testata inforMARE
Cerca
14 aprile 2024 - Anno XXVIII
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
00:49 GMT+2
LinnkedInTwitterFacebook
C . I . S . Co . newsletter
SEA TRANSPORT

FEFC: tariffe sottodimensionate?

La FEFC (Conferenza Trasporto merci Estremo Oriente) stima che le tariffe relative ai servizi Asia-Europa siano calate del 40-50% in termini reali a partire dai primi anni '80. Le linee di navigazione appartenenti alla FEFC all'inizio dello scorso anno si erano riproposte di riportare le tariffe ad un livello più adeguato, ma il 1996, invece, si è rivelato disastroso. Le tariffe sono scivolate a circa 200 dollari USA per TEU, comportando una perdita complessiva d'introiti pari a 600 milioni di dollari per i membri della conferenza, che assicurano il 60% circa dei servizi tra il Nord Europa e l'Asia.

Dando il via nello scorso mese di novembre al piano di attività 1997, la FEFC ha posto in rilievo la crisi: "Le linee della FEFC non possono sopportare a tempo indeterminato tali paralizzanti riduzioni dei proventi e hanno dovuto mettersi a valutare in fretta tutti gli strumenti atti ad arrestare la spirale del calo tariffario". Scartata l'ipotesi di grossi incrementi tariffari, i membri hanno convenuto di congelare le proprie tariffe attuali e di applicare tariffe semplificate multi-settoriali, che includono fattori di adeguamento valutario (CAF) e fattori di adeguamento a complicazioni (BAF). Il BAF è stato convertito in un unico sovrapprezzo di 41,54 dollari/TEU, mentre il livello del relativamente stabile CAF è rimasto invariato. Nel tentativo di standardizzare e proteggere tali tariffe da mutamenti improvvisi, la FEFC ha dichiarato che ai caricatori sarebbe stato dato un preavviso di 30 giorni rispetto ai nuovi prezzi e che la revisione delle tariffe sarebbe avvenuta con cadenza trimestrale rispetto a ciascun mese.

La storia delle due tariffe

Nello standardizzare queste due tariffe ad interim, la FEFC ha centrato il nocciolo della questione. Laddove le compagnie di navigazione tendono a restare attaccate alla tariffa principale già concordata, sono proprio le tariffe aggiuntive CAF e BAF che le compagnie stesse vorrebbero ridurre od eliminare, evitando così che l'idea di tariffe fisse diventi una realtà. Il calo delle tariffe dello scorso anno ha dimostrato la riluttanza delle compagnie di navigazione a rimanere fedeli alle tariffe concordate e la FEFC è consapevole del marcato scetticismo in ordine al successo del nuovo piano. I membri della conferenza sono sotto pressione allo scopo di rimanere competitivi rispetto agli operatori indipendenti e, secondo alcuni, ciò comporta un livello analogo di tagli ulteriori. Come afferma Fared Salem, direttore esecutivo del gruppo presso la linea indipendente CMA (Compagnie Maritime d'Affretement), "sebbene la CMA sia stata formalmente invitata ad associarsi alla FEFC, ci siamo astenuti dal fare questo importante passo dal momento che abbiamo constatato che i membri della conferenza sono altrettanto aggressivi di qualsiasi vettore indipendente nell'applicazione di prezzi di trasporto merci caratterizzati da un livello poco realistico".

La FEFC, tuttavia, sostiene di svolgere ancora un ruolo importante nell'odierno mondo marittimo, com'è stato riconosciuto anche dalla normativa europea ai sensi del regolamento 4056/86 del 1986 in cui si sancisce che "...le conferenze di linea hanno un effetto stabilizzante, assicurando ai caricatori servizi affidabili; considerato che essi contribuiscono in genere a fornire servizi di trasporto marittimo adeguati, efficienti e programmati e tengono senz'altro conto degli interessi degli utenti; considerato che tali risultati non possono essere conseguiti senza la cooperazione che le compagnie di navigazione promuovono nell'ambito delle conferenze in relazione alle tariffe e, dove occorre, senza la disponibilità di capacità o di collocazione dei carichi per l'imbarco...".

Linea ferma

La FEFC, tuttavia, non può negare che le forze di mercato abbiano indebolito lo spirito di cooperazione e quest'anno, di conseguenza, ha richiesto ai dirigenti delle compagnie di navigazione alcune garanzie al fine di assicurare una rigorosa attuazione del piano di attività 1997. Dichiara la FEFC: "Le nostre linee di navigazione hanno convenuto - ad altissimo livello dirigenziale - di far sì che tutti gli aspetti del piano vengano osservati dalle proprie organizzazioni". La FEFC afferma che un'azione collettiva costituisca l'unica soluzione, dal momento che i radicali provvedimenti di taglio dei costi adottati in seguito alla formazione di alleanze più strette ed alle fusioni non sono riusciti a compensare le attuali perdite di introiti. Dato che i programmi relativi alla gestione delle capacità dell'EATA (Accordo Transatlantico Asia Orientale) e del TACA (Accordo Conferenze Transatlantiche) sono soggetti ad esame da parte della Corte Europea nell'ambito della Direzione per la Concorrenza dell'Unione Europea, altre forme di controllo collegiale sono improbabili. H. K. Kim, direttore generale marketing della HMM (Hyundai Merchant Marine), afferma che il piano della FEFC può comportare vantaggi per tutte le linee: "Le compagnie di navigazione hanno bisogno di condizioni di mercato stabili allo scopo di effettuare investimenti a lungo termine. L'iniziativa tariffaria della FEFC potrebbe indurre il mercato marittimo a tariffe più stabili dal momento che le compagnie non appartenenti a conferenze possono continuare a perseguire una linea propria".

Tuttavia, i problemi che hanno comportato la picchiata delle tariffe di trasporto merci non danno segnali di rapida soluzione, sebbene le linee di navigazione confidino nella ripresa del mercato. La diminuzione dei prezzi delle nuove costruzioni, che ha indotto i vettori a rafforzare le dimensioni delle proprie flotte, ha costituito un fattore importante nella produzione di eccesso di capacità su queste rotte. A ciò si è unita l'urgenza di acquisire o mantenere una quota di mercato in conseguenza della formazione dei mega-consorzi.

Continuano ad essere consegnate navi sempre più grandi, sebbene Toshio Shimizu, vice capo esecutivo della K-Line Europa, affermi che ciò non avverrà nella medesima scala precedente: "Non si verificherà un grosso incremento della capacità come quello dello scorso anno, il che contribuirà a stabilizzare il traffico". Quest'anno dovrebbero altresì registrarsi costituzioni di alleanze, sebbene il mercato sia senza dubbio più incerto circa il futuro delle Alleanze Grand e Global, in seguito alla fusione P&O Nedlloyd.

Mark Paige, direttore ricerche della società di consulenza Drewry Shipping, afferma che "l'offerta e la domanda dovrebbero allinearsi maggiormente affinché vi possa essere un mercato stabile". La FEFC dichiara che il divario verrà colmato nel 1997: "Fatta eccezione per le consuete variazioni stagionali, sono attesi per il 1997 elevati livelli di utilizzazione e, con la realizzazione di questo programma, vi sono buone prospettive per una ripresa nell'ambito del traffico Nord Europa/Asia. Anche Shimizu è ottimista: "Dato che la crescita attesa di traffico nel 1997 è a due cifre, prevediamo che la situazione offerta/domanda migliori".

Segno dei tempi

La K-Line si aspetta di osservare quest'anno un "leggero incremento" dei traffici rispetto ai suoi tre servizi Europa-Asia. Lo scorso anno il vettore in questione ha movimentato 190.000 TEU sulle rotte che gestisce insieme alla Yangming Line e - da agosto - alla Cosco. Salem, della CMA, si aspetta un incremento dell'otto per cento "in linea con le previsioni di traffico generali" dei suoi due servizi settimanali. Lo scorso anno il FAL (Linea Francese per l'Asia) ha trasportato 165.000 TEU, mentre il MEX (Espresso Mediterraneo) - gestito con la Yangming - ha trasportato 75.600 TEU.

Steve Chao, direttore pubbliche relazioni della Evergreen si aspetta che il traffico aumenti fino a 220.000 TEU rispetto ai 200.000 TEU movimentati nel 1996 nel suo servizio Estremo Oriente-Europa. Le previsioni più ottimistiche sono quelle della HMM, che all'inizio di quest'anno si è tirata fuori dall'accordo sulle quote di spazi-containers con la MSC (Mediterranean Shipping Company) e la Norasia. La HMM, che adesso effettua da sola il servizio espresso settimanale AEX, stima che i carichi ammonteranno complessivamente a 300.000 TEU rispetto ai 205.000 TEU dello scorso anno.

La HMM attribuisce tale incremento all'uso di navi più grandi a partire dalla metà del 1996. Inoltre la Drewry Shipping prevede tassi di utilizzazione del 70% appena per quest'anno, il che fa pensare che i vettori saranno costretti a continuare a riempire gli spazi-containers con traffico di trasbordo che, secondo Paige, "contribuisce molto poco all'attività di linea primaria".

Decisioni da prendere

Ai vettori viene lasciata la decisione se assicurare servizi espressi in grado di provvedere al solo trasporto relativo alle rotte principali oppure servizi che scalino più destinazioni, dando perciò sfogo al traffico di trasbordo. La HMM ha optato per i primi, che consistono in un servizio ogni 16 giorni da Singapore a Le Havre. Dichiara Kim: "L'effettuazione di un servizio espresso è veramente importante. Tempi di viaggio brevi rappresentano proprio ciò che i caricatori richiedono allo scopo di minimizzare i propri costi".

La HMM, inoltre, è uno dei pochi vettori che non si sono associati ad una alleanza né si sono fusi, iniziative che vengono generalmente considerate essenziali per sopravvivere quando si forniscono servizi sulle più importanti rotte marittime. "L'effettuazione di un servizio per conto nostro ha il grande vantaggio di lasciarci il completo controllo del servizio stesso" dice Kim. Altri indipendenti, come la CGM (Compagnie Generale Maritime), il cui presidente Eric Giuily lamentava l'inconsistenza delle tariffe, si sono ritirati dal mercato. Il vettore in questione, tuttavia, è stato allora acquistato dalla CMA, le cui principali rotte commerciali tradizionali sono sempre state l'Est-Ovest o l'Europa-Estremo Oriente. Salem afferma che la CMA e la CGM verranno gestite in modo indipendente, dal momento che le diverse rotte di traffico garantiscono buone opportunità d'interscambio.

Tuttavia, le opportunità di razionalizzazione e di gestione economica consentite dall'appartenenza ad una alleanza restano un elemento centrale nella strategia della maggior parte dei vettori. Shimizu della K Line afferma che la linea ha tratto vantaggi dal suo recente legame con la Cosco, avendo ottenuto "tempi di viaggio tra i più rapidi nell'ambito dei vettori, evitando altresì i costi di raccordo tra i porti cinesi. Si potrebbe poi conseguire, in questo contesto, un uso efficiente dell'equipaggiamento".
(da: Container Management, marzo 1997)

Il terminale di rigassificazione FSRU Toscana ha lasciato Livorno diretto a Genova
Livorno
Nello scalo ligure e poi a Marsiglia verranno effettuati interventi di manutenzione
Confermata a Rimorchiatori Riuniti Porto di Genova la concessione dei servizi di rimorchio nel porto di Genova
Confermata a Rimorchiatori Riuniti Porto di Genova la concessione dei servizi di rimorchio nel porto di Genova
Genova
Previsti investimenti per 35 milioni di euro per rinnovare la flotta
Nel primo trimestre del 2024 i ricavi della OOIL sono diminuiti del -9,0%
Hong Kong
I container trasportati dalla flotta della OOCL sono aumentati del +3,4%
Mattioli (Federazione del Mare) rilancia il ruolo propulsivo dei cluster marittimi
Roma
Oggi si celebra la Giornata Nazionale del Mare e della cultura marinara
Nel primo trimestre del 2024 i ricavi di Yang Ming e WHL sono cresciuti del +18,5% e +8,1%
Keelung/Taipei
A marzo gli incrementi sono stati pari rispettivamente a +20,3% e +8,6%
Nel 2023 il traffico merci movimentato dal gruppo Ferrovie dello Stato è calato del -2,0%
Roma
Il Polo Logistica ha registrato una perdita netta di -80 milioni di euro, in miglioramento di 63 milioni
Porto di Genova, inaugurati nuovi locali di Stella Maris presso Stazioni Marittime
Genova
Sono destinati al benessere e alla socializzazione dei marittimi in transito nella Superba
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
La tedesca Dachser ha acquisito la connazionale Brummer Logistik
Kempten
L'azienda è specializzata nella logistica dei prodotti deperibili
Nel primo trimestre del 2024 i ricavi della Evergreen sono aumentati del +32,6%
Taipei
A marzo l'incremento è stato del +36,5%
Patto di cooperazione tra le associazioni dei porti e delle compagnie traghetto della Grecia
Il Pireo
Tra le attività, accertarsi che le banchine portuali siano adeguate alle nuove tecnologie navali
Nel 2023 il traffico delle merci nei porti del Lazio è calato del -5,7%. Record delle crociere
Civitavecchia
Passeggeri dei servizi di linea in crescita del +10,0%
RINA collaborerà allo sviluppo sostenibile dei porti e dello shipping dell'Indonesia
Genova
Contratto con la Banca Mondiale
A Udine l'Officina Manutenzione Rotabili di FVG Rail è stata dotata di un tornio in fossa
Udine
Ok dell'assemblea di Interporto Padova alla fusione per incorporazione del Consorzio Zip
Padova
Aumento di capitale di oltre 7,8 milioni di euro suddiviso tra Comune, Provincia e Camera di Commercio
La turca Arkas ordina quattro portacontainer da 4.300 teu a Guangzhou Wenchong Shipyard
Izmir
Al via un investimento di 240 milioni di dollari
Deutsche Bahn avrebbe sollecitato un gruppo di potenziali offerenti a presentare proposte per acquisire DB Schenker
New York
L'invito rivolto, tra gli altri, a DSV, Maersk e MSC
Interferry chiede ai governi di usare gli introiti della carbon tax per dotare le banchine portuali del cold ironing
Victoria
Corrigan: «imperativo che l'estesa installazione di impianti OPS sia intrapresa con urgenza»
Corsi di formazione per gli equipaggi di GNV per evitare le collisioni con cetacei e tartarughe marine
Genova
Realizzati assieme all'ente di ricerca Fondazione CIMA, promuovono anche la tutela della biodiversità
DP World e Rumo realizzeranno un nuovo terminal per cereali e fertilizzanti nel porto di Santos
Curitiba/Dubai
Previsto un investimento di quasi 500 milioni di dollari
La singaporiana ONE ristrutturerà il servizio feeder tra l'Adriatico e l'Egitto
Singapore
Verranno inclusi scali a Trieste e al Pireo
Nuovi servizi ferroviari di Rail Cargo Group tra l'Austria, la Germania e l'Italia
Vienna
Incremento della frequenza delle partenze sulla linea Duisburg-Villach-Lubiana
Oltre 700mila crocieristi approdati nel 2023 alla Spezia hanno speso complessivamente 71,2 milioni di euro
La Spezia
Il 68,3% di questa somma per l'acquisto dei tour organizzati
Altre cinque gru di banchina ULCV per il porto malese di Tanjung Pelepas
Gelang Patah
Sono state ordinate alla cinese ZPMC
L'11 aprile partirà la sesta edizione degli “Italian Port Days”
Roma
Anche quest'anno il progetto è stato diviso in due sessioni: la prima in primavera e la seconda dal 20 settembre al 20 ottobre
I sistemi di guida autonoma garantiscono benefici alle società di autotrasporto e ai conducenti, assicurano dalla Cina
Shanghai
Deshun Logistics sperimenta le tecnologie di Inceptio Technology in viaggi commerciali
Nel primo bimestre del 2024 il traffico delle merci nel porto di Taranto è diminuito del -7,8%
Taranto
Decisa flessione dl -22,4% a febbraio
Domani al via i tre giorni di sciopero per il contratto dei lavoratori portuali
Roma
Venerdì a Genova si terrà una manifestazione nazionale
Il 16 aprile a Nola il convegno nazionale dell'Unione Interporti Riuniti
Nola
Evento “Interporti al centro. Una rete strategica per l'Italia”
Attica ha venduto il traghetto Express Skiathos per nove milioni di euro
Atene
Costruito nel 1996, è stato ceduto alla 4Naver Shipholding
Il porto cretese di Suda sarà dotato di un nuovo terminal crociere
Drapetsona
Fondi per l'approfondimento dei fondali del porto ellenico di Stylida
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
MEETINGS
L'11 aprile partirà la sesta edizione degli “Italian Port Days”
Roma
Anche quest'anno il progetto è stato diviso in due sessioni: la prima in primavera e la seconda dal 20 settembre al 20 ottobre
Il 16 aprile a Nola il convegno nazionale dell'Unione Interporti Riuniti
Nola
Evento “Interporti al centro. Una rete strategica per l'Italia”
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Le transport maritime national navigue à vue
(Aujourd'hui Le Maroc)
“Israel is facing silent sanctions”
(Globes - Israel's Business Arena)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Mario Mattioli
Roma, 27 ottobre 2023
››› Archivio
VTTI e IKAV acquisiranno il controllo del terminal di rigassificazione GNL Adriatico
Rotterdam/Amburgo
Costituito un consorzio per acquisire la maggioranza del capitale
Il 16 aprile la conferenza dei servizi istruttoria sul progetto del ponte sullo stretto di Messina
Roma
Ai partecipanti sarà messa a disposizione la documentazione progettuale
Iniziata la costruzione della nuova serie di grandi navi garage dell'elvetica Sallaum Lines
Sarnen
Nel 2023 sono cresciute le attività di riparazione navale nei cantieri greci
Il Pireo
Effettuati lavori su 651 navi (+9,8%)
Nuovo record storico dei ricavi del gruppo terminalista cinese COSCO Shipping Ports
Hong Kong
Lo scorso anno è stato chiuso con un utile netto di 394,3 milioni di dollari (+0,9%)
Ufficializzata l'intesa preliminare per la cessione del quotidiano “Il Secolo XIX” al gruppo MSC
Torino/Ginevra
Avvio delle negoziazioni in esclusiva per consentire lo svolgimento della due diligence
Accordo Ferrovie dello Stato - ESA per l'applicazione di tecnologie servizi spaziali alla logistica
Roma
Nel 2023 Interporto Padova ha registrato un aumento del +7,3% del valore della produzione
Padova
Utile netto a 2,9 milioni di euro (+2,0%)
Sesta edizione del report su corridoi ed efficienza logistica di Contship e SRM
Melzo
In aumento il già preponderante ricorso alla clausola Ex Works delle aziende manifatturiere di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto
Accordo alla Spezia per l'uso dell'idrogeno quale fuel per le manovre ferroviarie in porto
La Spezia
È stato siglato dall'AdSP e Mercitalia Shunting & Terminal
Carnival ordina a Meyer Werft una quinta nave da crociera di classe “Excel”
Miami
Sarà presa in consegna nel 2028
Bruxelles teme che l'acquisizione di ITA da parte di Lufthansa possa limitare la concorrenza
Bruxelles
Comunicato l'esito preliminare dell'indagine
La comunità portuale di La Spezia ricorda Giorgio Bucchioni
La comunità portuale di La Spezia ricorda Giorgio Bucchioni
La Spezia
Era un riferimento intelligente, costante e infaticabile, sottolineano agenti marittimi, doganalisti e spedizionieri
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf Archivio storico
Mobile