testata inforMARE
Cerca
24 giugno 2024 - Anno XXVIII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
02:47 GMT+2
LinnkedInTwitterFacebook
C . I . S . Co . Mitteilungen
LOGISTICA

La Philips ed i vettori: un contratto "matrimoniale"

"Quando stipuliamo un contratto con una linea di navigazione, diventa quasi un matrimonio. Non è una relazione a breve termine, bensì a lungo termine e ciò significa che dobbiamo stare molto attenti nello scegliere i nostri partners". Così si esprime Dirk Goedhart, direttore esecutivo delle spedizioni aziendali dell'impresa elettronica olandese Philips, parlando in merito all'argomento delle relazioni tra la sua società ed i vettori marittimi. E' una similitudine interessante, questa, se applicata alle relazioni nell'ambito del settore marittimo, ma che effettivamente rende molto bene la situazione.

Se in questa relazione la Philips assume il ruolo della sposa, in termini di traffico essa certamente dispone di una cospicua dote da offrire. I particolari esatti non sono stati forniti ma Goedhart, alla domanda inerente al numero di contenitori annualmente caricati dalla Philips, ha risposto prudentemente: "Posso solo dire che supera i 100.000 TEU". Il tenore della risposta sembra indicare che il quantitativo sia di gran lunga superiore ai 100.000 TEU.

Goedhart è il responsabile delle esigenze di trasporto di tutta l'attività internazionale della Philips. Esse riguardano 100 società i cui prodotti sono venduti in più di 150 Paesi. Mentre la Philips rappresenta il marchio principale, la gamma degli altri prodotti ben noti comprende la Marantz, la Magnavox, la statunitense Novelco e la brasiliana Walita. Tra i prodotti vi sono i riproduttori di CD e di CD-I (una novità della Philips), i CD stessi, le lampade, i videoregistratori, i telefoni cellulari e quelli senza filo, i sistemi stereo per auto, i programmi su disco, i frigoriferi domestici, i rasoi, i monitors per computers, i sistemi radio digitali, le attrezzature sanitarie, i semiconduttori, i microchips, le componenti elettroniche ed anche i macchinari per la realizzazione dei prodotti appena menzionati. Il compito di Goedhart è quello di far sì tutti i prodotti giungano secondo programma alla propria destinazione, sia che si tratti di "spedizioni alla buona" (traffico interaziendale) sia che si tratti di merci finite.

Goedhart spiega come funzione il sistema: "Facciamo funzionare il sistema di spedizioni in collaborazione con tutte le singole società della Philips. Ogni società ha le proprie esigenze e caratteristiche logistiche. Noi assicuriamo i migliori procedimenti e mettiamo insieme tutte le merci. E' questa la grande cosa che riusciamo a fare, cioè identificare le esigenze e coordinarle allo scopo di esercitare un'influenza a livello globale".

La Philips è completamente globale. Goedhart fa sapere che essa è attiva in tutte le principali direttrici di traffico sia in direzione est-ovest che in direzione nord-sud. Essa costituisce, altresì, un utente di trasporto completo. Chiarisce ulteriormente infatti Goedhart: "Qualsiasi cosa movimentiamo è intermodale, ci sono sempre un terminale d'inizio ed uno di fine alle estremità di una movimentazione trasportistica". La Philips si serve di tutte le modalità di trasporto, vale a dire aria, mare, strada, idrovie ed altri metodi più originali. Goedhart fa notare scherzosamente: "Ho persino visto la foto di un televisore Philips legato sulla dorso di un cammello".

Ogni cosa, come informa Goedhart, è affidata all'opera altrui. "La Philips usava possedere aeroplani propri, così come autocarri propri, ma adesso qualsiasi movimentazione viene effettuata da terzi. Anche nel caso si veda un camion con il marchio Philips a lato, il proprietario è sicuramente qualcun altro". Ride Goedhart: "A dirla tutta, è probabile che - sforzandomi - riesca ancora a trovare qualcosa di nostra proprietà da qualche parte".

Con tutta probabilità, data tale varietà di esigenze di trasporto, la Philips in fatto di trasporto non è una sposa monogama. Spiega Goedhart: "Abbiamo un certo numero di contratti con linee di navigazione e linee aeree. Tuttavia, cerchiamo di restringere il numero dei fornitori e dei servizi di cui ci serviamo". Egli è riluttante a parlare delle società con cui è in affari ma Maersk Line, Sea-Land Service e Neptune Orient Lines sono tutti nomi che ricorrono nell'intervista.

Detto ciò, come fa la Philips a scegliere un buon socio d'affari? Goedhart cita un certo numero di fattori:

  • "Responsabilità globale" è uno dei termini utilizzati. Esso riguarda parecchie questioni, ma Goedhart sottolinea la necessità di esperienza a livello globale ed in particolare di conoscenze locali: "Nessuno sa più cose in ordine alle Dogane coreane di un coreano".

  • Frequenza e tempi. In alcuni servizi, ad esempio il traffico Europa/Asia, Goedhart ha bisogno di partenze quasi a livello giornaliero e di conseguenza andrà a cercare i membri di un consorzio o di un'alleanza. In altri settori guarda invece alla data di consegna: "Non ci piace che le merci arrivino di giovedì o venerdì". Egli si aspetta inoltre che le linee adeguino i propri servizi alle sue esigenze: "Le linee di navigazione e le alleanze di solito programmano gli orari in modo tale che si adattino ai grandi caricatori".

  • Flessibilità e collaborazione con le linee di navigazione ma indipendenza nei loro confronti. Commenta Goedhart: "Il vero significato della consultazione con le linee di navigazione sta nel fatto che esse ci propongano soluzioni per i nostri problemi. Il nostro compito è quello di guidarle".

  • Totali opportunità di trasporto senza legami. "Idealmente noi mireremmo ad un servizio porta a porta, ma non vogliamo essere intrappolati nell'autotrasporto".

Verosimilmente, vi è un altro fattore primario che influenza le decisioni della Philips. Che è poi quello maggiore: i costi. I grandi volumi, com'è ovvio, danno a Goedhart un maggior potere contrattuale. Dopo tutto, 100.000 TEU rappresentano almeno il 5% dei quantitativi complessivamente movimentati da un grosso vettore come la Evergreen Line o la P&O Nedlloyd Container Line. Ovviamente, non tutto questo traffico andrà ad un solo vettore, ma la Philips ed altri affini sono i clienti principali per queste linee di navigazione.

I volumi e la praticità impongono che la Philips stipuli contratti annuali con i propri fornitori di trasporto. All'inizio dell'anno viene raggiunto un accordo e questo coprirà tutte le eventualità. Goedhart non si aspetta di pagare alcun extra, come quelli relativi all'adeguamento delle stive: "Tutti gli accordi che stipuliamo prevedono problemi quale l'aumento del carburante e li tengono in considerazione. Qui non si tratta di accordi del tipo mordi e fuggi. Non è neanche una strada a senso unico: talvolta ci perdiamo noi, altre volte loro. Naturalmente commettiamo degli errori, ma ci aspettiamo che questi contratti annualmente vengano rinegoziati. E' questo il modo di mandare avanti un buon matrimonio".

Le migliori relazioni, a giudizio di Goedhart, sono quelle di stretta collaborazione, sebbene egli non desideri essere consultato ogni giorno: "Mi aspetto che un contenitore venga consegnato quando e dove voglio io. Non m'interessa che la società utilizzi un sistema di tracking e tracing. Voglio solo sapere se esso non arriverà nel luogo indicato al momento indicato. L'intervento dovrebbe esserci solo per i casi eccezionali. Dalle linee di navigazione vogliamo informazioni e non dati".

Tornando alla similitudine del matrimonio, sarebbe un miracolo se non vi fossero discussioni o problemi tra la Philips ed i suoi fornitori; pertanto, quali sono? Con il tipo di merci che la Philips trasporta, non sorprende il fatto che la sicurezza costituisca una delle questioni principali. Commenta Goedhart: "Date le caratteristiche degli articoli che inviamo in giro, uno dei problemi è il verificarsi di piccoli furti. Al riguardo, cerchiamo di far finta che il problema non ci sia, dal momento che non vogliamo dargli troppa pubblicità. Per le merci di valore molto elevato, come i chips per computers, ci serviamo del trasporto aereo".

Mentre la sicurezza è una "realtà della vita di tutti giorni", che può essere minimizzata piuttosto che estirpata, vi sono altri settori in cui Goedhart ritiene che il caricatore e la compagnia di navigazione possano agire in più stretta collaborazione. Uno di tali fattori-chiave è la tratta interna. La tratta marittima - afferma Goedhart - va via liscia; in quella terrestre, invece, si verificano ritardi ed i costi salgono. Spiega infatti: "A noi piacciono le soluzioni porta a porta, ma abbiamo verificato che, quando si calcolano i costi, la tratta marittima influisce per il 15% ed i terminals per un altro 15%, mentre la tratta terrestre influisce per il 42%". E' ovvio che Goedhart ritiene che qui possano essere realizzati dei risparmi.

Le ferrovie in Europa rappresentano un settore in cui, in futuro, potrebbero essere conseguiti dei risparmi, ma al momento Goedhart non lo prende neppure in considerazione. Spiega Goedhart: "In Europa, la priorità è ancora data ai treni passeggeri. Noi abbiamo un livello di servizio preferenziale e ci aspettiamo che i carichi vengano consegnati ad un momento preciso. Non li vogliamo al giovedì o venerdì sera. E guardate le tariffe: sono di gran lunga troppo care. La cosa strana è che noi saremmo persino disposti a pagare di più per un servizio migliore".

Le ferrovie europee, secondo Goedhart, non sono per nulla flessibili. "Per consegnare a domicilio, bisogna sempre combinare il trasporto con la strada". Se la strada è comunque meno cara - continua Goedhart - perché aggiungere il costo della modalità ferroviaria? Si riconoscono i benefici apportati all'ambiente dalla ferrovia e Goedhart descrive la Philips come una società "fanatica per tutto ciò che riguarda l'ambiente", ma alla fin fine si tratta pur sempre di una decisione di carattere commerciale. Se le ferrovie dovessero diventare meno care e più efficienti, allora la Philips sceglierebbe senz'altro l'alternativa più ecologica.

La stessa cosa può dirsi rispetto a tutte le modalità trasportistiche. Commenta Goedhart: "Noi non effettuiamo il trasporto, ma lo utilizziamo. Se potessimo scegliere tra camion elettrici e camion a gasolio (a parità di costi), opteremmo per l'alternativa verde. Ma non possiamo aspettarci che i trasportatori facciano altrettanto. Dopo tutto, tutti quanti lavoriamo per fare soldi".

Ed infatti Goedhart ritiene altresì che la Philips possa aiutare i vettori marittimi a far soldi: "Uno dei maggiori problemi che i vettori hanno è quello del riposizionamento". A Goedhart piacerebbe utilizzare più unità da 40 piedi, ma i relativi costi rappresentano un problema. Commenta perciò: "Se ci rendessero più facile l'utilizzazione di un 40 piedi mediante l'abbattimento dei costi, penso che ci potrebbe essere il modo di dividere i costi del riposizionamento di quella unità. Se ad esempio essi comprassero 30.000-40.000 unità in gruppo e poi ce ne ascrivessero il 30%, penso che il problema potrebbe essere risolto. Sarebbe lo stesso, per noi, che possederne una scorta di proprietà". Il matrimonio, ovviamente, sarebbe vantaggioso per entrambi i partners.

Goedhart inoltre crede che esistano altre iniziative che potrebbero essere portate avanti. L'idea delle navi veloci è una iniziativa che lo attira: "Il problema è che si tratta della classica situazione dell'uovo e della gallina. Io ritenevo che l'idea fosse fantastica. Potremmo fare un sacco di cose con un servizio di quel tipo. In questo momento, però, non mi sento di andargli a dire con certezza che lo utilizzerò. Istituite il servizio e fatelo funzionare: allora potrebbe cominciare ad interessarmi".

Tornando alla faccenda del matrimonio, Goedhart ammette che la Philips preferisce un certo tipo di vettore: "Di solito, appartiene ad una conferenza". Tuttavia, ciò non costituisce una sicura indicazione del fatto che alla Philips piacciano le conferenze; anzi, è tutto il contrario: "Spero che le conferenze scompaiano" ammette apertamente. La ragione è semplice: egli ritiene che esse costituiscano un anacronismo nell'attuale situazione. Come indica lo stesso Goedhart, le forza di mercato dispongono di un controllo di gran lunga maggiore. L'attuale linea di tendenza all'eccesso di capacità è una di tali forze. Commenta Goedhart: "Sarebbe miope il punto di vista di chi pensasse che l'eccesso di capacità sui traffici est-ovest possa comportare una riduzione continua delle tariffe. Se ciò avvenisse, resterebbero solo pochi operatori. Questo proprio i caricatori non lo vogliono. La maggior parte delle linee di navigazione, inoltre, cercherà di proteggere la propria esistenza".

Qualsiasi cosa accada alle linee di navigazione nei prossimi anni, sembra probabile che la Philips continui ad essere uno dei principali clienti. E, alla domanda "chi porta i pantaloni in quella casa?", è verosimile che la risposta giusta sia: Dirk Goedhart e la Philips.

CMA CGM ristruttura servizi nel Mediterraneo
Marsiglia
Variazioni alle linee Euronaf e TMX 2 che scalano diversi porti italiani
L'unico retroporto del porto di La Spezia è quello di Santo Stefano Magra
La Spezia
Lo sottolineano spedizionieri, agenti marittimi e doganalisti spezzini che dicono no all'ipotesi di altri corridoi
Guerrieri (AdSP Livorno): il terminal TDT deve mantenere la propria vocazione merceologica
Livorno
Ci aspettiamo da Grimaldi - ha specificato - piani di sviluppo per favorire una reale crescita dei traffici containerizzati
Emanuele Grimaldi è stato rieletto presidente dell'International Chamber of Shipping
Emanuele Grimaldi è stato rieletto presidente dell'International Chamber of Shipping
Montreal
Confermato per un altro mandato di due anni
Lorenzo Giacobbe è il nuovo presidente del Gruppo Giovani di Assagenti
Genova
Sarà affiancato dai vicepresidenti Pietro Abbona e Andrea Pompei
I porti di Trieste e Monfalcone si alleano con quelli di Cartagena, Riga e North Sea Port
Trieste
Rapporto sul lavoro nei porti liguri
Genova
È stato realizzato dalla Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile
Trasporto intermodale di prefabbricati in calcestruzzo dalla Toscana alla Sardegna
Arezzo
Collaborazione tra il gruppo Baraclit, il Polo Logistica del gruppo FS e il gruppo Grendi
Prosegue la crescita del traffico containerizzato di transhipment nei porti di Algeciras e Valencia
Algeciras/Valencia
A maggio nei due scali i contenitori in trasbordo sono aumentati del +8,4% e +12,0%
Kombiverkehr, nel 2025 raddoppieranno in Germania i costi per l'uso delle linee ferroviarie per il trasporto delle merci
Francoforte sul Meno
Krebs: nella peggiore delle ipotesi fermeremo i trasporti
Salgono a 88 le aziende associate ad Assiterminal
Genova
Adesione di sette nuove aziende
Fratelli Cosulich ha acquisito la genovese Schiavetti Enzo
Genova
Opera nel settore della produzione e vendita di prodotti hardware per l'industria navale e nautica
Probabile affondamento della rinfusiera Tutor attaccata dagli Houthi
Portsmouth
Segnalato l'avvistamento in mare di detriti e di chiazze di idrocarburi
Il Consiglio UE concorda la sua posizione sul nuovo regolamento sull'Agenzia Europea per la Sicurezza Marittima
Bruxelles
Adottato anche l'approccio generale sul regolamento sull'uso della capacità dell'infrastruttura ferroviaria
Anche il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso dalla Società Petrolifera Gioia Tauro
Gioia Tauro
L'ente portuale aveva rigettato le istanze di concessione presentate dalla società
Mitsubishi Shipbuilding costruirà le prime due navi ro-ro giapponesi a metanolo
Tokyo
Avranno una capacità di circa 2.300 autoveicoli
MSC ristruttura i collegamenti tra il Mediterraneo occidentale e il Canada
Ginevra
Fusione di due servizi
Nuovo servizio Mediterraneo - East Coast USA della MSC
Ginevra
Avrà frequenza settimanale
Il 24 giugno verrà attivato il Port Community System dei porti della Campania
Napoli
La piattaforma digitale sarà dotata di ulteriori strumenti entro il 2026
Nel 2023 il traffico delle merci nei porti greci è cresciuto del +1,0%
Il Pireo
Passeggeri in crescita del +6,4%
Lo scorso mese il traffico dei container nel porto di Long Beach è diminuito del -8,2%
Long Beach
Nei primi cinque mesi del 2024 è stato registrato un aumento del +10,0%
Nel 2023 il fatturato della MIS - Magli Intermodal Service è cresciuto del +28,5%
Acquanegra Cremonese
Movimentate 2,3 milioni di tonnellate di carichi
Spediporto, contingentare gli arrivi nel porto di Genova ad un numero di automezzi che possano effettivamente essere serviti
Prosegue la crescita dei prezzi delle nuove costruzioni navali
Copenaghen
Si riduce la consistenza del portafoglio ordini di portacontainer
A maggio il traffico dei container nel porto di Los Angeles è calato del -3,4%
Los Angeles
Attesa la ripresa della crescita in estate
Il 25 giugno a Genova si terrà l'assemblea di Assagenti
Genova
Evento dal titolo “Mari inquieti. Rotte e conflitti: l'incognita dei traffici”
Arrivati al 60% i lavori di consolidamento della prima vasca di colmata della Darsena Europa
Livorno
Il completamento è previsto entro fine anno
Piacenza ha rassegnato le dimissioni da commissario straordinario dell'AdSP del Mar Ligure Occidentale
Genova/Roma
Gli subentra l'ammiraglio Massimo Seno
I mezzi della Guardia Costiera di Trieste hanno soccorso una motonave dell'APT Gorizia
Trieste
Tratte in salvo le 76 persone a bordo
The Italian Sea Group ha portato a termine la cessione del cantiere nautico di Viareggio
Marina di Carrara
È stato venduto a Next Yacht Group per 21 milioni di euro
Eni ha ceduto il 10% del capitale sociale di Saipem
San Donato Milanese
Il controvalore è stato di circa 393 milioni di euro
Ripristinata la piena navigabilità nel canale d'accesso al porto di Baltimora
Baltimora
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Assoporti e SRM pubblicano un nuovo aggiornamento del rapporto “Port Infographics”
Roma
Focus sui traffici marittimi e le flotte, sui carburanti alternativi e sull'occupazione delle donne nei porti
Rinnovato il consiglio di amministrazione di Stazioni Marittime
Genova
Indicazione della conferma di Edoardo Monzani al ruolo di presidente
A maggio i ricavi di Yang Ming e Wan Hai Lines sono cresciuti del +46,2% e +40,1%
Keelung/Taipei
Nei primi cinque mesi del 2024 registrati incrementi del +27,0% e +17,5%
Porto di Genova, Spediporto e Fedespedi chiedono agli autotrasportatori di congelare la congestion fee
Genova
DFDS venderà le proprie mini crociere alla Gotlandsbolaget
Copenaghen/Visby
La cessione includerà le navi “Crown Seaways” e “Pearl Seaways” costruite nel 1994 e 1989
Secondo report del Centro Studi Fedespedi sulla crisi di Suez
Milano
Nel Mediterraneo, avvantaggiati i porti più vicini a Gibilterra
Finsea rinnova la propria brand identity
Genova
La struttura del gruppo suddivisa in tre principali unità di business: Finsea - Shipping agency, Finsea - Land transport e Finsea - Global logistics
Accelleron ha siglato un accordo quinquennale con Grandi Navi Veloci
Baden/Genova
Manutenzione e assistenza agli oltre 100 turbosoffianti installati sulle 28 navi della flotta
A maggio il traffico dei container nel porto di Singapore è ammontato a 3,5 milioni di teu (+3,6%)
Singapore
Nei primi cinque mesi del 2024 sono stati movimentati 16,9 milioni di teu (+7,7%)
Il 17 luglio a Roma si terrà l'assemblea dell'Associazione Italiana Terminalisti Portuali
Genova
Sarà preceduta il 16 da un evento privato tra networking e arte
Lo scorso mese il fatturato di Evergreen è cresciuto del +40,3%
Taipei
Nei primi cinque mesi del 2024 l'incremento è stato del +36,2%
La spagnola Pérez y Cía. ha comprato la connazionale EUCONSA
Madrid
È specializzata nel trasporto intermodale alla rinfusa di prodotti chimici e petrolchimici
Canale di Suez, prosecuzione della politica di sconti applicati alle navi in transito
Ismailia
Il traffico marittimo è tuttora più che dimezzato rispetto allo scorso anno
Convegno sulla sicurezza e ottimizzazione del flusso di passeggeri nei porti e alle frontiere
Roma
Organizzato dalla Fondazione ICSA, si terrà il 12 giugno a Roma
È proseguito ad aprile il rilevante aumento del traffico dei container nel porto di Barcellona
Barcellona
Il solo traffico di transhipment è cresciuto del +73,9%
Piero Lazzeri è stato riconfermato presidente di Sanilog
Roma
Walter Barbieri è stato nominato vicepresidente del fondo per il prossimo triennio
La tedesca L.I.T. compra la società italiana Autotrasporti Pedot
Brake
L'azienda di Lavis (Trento) è stata fondata nel 1939
Nel primo trimestre di quest'anno il traffico delle merci nei porti tunisini è calato del -8,3%
La Goulette
In diminuzione sia gli sbarchi (-6,1%) che gli imbarchi (-11,5%)
La danese Scan Global Logistics ha comprato la Foppiani Shipping & Logistics
Copenaghen
L'azienda, con sede a Prato, occupa più di 160 persone
Nuovo servizio Egitto - Grecia - Algeria di Tarros e Diamond Line
La Spezia
Avrà frequenza settimanale e sarà inaugurato il 28 giugno
Porto di Gioia Tauro, ok del CSLP agli interventi per il traffico delle navi ro-ro e ro-pax
Gioia Tauro
Approvato l'adeguamento tecnico funzionale al PRP
Uiltrasporti, verso mobilitazione dei portuali italiani dal 17 al 23 giugno
Roma
Recupero del potere d'acquisto, sicurezza e maggiori tutele sono le richieste
Michail Stahlhut (Hupac) è il nuovo presidente della UIRR
Bruxelles
Jürgen Albersmann (Contargo) nominato vicepresidente
Terminali Italia passa al Polo Logistica del gruppo FS
Roma
Mercitalia Logistics è diventata socio unico dell'azienda
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
Il 25 giugno a Genova si terrà l'assemblea di Assagenti
Genova
Evento dal titolo “Mari inquieti. Rotte e conflitti: l'incognita dei traffici”
Convegno sulla sicurezza e ottimizzazione del flusso di passeggeri nei porti e alle frontiere
Roma
Organizzato dalla Fondazione ICSA, si terrà il 12 giugno a Roma
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
How multinational shipping lines frustrates growth of African counterparts
(Vanguard)
Deutsche Bahn Schenker takes CVC, Maersk, DSV and Bahri into final round, sources sa
(Reuters)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Mario Mattioli
Roma, 27 ottobre 2023
››› Archivio
Dal 2026 diventerà obbligatoria la segnalazione dei container persi in mare
Dal 2026 diventerà obbligatoria la segnalazione dei container persi in mare
Washington/Singapore/Bruxelles/Londra
Kjaer (WSC): progresso significativo nella sicurezza della navigazione e nella salvaguardia dell'ambiente
L'emiratense ADNOC Logistics and Services compra Navig8
Abu Dhabi
Transazione del valore di circa 1,4-1,5 miliardi di dollari
Parte dell'area ex Tubimar del porto di Ancona sarà riservata allo sviluppo della cantieristica nautica
Ancona
Approvato un atto di indirizzo
Domani La Méridionale inaugurerà il servizio traghetto Livorno-Île-Rousse
Marsiglia
Previste tre partenze settimanali
Il primo luglio Maersk introdurrà una Fossil Fuel Fee
Copenaghen
Il nuovo soprannolo sostituirà gradualmente il Bunker Adjustment Factor e il Low Sulphur Surcharge
Fit Cisl, necessario garantire la piena operatività del Comitato di gestione dell'AdSP della Liguria Occidentale
Genova
Bilog, le imprese affiancano l'AdSP della Liguria Orientale e il Comune di Piacenza
La Spezia
Vittorio Torbianelli è stato nominato commissario straordinario dell'AdSP del Mare Adriatico Orientale
Roma
Fratelli Cosulich, nuova nave cisterna bunker chimica IMO2
Genova
È la prima della flotta pronta a trasportare metanolo
COSCO realizzerà l'upgrade a dual-fuel di quattro nuove portacontainer da oltre 16.000 teu
Shanghai
Rinnovato il Cda di Interporto Padova
Padova
Luciano Greco è il nuovo presidente
Le imprese dell'autotrasporto che operano con il porto di Genova introducono una “congestion fee”
Genova
A Venezia è stata istituita l'Accademia della Logistica e del Mare
Venezia
È frutto della collaborazione tra ITS Marco Polo Academy, Vemars e CFLI
Siglato il contratto per l'elettrificazione delle banchine del porto di Termoli
Bari
In programma opere del valore complessivo di circa 4,5 milioni di euro
Flessione delle performance finanziarie trimestrali di Danaos e MPCC
Atene/Oslo
Le due società hanno flotte rispettivamente di 69 e 56 navi portacontenitori
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile