
La tercera carrera por los enlaces marítimos con las Sardas más pequeñas también estará desierta.
Cagliari
Los sindicatos instan a revisar la prohibición de la licitación, particularmente bajo el perfil económico
PROXIMAS SALIDAS
Visual Sailing List
Salida
Destinación:
- orden alfabético
- nación
- aréa geogràfica
En el puerto de Civitavecchia, se ha detenido un tráfico ilícito de residuos directos en África
Civitavecchia
Se incautaron tres lotes de mercancía para un peso total de 32 toneladas
Gruber Logistics abre dos oficinas en Turquía
Gruber Logistics abre dos oficinas en Turquía
Tiempo
El objetivo es aumentar el tráfico hacia y desde Europa a través del puerto de Trieste
El año pasado, el tráfico de mercancías en los puertos españoles creció un 3,5% por ciento.
Madrid
El año pasado, el tráfico de mercancías en los puertos españoles è creció un 3,5%
Reducción del tráfico de tránsito en contenedores. En el cuarto trimestre, hubo un descenso del -1,1% por ciento.
DP World ha sido galardonado con la carrera para hacer una terminal de contenedores en el puerto de Deendayal (Kandla)
Gandhidham
Joint venture Drydocks World-Aker Solutions para modernizar las unidades FPSO
Marfret aumenta la frecuencia del servicio de línea directa Italia-Egipto
Génova
Entrar en un segundo barco
Cargotec y Konecranes registran nuevos récords de ingresos anuales y trimestrales
Helsinki/Hyvinkää
En 2022, el valor de las nuevas órdenes adquiridas por los dos grupos aumentó un 9,8% y un 23,7%, respectivamente.
En 2022 el valor de las nuevas órdenes adquiridas por ABB creció un 6,7%
Zúrich
Los resultados de la actividad comercial registraron un recorte trimestre tras trimestre
El año pasado, el tráfico naval en el estrecho del Bósforo disminuyó un -8,8%
Turquía
El año pasado el tráfico de buques en el Estrecho de Bosphorus è disminuyó un -8,8%
En el último trimestre de 2022, la reducción fue de -5,1%
MSC incluirá el Puerto de Livorno en el West Med-Oriente Medio/India servicio
Ginebra
El enlace tiene una frecuencia semanal
UPS registra un descenso en la facturación tras 40 trimestres consecutivos de crecimiento
Atlanta
UPS registra un descenso en la facturación tras 40 trimestres consecutivos de crecimiento
En 2022, los ingresos superaron los 100.000 millones por primera vez.
PUERTOS
Puertos italianos:
Ancona Génova Rávena
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Liorna Taranto
Cagliari Nápoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venecia
Interpuertos Italianos: lista Puertos del mundo: Mapa
BANCO DE DATOS
Armadores Reparadores navales y astilleros
Expedicionarios Abastecedores de bordo
Agencias marítimas Transportistas
MEETINGS
En Livorno un tres días de Assoports para profundizar los aspectos de la transformación urbana en la ciudad portuaria
Livorno
Usted se reunirá con dos grupos técnicos ...
El jueves en Milán una conferencia de Fedespedi sobre "La digitalización logística y el PNRR"
Milán
Desde 2020 la Federación ha hecho su contribución a la construcción del Plan
››› Archivo
RESEÑA DE LA PRENSA
L'Algérie investit 500 millions d'euros au Cameroun
(L'Expression)
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
››› Reseña de la Prensa Archivo
FORUM de lo shipping y
de la logística
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivo
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Génova - ITALIA
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Director: Bruno Bellio
Prohibida la reproducción, total o parcial, sin el explicito consentimento del editor
Búsqueda en inforMARE Presentación
Feed RSS Espacios publicitarios

inforMARE en Pdf
Móvil